Buona la prima per l’Italia nel 4° campionato europeo under 23

Pubblicato il Ago 8 2023 - 2:27pm by Redazione Baseballmania
Nella foto la nazionale italiana U23 schierata durante l’inno (credit Izzy Lilburn)

Buona la prima per l’Italia nel 4° campionato europeo under 23. Sul diamante di Wiener Neustadt, i ragazzi di Alberto D’Auria hanno fatto la voce grossa all’esordio contro la Francia, imponendosi con un 7-0 che è maturato con due riprese da tre punti, la prima, con il fuoricampo di Michael Vincent Cimini, e la quarta, con la valida di Morresi, che ha spinto a casa altri due punti. Un successo chiaro, con la formazione italiana che ha sfruttato al meglio ogni concessione degli avversari (sei le valide complessive), che sono stati limitati a dovere da Mattia Sireus (2bv-1so in 4rl) e dai suoi rilievi Virgadaula e Pomponi, che hanno messo la museruola, con appena tre hit subite, a un line-up pericoloso. È stato insomma l’esordio che si aspettava lo staff.

L’Italia indirizza la gara già nell’attacco inaugurale: il partente francese Mercadier effettua la prima eliminazione, ma concede la base a Giarola (che arriva in terza su un pick-off sbagliato) e Morresi. Cimini sblocca il risultato con un lungo fuoricampo da tre punti che va a spegnersi a sinistra, oltre la recinzione del “Ducks field”.

L’Italia allunga al 3° inning: il doppio di Giarola convince il manager francese a sostituire Mercadier (3bv-2bb in 3rl) con Laot. Morresi fa avanzare il compagno con una rimbalzante e un balk lo manda a casa per il 4-0.

Gli azzurri chiudono definitivamente il confronto al quarto tentativo: l’esterno grossetano Cinelli apre la ripresa con un doppio a sinistra e va a casa sulla rimbalzante di Battioni. Con Angioi e Giarola in zona punto, grazie a un colpito e una base, “Lollo” Morresi battezza il nuovo entrato Blanc-Jouvan  con un singolo a sinistra che fa lievitare il punteggio sul 7-0. Il duello si chiude praticamente qui. I rilievi di Virgadaula (1bv in 2rl) e Pomponi per l’Italia, e quello del francese Vincenzo Esposito, che elimina gli ultimi sei azzurri andati nel box, non danno possibilità agli attacchi.

IL COMMENTO DI D’AURIA. Volti rilassati e soddisfatti nel dugout al termine della prima uscita nell’Europeo. È andato tutto bene, l’avevamo preparata con molta cura e questi sono i frutti – commenta a fine gara il manager Alberto D’Auria – L’unica incognita era l’orario, ma i ragazzi hanno interpretato bene quello che gli abbiamo chiesto. Il fuoricampo di Cimini è arrivato al momento giusto e ci ha aperto la strada».

ORA TESTA AL BELGIO. Mercoledì alle 16, l’Italia U23 si sposterà al “Blue Bats” di Schwechat, una quarantina di chilometri dal quartier generale di Kottingbrunn, vicino a Vienna, per confrontarsi con il Belgio. Un successo potrebbe dare già la qualificazione alle semifinali di venerdì 11. Il pitching coach Rolando Cretis e il manager D’Auria metteranno la prima pallina in mano a Edoardo Zingarelli del Campidonico Grizzlies Torino. 

IL TABELLINO

RISULTATI & PLAY BY PLAY

L’INTERVISTA A MATTIA SIREUS