L’Italia chiude la prima fase con percorso netto

Pubblicato il Ago 2 2023 - 6:13pm by Redazione Baseballmania
La lanciatrice Sara Desii (65) e le interne azzurre festeggiano il primo out del quinto inning. Credit: LG-FIBS.

Cinica e attenta, Italia Softball U18 approfitta delle difficoltà della Danimarca conquistando la prima partita di giornata con il risultato di 18-0 al terzo inning. Nel pomeriggio si ripete con un’altra vittoria per manifesta, 13-0 alla Svezia dopo cinque riprese. Conquistato il primato del girone B

Un lungo primo inning, nel quale l’Italia riesce a portare un totale di 19 battitori nel box di battuta e caratterizzato da 7 valide azzurre, 8 basi su ball, e numerosi lanci pazzi e palle mancate per un totale di 14 punti, chiude di fatto una partita a senso unico tra Italia e Danimarca terminata con il risultato di 18-0 al termine della parte alta del terzo inning.

In una mattinata fredda e piovosa, per il primo impegno di giornata Andrea Longagnani, dopo la convincente vittoria con l’Ucraina, ha chiesto massima concentrazione ed attenzione ai dettagli al fine di centrare l’obiettivo primo posto nel girone B. La sua squadra ha seguito alla lettera le direttive, giocando con la giusta cattiveria agonistica dall’inizio alla fine della partita.

Dopo la valida danese della prima in battuta Isabel Lindtner, la lanciatrice Chiara Di Lauro e la difesa impiegano poco tempo per regolarsi e chiudere l’inning: la prima base Anita Silvioni vola su un bunt di Ida Pakula ed effettua l’out al volo per poi assistere Delia Manera in copertura in prima base per la seconda eliminazione mentre Nilhoj Stockford resta a guardare il terzo strike di Di Lauro.

La parte bassa è infinita: Sveva Moggi è protagonista di due valide su altrettanti turni. Battono valide anche Livia Bernardi (singolo con rimbalzante sul terza base), Alice Spiotta (singolo al centro), Delia Manera (lungo doppio a destra), Lucrezia Moretti (profondo triplo nell’esterno destro) e Chiara Di Lauro (singolo) ma il grosso dei punti arrivano sfruttando la pazienza in battuta e su lanci fuori misura delle danesi Cecilie Kirstein e Isabel Leindtner, non nella migliore delle rispettive giornate. Il primo out arriva solo con il dodicesimo battitore e l’Italia avanti 7-0 e viene contestato dall’Italia: sul doppio di Manera, infatti, Sveva Moggi si invola dalla prima base puntando verso casa dove viene chiamata out sfruttando il taglio del seconda base Laerke Moller e a seguito del tag del ricevitore Pakula, che ha aspettato Moggi proprio nella traiettoria tra la corsia ed il piatto di casa base.

Nel secondo inning Di Lauro si impone con altri due strikeout ben assestati nei confronti di Kirstein e Johanna Gregersen e l’Italia entra in zona manifesta segnando altri quattro punti senza mai battere valido, approfittando di cinque basi su ball, un colpito (Moretti) e diversi lanci pazzi e palle mancate. Il vantaggio viene mantenuto senza problemi da Di Lauro che mette a referto il suo quarto strikeout. L’ultimo out della partita viene ispirato dal terza base Caterina Binetti, che difende senza problemi un bunt di Moller.

IL TABELLINO

Vittoria a parte, le partite contro Svizzera, Ucraina, Danimarca e, per ultima, la Svezia hanno soprattutto una cosa in comune: l’Italia che mette in cassaforte l’incontro segnando per prima. Così è stato anche nell’ultima partita del girone B, che l’Italia ha chiuso in testa con percorso netto (4-0) grazie al successo per 13-0 al quinto inning contro la nazionale scandinava.

