Serie del Caribe – Stasera finale tra messicani e venezuelani!

Pubblicato il Feb 7 2016 - 5:05pm by Filippo Coppola

L’altro ieri nella nottata (italiana) si erano disputati gli ultimi incontri di questo prestigioso torneo caraibico invernale, dove ha visto consolidare il primo posto in graduatoria per il team dei messicani, che hanno sconfitto i portoricani per 8-4, anche loro già qualificati alla fase successiva.
L’ultimo match era invece abbastanza decisivo, che infatti doveva decretare la quarta squadra che accedeva alla fase successiva (semifinali) del torneo e vedeva scontrarsi, le due che erano ancora a secco di vittorie, ovvero i cubani contro i padroni di casa dominicani. Questi ancora una volta soccombono agli extra-inning, di fatto sconfitti all’11° inn., quando i cubani riescono a trovare il punti del sorpasso e vincono dunque per 4-2. Dominicani che perdono tre gare su quattro agli extra-inning e che senza nessuna vittoria escono fuori dalla competizione, che si gioca in patria loro.

Nel primo incontro si è visto Alex Liddi titolare per i messicani, che ha giocato da 3B e sempre terzo in ordine di battuta, affidandogli quindi ruolo importante ed è andato nel box di battuta con un buon 2/5, subendo un solo strike-out e non è risultato decisivo nelle marcature dei sui compagni, dove il vincente dell’incontro risulta essere il rilievo Jesus Barraza, mentre lo sconfitto per i portoricani è Efrain Nieves. Spiccano in attacco invece Jeremias Pineda e Justin Greene per i messicani con 3/5 e 2 rbi, mentre per gli avversari T.J. Rivera con 2/4.
Nell’altro match che ha visto più occhi di spettatori, si vedeva i cubani segnare la prima marcatura nella parte alta del 2° inn., quando arriva un doppio-rbi di Yeniet Perez, contro lo starter di casa, Edwar Cabrera. Ma i dominicani si riscattano subito e nella parte bassa della ripresa firmano il sorpasso, grazie ad un doppio da due rbi di Wilkin Castillo e punteggio sul 2-1 per loro.
Il pareggio cubano però arriva all’8° inn., quando sul monte di lancio vi era il rilievo di casa, Joel Peralta, che subisce prima un triplo con un out all’attivo da Stayler Hernandez e il punto del 2-2 arriva con il successivo battitore, Yulieski Gourriel, che batte una SF!
Arriva l’11° inn. e nella parte alta i cubani mettono in difficoltà anche il rilievo Fernando Rodney e poi Rafael Soriano, due esperti che fanno entrare due punti agli avversari, pervenuti con un singolo da due rbi di Jose Adolis Garcia, nella situazione di due out. A portare in termine la gara ci pensa poi il closer dei cubani, Jose Angel Garcia, che riesce a non subire punti.

Comincia così ieri sera le gare di semifinale, che ha visto di fronte i messicani contro i cubani, qualificati in extremis e i venezuelani contro i portoricani.
Nel primo incontro partono bene i venezuelani delle Tigres de Aragua che sconfiggono nettamente i portoricani per 13-3, quindi con punteggio largo e che ha visto soccombere gli avversari, il contrario di quanto visto invece nel primo incontro di questo torneo, appunto tra le due compagini che risolsero la gara con punteggio molto stretto.
Ma i primi a passare in vantaggio sono i portoricani, che sbloccano la gara di semifinale al 1° inn., con ground-out rbi di Neftali Soto, contro il partente Marcus Walden. Ma i venezuelani non tardano a riscattarsi e già nella ripresa seguente ribaltano il punteggio, dove mettono a segno due punti, tramite singolo-rbi di Felix Perez e SF per Sandy Leon realizzati contro il partente avversario, Adalberto Flores.
Un altro punto arriva nell’inning che segue, dove di fatto il 3-1 è firmato con un singolo-rbi da Adonis Garcia e il match prosegue su questo parziale per altre tre riprese. Altri punti pervengono infatti nella parte bassa del 6° inn., dove i venezuelani si portano quindi sul 5-1, con triplo-rbi di Hernan Perez e doppio-rbi di Teodoro Martinez, colpendo duramente il rilievo Fernando Cruz.
I portoricani tentano di riaprire l’incontro subito dopo, al 7° inn., quando però riescono a mettere a segno un solo punto, portandosi sul 5-2, con SF realizzata da Ruben Sosa, contro il rilievo Wil Ledezma. Ma nella parte bassa i venezuelani non ci stanno e creano occasione di big-inning, dove marcano ben cinque punti, portando il parziale sul 10-2. Due rbi tramite un doppio di Dariel Alvarez e uno tramite singolo di Jose Martinez.
Sempre Martinez è mattatore nella ripresa successiva, dove affossa ancora di più gli avversari, dato che realizza un fuoricampo da tre punti, sul conto di 2-0, contro il rilievo Chris Smith e nella situazione di due eliminati, portando i suoi sul 13-2!
All’ultimo inning c’è ancora tempo per vedere segnare un altro punto, dove di fatto i portoricani riescono a siglarlo contro il rilievo Ronald Belisario, tramite un singolo-rbi di Kennys Vargas, ma è solo un acuto e portoricani che escono sconfitti sonoramente dal torneo.

