Series sul 2-0 per Rimini con il 15-5 di Gara2. Attacco da 15 valide con il grande slam di Infante. San Marino troppo falloso in difesa e ora con le spalle al muro.

Pubblicato il Set 2 2017 - 10:44pm by SDrudi

E’ ancora il Rimini ad esultare nelle Italian Baseball Series. La squadra di Paolo Ceccaroli espugna per la seconda volta il Serravale Field e vola sul 2-0 nella serie scudetto. Martedì prossimo alla Casa dei Pirati avrà il primo match point delle Series con San Marino che con le spalle al muro deve a questo punto sperare nell’impresa.

Partenti Richetti e Florian. Dopo tre attacchi i Pirati si portavano sul 6-0, ma San Marino trovava la forza per restare in partita con due punti nel terzo e due nel quarto inning. Al quinto inning il parziale andava sul 7-5 in favore del Rimini. I padroni di casa tenevano aperte le speranze fino al nono inning quando capitolavano concedendo ben 8 punti grazie anche al grande slam di Juan Carlos Infante.

LA CRONACA

Il Rimini Baseball espugna anche in gara2 dell’Italian Baseball Series il diamante di Serravalle imponendosi con un netto 15-5 che consente alla formazione riminese di andare sul 2-0 nella serie. Rispetto alla prima partita questa è stata completamente differente dove gli attacchi hanno avuto decisamente la meglio sulle difese. Pesantissimi i due errori difensivi commessi dalla T&A ad inizio gara. Il primo l’errore di tiro in terza del ricevitore Albanese che ha scaturito le prime due segnature neroarancio (0-2), poi quello di Reginato al terzo inning che mancando una facile presa sulla volata di Vasquez (0-3). Il colpito di Garbella riempie le basi, poi il singolo da due punti di Celli fissa il primo allungo ospite (0-5). Fuori uno sfortunato Florian dentro Cherubini. Nel box si presenta Caseres che colpisce una secca linea nel guanto di Epifano (primo out), ma lo stesso interbase sammarinese nel tentativo di cogliere fuori base Celli sbaglia il tiro in prima favorendo il comodo arrivo a punto di Garbella (0-6). Al cambio di campo il partente riminese Richetti subisce i primi due punti della T&A, con un eliminato Poma tocca un doppio che spinge a punto Ferrini (1-6), poi dopo il colpito di Chiarini e la comoda volata di Reginato, il singolo di Albanese confeziona la seconda segnatura (2-6). Al quarto la squadra di Nanni accorcia le distanze riaprendo di fatto la gara. Imperiali batte valido e il doppio di Avagnina lo porta a punto (3-6). Richetti fa una finta di tiro in seconda, ma gli arbitri decretano il balk che scatena le grandi proteste dello staff tecnico neroarancio (espulsi Illuminati e Ceccaroli). Al quinto Rimini a basi piene, Zappone è salvo per scelta della difesa (contatto in diamante mazza rotta), poi il pinch hitter Bertagnon si guadagna la base ball del punto automatico (4-7). Altro cambio sulla collinetta dei titani sale Coveri al posto di Cherubini. Il neo entrato classe ’97 chiuderà la ripresa (Di Fabio out). Al cambio di campo San Marino risponde prontamente grazie al doppio di Reginato e al singolo di Epifano (5-7). Nella parta alta della sesta ripresa in pedana per Rimini è salito Escalona al posto di Richetti. Il mancino italo-venezuelano terminerà l’offensiva facendo battere Ferrini in doppio gioco. Da qui in avanti il match va avanti senza particolari sussulti con Coveri ed Escalona in controllo. Nella parte bassa del settimo con un out e uomo in prima scende Escalona e sale Teran. Il neo entrato incassa la valida di Reginato, ma la rimbalzante in doppio gioco di Albanese mette fine alle speranze di rimonta degli uomini di Nanni. Nel finale di match i Pirati dilagano ben 8 volte, il singolo di Garbella e il gran doppio di Celli (5-8) mettono fine alla prova del giovane Coveri. Al suo posto entra Oberto che non avrà un impatto positivo sulla gara. Caseres si guadagna la base ball, poi sul bunt di Zappone, Oberto elimina Celli sull’arrivo in terza (scelta difesa). Dopo il lancio pazzo, la base ball a Bertagnon rimpie tutti i cuscini. Di Fabio viene eliminato al piatto, ma Infante realizzerà il grande slam (primo homer in postseason) che firma l’allungo decisivo (5-12). Attacco dei Pirati che prosegue con le valide di Noguera e Vasquez, poi la base ball di Garbella colma nuovamente i cuscini. La hit di Celli vale ancora altri due punti (5-14), poi il contatto di Caseres fa segnare a Garbella il definitivo 15-5. Rimini vince nettamente e si porta sul 2-0. Manca l’ultimo sforzo agli uomini di Ceccaroli per completare l’opera, ma si sa è ancora tutto in gioco.