Contro la Svezia l’Head Coach di Italia Softball U18, Andrea Longagnani, ha operato alcuni cambi nella formazione rispetto alle partite precedenti: Carlotta Villa, solitamente schierata in prima base, si sposta nell’esterno destro così come Lucia Polini va a coprire l’angolo di sinistra a fianco del capitano Felicia Di Pancrazio, confermata nell’esterno centro e quinta in battuta. Mentre Livia Bernardi viene schierata leadoff e nell’interbase, Chiara Albertin ottiene la titolarità dietro il piatto in batteria con Delia Manera, che debutta da lanciatrice nel torneo con due riprese di qualità. Il lineup leggermente diverso rispetto alle precedenti uscite non subisce frenate e conferma la qualità offensiva della squadra assemblata da Longagnani e dai coach Sara Dall’Alpi, Paola Marfoglia, Simona Nava e Rebekka Blatnick.

Quattro ball su sei lanci della partente Sofia Eriksson portano in base Livia Bernardi che va subito a punto innescata da una valida di Carlotta Villa finita nel gap tra sinistra e centro e aiutata anche da una non impeccabile Wilma Soderberg nell’esterno destro. L’Italia non si ferma e continua a macinare punti prima con un triplo in profondità tra esterno centro ed esterno destro firmato Noemi Cortesi, poi con un out interno ma produttivo di Lucia Polini e con le battute valide di Chiara Di LauroAnita Silvoni e Chiara Albertin, che con una volata a destra fa volare Silvoni a casa base direttamente dalla seconda. L’azzurrina si sente particolarmente ispirata tra le basi: rientra come temporary runner al posto di Albertin e riesce a portarsi, in sequenza, in seconda (rubata) e terza su un “ball four” fuori misura nei confronti di Caterina Binetti, la quale a sua volta riesce a rubare la seconda prima della conclusione dell’inning.

Al cambio campo Manera non ha problemi: grazie alla collaborazione della difesa si ritrova con due out nei primi quattro lanci grazie alle volate di Esters e Norstrom agguantate rispettivamente dall’interbase Bernardi e dall’esterno sinistro Polini. A chiudere l’inning è la combinazione Binetti-Salvioni su una battuta in diamante di Enna Ervasti. Le svedesi cominciano meglio nel secondo attacco, arrivando in base con un doppio di Eriksson che tuttavia non concretizzano. Le volate di Lindqvist e Flemstrom non causano problemi a Di Pancrazio e Di Lauro, che torna protagonista immediatamente dopo giocando una battuta di Kaisa Ervasti per assistere in prima Silvoni.

L’Italia allunga ulteriormente nel terzo: Di Lauro (singolo con rimbalzante a sinistra) e Silvoni (salva in prima su un campanile non trattenuto dalla seconda base e poi capace di rubare la seconda) apparecchiano per il resto del lineup azzurro. Con un out Binetti guadagna una base ball e altrettanto fa Bernardi forzando il punto del 6-0 prima di una profonda volata di sacrificio nell’esterno centro da parte di Villa e, successivamente, di una corsa a casa di Binetti partendo dalla terza base su una azione confusa della difesa svedese.

Le azzurrine hanno ormai la marcia inserita e Sara Desii, entrata per lanciare il terzo inning, non si fa intimorire da un leadoff single di Hilma Jerfsten chiudendo l’inning senza problemi. La parte bassa viene aperta da una cannonata di Lucia Polini nell’esterno sinistro per una battuta da tre basi fatta poi fruttare da Felicia Di Pancrazio. Dopo un altro inning positivo per la mancina Desii, che mette a referto anche due strikeout, l’Italia entra in zona manifesta nel quinto inning dove arrivano quattro punti prima con un doppio da due punti di Di Pancrazio sfruttando le basi piene, poi con le battute dell’ispirata ditta Di LauroSilvoni, che coronano entrambe una partita da incorniciare. A mantenere lo shutout ci pensa Desii che, dopo aver indotto Ronja Canneghan ad una rimbalzante in diamante, infila due strikeout consecutivi su Vida Sjodin e Erisa Kelmendi per un totale di cinque strikeout su nove out e undici battitori affrontati.