Nell’altro match di semifinale invece vede di fronte il team dei messicani contro i cubani, coi primi che vincono bene con il punteggio di 7-2, accedendo così in finale contro i venezuelani.
Le marcature messicani arrivano nella parte bassa del 4° inn., quando apre quella ripresa il ligure Alex Liddi, che batte un doppio contro il partente avversario Vladimir Banos, sul conto di 1-1 e battuto a sinistra. In questa ripresa si sveglia il line-up dei messicani, che riescono a marcare ben tre punti e Liddi entra a punto tramite un singolo-rbi di Yuniesky Betancourt, con basi cariche. Qui Banos è sostituito dal rilievo Livan Morelo, che in quattro lanci concede una BB a basi piene, che vale il 2-0 e rbi per Esteban Quiroz e situazione sempre con basi cariche e 0 out. Il 3-0 invece arriva su un doppio-gioco battuto subito dopo da Erick Rodriguez, ma non è rbi ovviamente e partita sbloccata.
Un altro punto dei messicani arriva al 6° inn., quando Rodriguez stavolta batte un singolo-rbi contro il rilievo Yoanni Yea e gara sul 4-0. Nel frattempo il partente dei messicani, Hector Daniel Rodriguez, coi suoi lanci mette in difficoltà i battitori avversari, imbrigliando le loro mazze e fin quando vi è lui sul mound non riescono a mettere a segno nessun punto.
Ma i battitori cubani riescono a colpirlo nella parte alta del 7° inn., quando Rodriguez con 0 out e due corridori messi in base subisce un singolo-rbi da Osvaldo Vazquez e parziale sul 4-1.
Al cambio di campo i messicani aumentano il loro vantaggio e riescono a siglare altri tre punti, quando con un solo eliminato e basi cariche arriva il doppio che le pulisce di Betancourt, fissando il punteggio sul 7-1, contro il rilievo Yaifredo Dominguez.
All’8° inn. poi i cubani riescono a siglare solo un altro punto, accorciando così le distanze sul 7-2, arrivato tramite un doppio-rbi di Alfredo Despaigne, contro il rilievo Esmailin Caridad e questo è l’ultima emozione offensiva che regala la gara. Vincono quindi i messicani che arrivano in finale di torneo con ben cinque vittorie di fila e nessuna sconfitta, dove se la vedranno coi venezuelani, che l’unica partita persa in questo Caribe è stata contro appunto i messicani.

 

 

PROGRAMMA SERIE DEL CARIBE 2016, Santo Domingo (RDO):

Venezuela – Porto Rico 2 – 1;
Rep. Dominicana – Messico 2 – 3;
Messico – Cuba 9 – 3 ;
Venezuela – Rep. Dominicana 8 – 7  (10° inn.);
Messico – Venezuela 6 – 4 ;
Cuba – Porto Rico 1 – 12 ;
Cuba – Venezuela 1 – 3 ;
Porto Rico – Rep. Dominicana 2 – 1  (10° inn.);
Porto Rico – Messico 4 – 8 ;
Rep. Dominicana – Cuba 2 – 4  (11° inn.).

 

CLASSIFICA:

Messico 1.000 (4-0);

Venezuela .750 (3-1);

Porto Rico .500 (2-2);

Cuba .250 (1-3);

Rep. Dominicana .000 (0-4).

 

SEMIFINALE:

Venezuela – Porto Rico  13 – 3;

Messico – Cuba 7 – 2.

 

FINALE: 

Messico – Venezuela.

 

 

Art. precedente

 

WordPress Author Box
Filippo Coppola

Vive alle falde del Vesuvio, a Boscotrecase (NA), laureato in Ing. Navale alla Federico II di Napoli è appassionato da tanti anni al grande gioco del baseball. Passione cresciuta di anno in anno, soprattutto di quello dell'estremo Oriente e in particolare quello giapponese e campionati asiatici (oltre a quello nostrano e Americano MLB), che segue con assiduità. E' tifoso dei Cincinnati Reds della NL in MLB, team storico di questo sport e che segue da quando ha scoperto il baseball. Invece per i team asiatici, non ha alcuna preferenza in assoluto, essendo appassionato di tutti. Primo in Europa a scrivere del baseball giapponese, coreano e taiwanese, direttamente da siti specializzati di quei paesi. Ha aperto la coach-convention del 2016 della FIBS a Roma, presentando il baseball del Giappone, descrivendo storia e particolarità dello "yakyu". Ha per come hobby la vela, lo sport in genere e seguire il calcio Napoli, inoltre preferisce analizzare dati statistici e i numeri del baseball, sport dipendente da quest'ultimi, e alla ricerca e scoperta della sabermetrica, ovvero l'analisi del baseball attraverso le statistiche.

Like us on Facebook
on Facebook
Filippo Coppola