Steno Borghese, Fortini:”Tutte notizie false”!

Pubblicato il apr 8 2015 - 8:07pm by Giovanni Colantuono

Non si vede all’orizzonte alcuna soluzione alla vergognosa situazione dello stadio Steno Borghese di Nettuno. Negli ultimi giorni, alcune notizie diffuse da siti internet avevano annunciato un presunto accordo tra le due società nettunesi che avrebbe facilitato le decisioni di ciò che rimane di una amministrazione comunale ormai delegittimata dagli eventi. Ieri infatti si è insediato il Commissario che guiderà la città tirrenica fino al maggio del 2016.

Ma torniamo al caso dello stadio perchè nel tardo pomeriggio di oggi è stato lo stesso Presidente Piero Fortini a smentire  le notizie diffuse nei giorni scorsi:

“Non c’è nessun accordo firmato e nessuna richiesta congiunta per la gestione dello stadio fatta con il Nettuno2 – tuona un Fortini visibilmete contrariato – non capisco, e mi dovranno rendere conto, cosa hanno pubblicato certe persone sui siti internet. Sono notizie false. Come possiamo fare accordi con chi ha provocato tutta questa situazione, ci hanno tolto lo stadio Steno Borghese dopo una verifica degli atti della convenzione richiesta dai dirigenti del Nettuno2. Ora dobbiamo accordarci con loro? E’ tutto assurdo. L’unica società che ha i requisiti per ottenere una nuova convenzione per lo Steno Borghese è il Nettuno BC, e quindi non accettiamo proposte da nessuno”.

In realtà quindi si è trattato di una proposta del Nettuno2 di richiedere insieme la gestione dello stadio?

“Solo chiacchiere – continua Fortini – come possono loro dettare le condizioni per gestire lo Steno Borghese. Le regole parlano chiaro, una società non ha diritto a chiedere impianti sportivi se già è assegnataria di due impianti. Il Nettuno2 ha già due campi in convenzione nel centro sportivo di Santa Barbara, con la metà dello Steno Borghese loro avrebbero così due impianti e mezzo, ed il Nettuno BC, che ricordo a tutti è la squadra che ha fatto la storia di questo sport in Europa, ne avrebbe solo mezzo. Ripeto, sono solo chiacchiere e notizie false quelle che hanno pubblicato, mi hanno attribuito anche una dichiarazione con un sito d’informazione di Nettuno che io non ho fatto. E’ tutto falso e chi ha scritto quelle cose sono gli stessi che in questi mesi non hanno mai scritto la verità di tutta questa storia. Adesso devono smentire e scrivere la verità”.

C’è una via d’uscita a questa situazione ormai difficile da sopportare?

“Noi abbiamo sempre indicato i modi per arrivare ad un certo tipo d’accordo per far giocare anche il Nettuno2 allo Steno Borghese – continua Fortini – non abbiamo mai negato la disponibilità dello stadio. Ovvio che avendo noi le spese per la manutenzione e la gestione, l’altra società doveva impegnarsi per coprire le spese per l’utilizzo dello stadio per le partite. Cosa che il Nettuno2 non ha mai voluto accettare. Hanno sempre parlato di altro. Ora faremo i nostri passi con il Commissario che dirigerà il Comune di Nettuno, mentre i nostri avvocati porteranno avanti le nostre ragioni, perchè mi sembra chiaro che del danno d’immagine che abbiamo subito qualcuno se ne dovrà assumere la responsabilità”.

Negli ultimi giorni si sono mobilitati i tifosi con una raccolta di firme, una petizione popolare per invitare quello che rimane di una amministrazione comunale a far tornare il Nettuno nel suo storico stadio:

“Anche su questa raccolta di firme non c’è stata chiarezza da chi ha scritto quegli articoli falsi – tuona ancora Fortini – conosco benissimo i promotori dell’iniziativa e sono dei veri tifosi del Nettuno BC, e questo quando si scrive va specificato per rispetto di quelle persone e di chi legge. Altrimenti non si è scritta la realtà dei fatti”.

Cosa vuole dire il Presidente Fortini ai tifosi del Nettuno BC che  attendono da settimane sviluppi positivi sulla vicenda?

“Dico che stiamo facendo il massimo per ritornare presto nel nostro stadio. Ci sono delle regole e vanno rispettate. Vediamo adesso cosa accadrà con il Commissario Prefettizio incaricato di gestire il Comune, a cui chiederemo semplicemente di far rispettare le regole per l’assegnazione degli impianti sportivi”.

WordPress Author Box
Giovanni Colantuono

Nato a Nettuno. Ha iniziato la carriera giornalistica nel 1991 nell’emittenza televisiva privata come autore e conduttore della rubrica settimanale sul baseball Casabase. Allievo del Piccolo Gruppo di Giornalismo Radio-Televisivo di Michele Plastino, ha poi collaborato con il quotidiano Il Tempo e con varie agenzie di stampa. Radiocronista di Idea Radio ed autore di due film reportage sulla Coppa Campioni di Parigi del ’91 e dell’Europeo del ’91. E’ stato per tre anni addetto stampa del Nettuno e collaboratore dei siti BaseballItalia.it e Baseball.it.. Nel marzo del 2012 è cofondatore di BaseballMania.it di cui è l'editore e il Direttore Editoriale.