Chiusa la prima fase, domani mercoledì 2 agosto comincia una seconda fase a gironi. Le migliori otto squadre sono state inserite nei gironi ed e giocheranno per accedere alle fasi finali. Le altre squadre giocheranno per le posizioni di rincalzo. L’Italia è stata inserita nel girone F insieme a Regno dei Paesi Bassi (1^ classificata girone C), Israele (2^ classificata girone A) e Irlanda (2^ classificata girone D). La nuova fase dell’Europeo di Softball U18 comincerà domani. L’Italia sarà impegnata sul campo secondario di Praga alle ore 9.30 contro l’Irlanda. Alle 16.30 sfida al Regno dei Paesi BassiGiovedì 3 agosto l’ultima partita del girone contro Israele.

Longagnani esprime soddisfazione al termine della prima fase a gironi: “Le ragazze si sono comportate molto bene perché hanno messo in campo tutto e capito quanto sia importante finire prima del limite in modo da risparmiare le energie per la seconda parte”. Un plauso particolare alla difesa, sempre capace di farsi trovare pronta nelle poche occasioni lasciate dai lanciatori: “I lanciatori hanno lanciato veramente tanto. È vero che farsi trovare pronti nonostante la gran parte del lavoro fatta dal lanciatore significa essere sempre determinati e concentrati. Questo è un ottimo segnale”. Da mercoledì 2 agosto si cambia ritmo: “Da domani si cambia registro perché si gioca al livello che chiama questo Europeo quando si arriva alle fasi finali. Dobbiamo essere bravi a svegliare un pochino i nostri neuroni perché non nascondo che un pochino si sono lasciate andare. È facile che quando la velocità scende, si cala anche un po’ a livello mentale. Da domani dovremo essere bravi a riattivarci immediatamente. Mi aspetto magari qualche inning di adattamento ma se facciamo un ottimo warm-up e ci risvegliamo immediatamente saremo pronti da subito a giocare la partita, perché queste partite sono da aggredire sin da subito e non lasciare nulla al caso”.

IL TABELLINO

da Praga (Repubblica Ceca), Luca Giangrande

CALENDARIO, RISULTATI E LINK AL PLAY-BY-PLAY

LIVE STREAMING

TUTTO SULL’EUROPEO

Risultati terza giornata

Gir. A: Israele – Polonia 20-0 (3°); Repubblica Ceca – Israele 10-0 (4°); Polonia – Slovacchia 19-18; Croazia – Repubblica Ceca 0-25 (3°).

Gir. BItalia – Danimarca 18-0 (3°); Ucraina – Svezia 5-2; Danimarca – Svizzera 4-14 (4°); Svezia – Italia 0-13 (5°).

Gir. C: Belgio – Finlandia 15-3 (4°); Francia – Austria (h. 12.15); Belgio – Francia 2-4; Austria – Regno dei Paesi Bassi 7-9.

Gir. D: Irlanda – Ungheria 15-0 (3°); Spagna – Gran Bretagna 3-19 (3°); Spagna – Germania 10-9.

Classifiche:

Gir. A: Repubblica Ceca (4-0), 1.000; Israele (3-1), .750; Croazia (2-2), .500; Polonia (1-2), .250; Slovacchia (0-4), .000.

Gir. B: Italia (4-0), .1000; Ucraina (3-1), .750; Svezia (2-2), .500; Svizzera (1-3), .250; Danimarca (0-4), .000.

Gir. C: Regno dei Paesi Bassi (4-0), 1.000; Francia (3-1), .750; Belgio (2-2), .500; Austria (1-3), 250; Finlandia (0-4), .000.

Gir. D: Gran Bretagna, Irlanda e Spagna (3-1), .750; Germania (1-3), .250; Ungheria (0-4), .000.

Così in campo domani:

Gir. E: Gran Bretagna – Francia (h. 10); Repubblica Ceca – Ucraina (h. 12.15); Francia – Ucraina (h. 17); Gran Bretagna – Repubblica Ceca (h. 19.30).

Gir. FItalia – Irlanda (h. 9.30); Regno dei Paesi Bassi – Israele (h. 11.45); Italia – Regno dei Paesi Bassi (h. 16.30); Israele – Irlanda (h. 19).

Gir. G: Spagna – Svizzera (h. 10); Croazia – Austria (h. 12.30).

Gir. H: Svezia – Ungheria (h. 14); Belgio – Polonia (h. 14.30).

Gir. I: Slovacchia – Finlandia (h. 15); Danimarca – Ungheria (h. 17.30)