Susanna Soldi, nata su un campo di softball!

Pubblicato il Feb 4 2021 - 9:09pm by Massimo Moretti

Susanna Soldi

Quanto parli di softball, si pensa a Bollate ed ovviamente alla famiglia Soldi. Una carriera iniziata nelle giovanili del Bollate Softball, attualmente punta di diamante nella squadra del college Pensacola State, un palmares che vanta già di due scudetti ed una coppa campioni con il Bussolengo, due titoli europei con la nazionale U19 e U22, stiamo parlando di Susanna Soldi, autentica protagonista nel panorama del softaball italiano.

Una famiglia Soldi, uno sport il Softball, una città Bollate, praticamente già nella culla avevi la terra rossa del campo nel tuo destino, il legame con questo sport lo avevi già nel tuo DNA, è quando hai iniziato?

“Si può dire che io sono nata sul campo. Avendo una famiglia così coinvolta nel softball era scontato che anche io avrei fatto parte di questo. Ho giocato la mia prima partita a 4 anni e da quel momento non ho mai smesso. Tutto ciò non va confuso con un’ordinaria abitudine ma bensì ho fatto della mia vita la mia passione. ”

Susanna Soldi

Subito protagonista nel campionato italiano, nel roster delle nazionale giovanili, nazionale maggiore (convocazione nella Asia Cup), e attualmente con il College Pensacola State nel campionato di softball NCAA negli Stati Uniti, quali differenze in queste varie esperienze?

“Giocare in nazionale è sempre stato il sogno di qualsiasi atleta. Vestire la maglia azzurra ti fa provare emozioni rare e bellissime. Ho avuto la fortuna di partecipare a diverse competizioni internazionali che non dimenticherò mai. Con la squadra di club è diverso invece. Si ha la possibilità di giocare con persone che hanno più esperienza di te, professioniste, dalle quali si imparano moltissime cose. Infine in college, fino ad ora è stato un viaggio bellissimo. È molto diverso dal club e dalla nazionale perché in college devi contemporaneamente andare a scuola e ottenere buoni risultati e subito dopo andare ad allenarti. Un altro aspetto positivo è che ci alleniamo ogni giorno e abbiamo la possibilità di giocare molte partite anche contro squadre di divisione 1. Purtroppo per colpa del Covid molte regole sono cambiate e non abbiamo fatto partite da agosto a dicembre se non amichevoli. Ma abbiamo iniziato settimana scorsa con un torneo e ora sono previste circa 30 partite prima dell inizio della conference agli inizi di marzo.”

Nella scorsa estate negli Stati Uniti è partito un campionato di softball professionistico Athletes Unlimited, come hai giudicato questa competizione?

“Credo che sia stato un evento straordinario che abbia portato gioia e divertimento nelle case delle persone che durante un periodo buio non potevano uscire. E soprattutto ha dato visibilità a uno sport che ancora non ha raggiunto la massima notorietà.”

Nella tua carriera di giocatrice dove vuoi arrivare, hai un traguardo che aspiri da raggiungere?

“Ho iniziato a desiderare di giocare in un college quando sono andata alle World Series nel 2014 con la Europe and Africa e ho visitato “University of Washington Huskies”. Sono rimasta affascinata dal “sogno americano”. Raggiunto questo obiettivo vorrei prendere il mio diploma e continuare i miei studi e arrivare magari un giorno a prendere un master che mi aiuterà nel mio futuro lavorativo.”

Tante vittorie negli ultimi anni nel softball azzurro (a livello giovanile, senior e di club), quale il segreto del nostro movimento?

“Credo che non ci sia un segreto ben preciso. Credo che tutte queste vittorie siano frutto di grande lavoro e dedizione da parte delle atlete. È molto importante soprattutto trovare e creare il giusto gruppo con il quale affrontare queste competizioni di altissimo livello.”

WordPress Author Box
Massimo Moretti

Nato nel 1973....aspettando 17 anni lo scudetto. Semplice appassionato di baseball come tutti quelli che vivono nella città del Tridente. Ottima prima base nei tempi (mio giudizio) protagonista assoluto in una partita con la maglia dei Ragazzi del Nettuno B.C. contro gli americani della base Nato di Napoli (ho le prove ed i testimoni). Vanto una presenza al piatto con la maglia del Baseball Club Rovigo in serie C nono inning uomo in base sotto 3 a 1 in quel di Poviglio strike out senza gloria. Ho provato la scalata nelle Minors come da foto profilo ma senza successo. Più che un esperto sono un fanatico.