La Finale Scudetto riprenderà Martedì sera (playball ore 20.30) allo Stadio dei Pirati di Via Monaco per il terzo atto (gara dei pitcher stranieri). Se i Pirati falliranno il primo match point si giocherà anche Mercoledì sera (6 Settembre) sempre sul diamante riminese al medesimo orario.

Gara 2

 

Rimini Baseball 15

T&A San Marino 5

RIMINI BASEBALL: Infante int (2/6), Noguera 2b (4/6), Vasquez 1b (1/4) (Malengo 1b 0/0), Garbella ed (3/4), Celli ec (3/3), Caseres dh (2/4), Zappone es (0/6), Giovannini r (0/2) (Bertagnon r 0/1), Di Fabio 3b (0/5).

 

T&A SAN MARINO: Ferrini 2b (0/4), Poma ec (3/5), Chiarini dh (1/3), Reginato ed (2/5), Albanese r (1/4), Epifano int (2/4), Imperiali 1b (1/3) (Ermini 1b 0/1), Avagnina es (1/4), Pulzetti 3b (1/2).

 

SUCCESSIONE PUNTEGGIO

Rimini Baseball 024 010 008 = 15 bv 15 e 0

T&A San Marino 002 210 000 = 5 bv 12 e 3

 

PRESTAZIONE LANCIATORI

Richetti (W) rl 5.0 bvc 10 bb 0 so 3 pgl 5

Escalona rl 1.1 bvc 0 bb 2 so 1 pgl 0

Teran (S) rl 2.2 bvc 2 bb 1 so 1 pgl 0

 

Florian (L) rl 2.0 bvc 6 bb 1 so 2 pgl 2

Cherubini rl 2.2 bvc 1 bb 3 so 2 pgl 1

Coveri rl 3.1 bvc 3 bb 2 so 1 pgl 2

Oberto rl 1.0 bvc 5 bb 3 so 1 pgl 6

NOTE Fuoricampo di Infante (da 4 punti al 9°inning). Doppi di Noguera, Celli, Poma 2, Reginato, Avagnina e Pulzetti. Errori: Albanese, Reginato ed Epifano.

 

Foto del fotografo di redazione Lauro Bassani/PhotoBass

 

5 Commenti Unisciti anche tu alla conversazione!

  1. delirium tremens 2 settembre 2017 at 22:51 -

    oberto inguardabile….fino all’ultimo inning la differenza era data dai 3errori scellerati….ma piu di tutti quelli del capitano al secondo inning e reginato al terzo…piccola scossa su flessione di richetti poi tutti a nanna quando è entrato oberto….cmq sia florian che cherubini hanno durato molto poco…e cosi non si và avanti….!!!! cmq sempre forza T&A San Marino….

  2. ivano 3 settembre 2017 at 07:46 -

    fortunati voi…….che avete tanti lanciatori…….come il magico OBERTO

  3. luigi 3 settembre 2017 at 08:28 -

    A proposito della “profondità” del monte di san marino! bene Cherubini e Coveri anche se per pochi innings e con chiamate dell’arbitro discutibili; Oberto veramente inguardabile giustamente castigato da Infante, forse senza gli erroracci in difesa e degli arbitri (da entrambe le parti) la partita poteva prendere anche un altra piega. Rimini comunque squadra più cinica e abituata a giocare sotto stress, complimenti a Ciga e tutto lo staff.

  4. Marco 3 settembre 2017 at 10:58 -

    Bene Cherubini…parliamone…dopo due inning dove ho detto, wow è migliorato tantissimo, è tornato il suo problemino che tira 80 bol di fila e non mi è piaciuto affatto la crisi isterica sull’ultimo bollaccio che voleva essere chiamato strike.

  5. ivano 3 settembre 2017 at 14:45 -

    difesa san marino commette errori da principianti non degna di una finale di play off