Nick Davenport, l’Academy sta crescendo

Pubblicato il Giu 19 2021 - 12:02pm by Massimo Moretti

Capitano della giovane squadra Nettuon Academy è Nick Davenport , uno dei giocatori con maggiore esperienza della squadra, con diversi campionati nelle SerieA alle spalle.

E’ entrato lo scorsa stagione, a campionato in corso, nel roster Academy della serie B, e subito il suo peso nel box battuta si è fatto sentire.

Alla vigilia della trasferta in terra siciliana contro il Paternò RedSox, la seconda forza del girone H, in questa stagione Nick Davenport ricopre il ruolo di capitano della compagine nettunese, che è chiamata a confermarsi nella massima serie.

Facciamo il punto del campionato 8 partite fin qui ( 1 vittoria 7 sconfitte) ti aspettavi questo cammino?

Può sembrare un record negativo visto così, una vittoria in otto partite giocate, però se andiamo analizzare partita per partita, ci sono stati degli aspetti positivi, diversi giocatori sono migliorati dalla prima partita, sono cresciuti sensibilmente.

Sicuramente non abbiamo sfruttato le occasioni che siamo costruiti come dovevamo, soprattutto le partite dell’andata con il Paternò RedSox e gara uno con Montefiascone. Inoltre giocando quattro partite contro una corazzata come il NettunoBC1945, con dei giocatori autentici carri armati in campo, abbiamo visto delle buone cose, soprattutto la gara disputata sabato sera e persa 4 a 0, dopo le segnature del primo inning tenere a zero per il resto della partita l’attacco del NettunoBC1945, secondo me è stato una cosa positiva che ci aiuta a crescere nonostante la sconfitta, perché abbiamo tanti giovani in campo con anche lanciatori che stanno lanciando tre livelli superiori il loro standard.”

Sei uno dei più giocatori in squadra, dove ci sono diversi U18 quali consigli ti senti di dare a loro, alle prime esperienze in SerieA?

Consigli da dare ai giocatori più giovani, mi sento di dire principalmente di non mollare mai nel baseball hai sempre una seconda possibilità, il turno successivo in battuta, il successivo lancio a casabase, la giocata in difesa, un giocatore di baseball ha sempre la possibilità di riprendersi e di migliorarsi, non sprecare nulla e cogliere sempre le opportunità che ci danno gli avversari oppure che ci costruiamo noi, bisogna essere decisi sempre su ogni palla.

Tra le parole che ho ripetuto come capitano tipo ai nostri lanciatori che hanno affrontato battitori come Latimore, Lino o Mazzanti, di non aver timore di nessuno, fare il proprio lavoro bene, può andare male un lancio ma quello successivo andrà bene, con il lavoro giusto in allenamento si può solo che migliorare.”

Il prossimo turno, trasferta a Paternò, all’andata due partite che hanno dimostrato che siete un gruppo che può stare benissimo in questa SerieA ?

Trasferta lunghissima e logisticamente molto impegnativa. All’andata potevamo vincerle entrambe tranquillamente, sono state equilibrate e combattute, ci sono sfuggite per poco veramente, troppi uomini lasciati sulle basi ed occasioni non sfruttate, pur giocando in entrambe le gare buon baseball, cercheremo di riprenderci qualcosa in terra siciliana.”

Dicevamo trasferta a Paternò, la più lunga del campionato, quanto è difficile per un giocatore affrontare una stagione di baseball, senza dimenticare la pandemia COVID?

Qui in Italia giocando due sole partite a settimana, ed a volte nella stessa giornata è più difficile correggersi e migliorarsi, purtroppo non siamo negli USA o in altre leghe simili, che giocando praticamente tutti i giorni come giocatori possono correggersi e migliorare e correre i propri difetti, solo con il ritmo partita.

Lo scorso anno la stagione è stata più tormentata a causa della pandemia, con maggiori difficoltà da affrontare per tutti. Questa stagione con il COVID, anche se la formula del campionato è stata modificata, la sua incidenza è stata minore, ci ha lasciato un po’ più liberi di allenarci e prepararci al campionato in maniera più continua.

Foto Roberto Capoccitti

WordPress Author Box
Massimo Moretti

Nato nel 1973....aspettando 17 anni lo scudetto. Semplice appassionato di baseball come tutti quelli che vivono nella città del Tridente. Ottima prima base nei tempi (mio giudizio) protagonista assoluto in una partita con la maglia dei Ragazzi del Nettuno B.C. contro gli americani della base Nato di Napoli (ho le prove ed i testimoni). Vanto una presenza al piatto con la maglia del Baseball Club Rovigo in serie C nono inning uomo in base sotto 3 a 1 in quel di Poviglio strike out senza gloria. Ho provato la scalata nelle Minors come da foto profilo ma senza successo. Più che un esperto sono un fanatico.