UN SALUTO A LELE: L’AVVERSARIO CON IL QUALE REALIZZAI UN PICCOLO SOGNO

Pubblicato il Ago 15 2022 - 6:55pm by Matteo Comi

Come ben sapete nella notte tra il 10 e 11 Agosto ci ha lasciato, dopo una lunga lotta contro una serie di malanni che lo avevano colpito, Daniele Crippa. 

L’ultimo saluto all’ex tecnico delle giovanili del Milano 1946 e dei Tunder’s Five Milano si è svolto nella mattinata di Venerdì 12 Agosto presso la chiesa della Parrocchia di San Massimiliano Kolbe a Milano. 

In queste righe vi voglio sottoporre il mio personale ricordo del nostro caro Lele. 

La mia avventura nel mondo A. I. B. X. C. È iniziata nel settembre 2012 nei Lampi Milano. Nel mio primo anno la voglia di praticare questo sport era talmente tanta da portarmi a frequentare sia gli allenamenti della mia squadra, sia quelli dei Thunder’s Five Milano, compagine allenata da Lele con la quale nel ruolo di seconda base vedente aveva già ottenuto numerosi successi tra il 2005 e il 2011.

Quello che da subito mi colpì di Lele fu la sua capacità di passare dal sano agonismo in partita all’affabilità più totale al di fuori del diamante. Negli incontri ufficiali dirigeva con perentorietà la difesa sia si trovasse a prendere in seconda base sia dal monte, spronando sempre i giocatori a non mollare e a impegnarsi con orgoglio per il bene della squadra. In allenamento era, invece, calmo e pacato cercando sempre di immedesimarsi nel giocatore per capirne i difetti e trovare le strategie per correggerli. 

Le battaglie sulla terra rossa e l’erba sono state tante con Derby mai banali e anche valevoli per titoli o trofei nazionali. Il ricordo che tengo in particolare a raccontarvi risale alla stagione 2016. La mia squadra non si era qualificata per le final four ma io per dovere di cronaca e la solita sempre ardente passione per il Baseball per ciechi, andai a Firenze a seguire la Semi-Finale tra Fiorentina BxC e i Thunder’s Five Milano.

Nel doppio confronto ebbero la meglio i gigliati che in quella stagione sembravano lanciati verso il bis tricolore dopo il netto successo del 2015. In quella stagione avevo iniziato una collaborazione con Social Web Radio realizzando un rotocalco settimanale. Dentro di me, tuttavia, c’era sempre stato il sogno di realizzare una radiocronaca di una Finale. Da sempre sono appassionato di tele-radiocronache e parlando con Giovanni Colantuono, Giugliano Carbonari e il loro staff mi fu proposto di realizzarne una per la Finale scudetto del 2016. A quel punto mi serviva una spalla o meglio due occhi per aiutarmi a commentare le azioni, così decisi di chiedere a Lele di darmi una mano. Chi meglio di lui così appassionato, vincente a competete poteva fare al caso mio.

Il caro Crippa accettò di buon grado e con entusiasmo la mia proposta e ci trovammo sulla tribuna sopra casa base del Leoni di Casteldebole a commentare in collegamento telefonico la Finale tra la Fiorentina BxC w i Patrini Malnate.

Un’esperienza indimenticabile resa unica dalla sintonia tra me e Lele nel commentare un’azione dopo l’altra come se lo facessimo da anni. Un ultimo atto di Campionato non banale perchè fu la definitiva esplosione del Fenomeno di PortoCeresio Gaetano Casale tanto che Lele, estasiato dalla sua bravura, disse: “Casale è ovunque!”. 

Ebbene si. Mi piace ricordarlo così appassionato e sorridente proprio come quando andò a visitare a New-York lo stadio dei suoi tanto amati Yankess.

Grazie Lele per avermi aiutato a coronare un mio piccolo sogno!

Un saluto da Matteo.