Like us on Facebook
Giovanni Colantuono

Follow me on Twitter
Follow @https://twitter.com/g_colantuono on Twitter
Giovanni Colantuono

6 Commenti Unisciti anche tu alla conversazione!

  1. Toto 8 aprile 2015 at 20:17 -

    bravo presidente Fortini, fai bene a fare le tue dichiarazioni, e smentire notizie false
    Forza Nettuno BC

  2. Redsox 8 aprile 2015 at 20:59 -

    Da esterno a me pareva che la raccolta di firme fosse una buona iniziativa. Forse bisognerebbe prendere atto che ormai a Nettuno le squadre sono DUE mentre il vero stadio è UNO.
    Con il muro contro muro non si può che affidare il tutto alla magistratura poiché non credo che un commissario prefettizio possa prendere una decisione univoca in un caso così ingarbugliato: a lui spetta solo l’ordinaria amministrazione.
    Affidarsi al magistrato, a mio parere, con i tempi tipici della magistratura italica, i prevedibili corsi, ricorsi e controricorsi, può comportare due-tre anni di inaccessibilità dello stadio.
    Il caso Nettuno mi ricorda sempre più quello del tizio che si taglia i cosiddetti per fare un dispetto alla moglie.

  3. titti 9 aprile 2015 at 07:47 -

    Credo che entrambe le società dei settori giovanili abbiamo rovinato il baseball a Nettuno. Interessi politica potere hanno prevalso sullo sport. Siate obiettivi non c’è mai stato un angelo puro e un diavolo entrambe le società hanno i loro errori. E allora pensiamo solo allo sport!!!!!adesso ci sono 2 squadre giocano più ragazzi…. e allora andiamo a vederli ..sono sempre di Nettuno. ..tra loro sono sempre amici…ma noi cosa stiamo facendo? Mettiamo zizzania e siamo contenti. La soluzione x il campo c’è. . BASTA VOLERE e venirti incontro.

    • Markakis 9 aprile 2015 at 13:42 -

      Mi spieghi che c’entra Fortini con quelli che hai definito angeli puri e diavoli? e che hanno commesso errori? Fortini non ha nessuna colpa su quanto di schifoso hanno fatto negli anni passati e per come hanno ridotto il baseball nettunese certi personaggi. Ora c’è ancora chi continua a dire volemose bene e tiriamo avanti perché sono tutti ragazzi nettunesi. Guardate che se si continua con questa mentalità becera nettunese le cose non cambieranno mai, e lo sapete bene il perché. Ma visto che fate finta di niente è bene ricordarvelo. Quelli che hanno portato il Nettuno al fallimento, che hanno cambiato nome alla società e che hanno messo il guardiano del campo come amministratore della società, stanno tutti nel Nettuno 2. Quindi la volete finire con questa storia che sono tutti ragazzi di Nettuno. Io da nettunese mi vergogno di essere rappresentato da certa gente, voglio personaggi nuovi e Fortini rappresenta un taglio netto con quel passato che ci ha portato all’attuale rovina. Non fate i finti ipocriti perché tutti a Nettuno sanno bene come sono andate le cose nei mesi invernali. Quindi mettersi ancora una volta a braccetto con il Nettuno 2 significa riportare alla ribalta tutto quel passato che invece con l’arrivo di Fortini deve restare sepolto. Poi i ragazzi nettunesi avranno tutto il tempo di capire e di fare scelte diverse. Forza Nettuno sempre. Quello vero senza quel 2 che sa tanto di surrogato, di vecchio e di fregatura.

  4. flavio 9 aprile 2015 at 13:18 -

    Ragazzi, sportivi tutti, torniamo a giocare e far appassionare i giovani ad uno sport sano … le deviazioni speculative sul valore di chi lavora duro per ottenere piccoli miglioramenti nella performance atletica con tutti i sacrifici che ne conseguono lasciamoli agli altri sport carichi di diritti televisivi e di esclusive orientate solo allo sterile profitto di pochi a contorno di tanti cui piace ancora sentire il profumo dell’erba tagliata in diamante e quella velata di mandorle delle palline vergini …. allo Steno Borghese ci sono andato ancora adolescente – come già ho ricordato in queste colonne – con l’umiltà di chi si appropinqua ad una sacralità universalmente riconosciuta. Giocateci di nuovo, per piacere, nella vostra città di Nettuno che tanto ha dato al baseball e che non merita di spostarsi a Roma seppure l’Acquacetosa ci ha regalato altrettanti ricordi. Accordarsi, in fondo, è facile … basta poco che ce vo’ !!!! ….

  5. Massimo 10 aprile 2015 at 16:26 -

    Tutti a casa, basta co i vecchi nomi che da anni mangiano con la nostra città e ad oggi ci hanno addirittura fatto chiudere lo stadio… Però continuamo a dì che so tutti ragazzi di nettuno che andiamo lontano così… Daje Fortìni continua così a risollevare sta squadra