Nettuno-Bologna, le interviste di Frignani e Trinci

Pubblicato il Ago 23 2018 - 11:20am by Redazione Baseballmania

Euforia nel dugout felsineo al termine di Gara3 tre che ha qualificato la Fortitudo per le Italian Baseball Series con il manager Frignani che elogia il gruppo e sottolinea anche la prova del Nettuno:

“Il 3-0 inganna, contro questo Nettuno non è stato facile- ha commentato Lele Frignani – noi siamo meritatamente in finale”.

Non c’è comunque delusione nel Nettuno dopo una stagione comunque positiva in cui l’obiettivo di arrivare alla postseason è stato conquistato. Alla fine della stagione il manager Guy Trinci rende merito al suo roster:

“Sono stati tutti bravi, hanno disputato una grande stagione”

Di seguito le due interviste a Frignani e Trinci:

Ascolta “Trinci” su Spreaker.

Ascolta “Frignani” su Spreaker.

4 Commenti Unisciti anche tu alla conversazione!

  1. Pino 25 agosto 2018 at 10:30 -

    È doveroso rispondere al sig trinci dopo le sue dichiarazioni, la scorsa stagione il city ha ottenuto 22 vittorie classificandosi 3 in classica davanti al Rimini e Parma. La squadra era composta dall’80% da tutti nettunesi un solo battitore straniero e due lanciatori stranieri. Ogni anno ci sono delle regole che tutti si adeguano per rispettarle , il city la scorsa stagione ha sempre fatto lanciate lo straniero il venerdì e gli italiani il sabato , anche quest’anno ci sono state delle regole che tutti hanno rispettato, ogni campionato ha la sua storia. Forse con la squadra che aveva e veniva da un progetto di tre anni di ibl forse si poteva fare meglio. Andare a fare i playoff era l’obiettivo di quest’anno sa un Po di arrampicarsi sugli specchi, quindi si faccia una analisi di coscienza e pensi al suo lavoro insieme al suo staff.

  2. max 25 agosto 2018 at 11:51 -

    pensi dovè il City oggi abbia rispetto del lavoro altrui e le valutazioni sono differenti da stagione a stagione

  3. Troiani Giuseppe 26 agosto 2018 at 09:12 -

    Max permettimi di dissentire dalla tia dichiarazione… Gui è mio amico e lo sarà per sempre, ma secondo me ci sono stati degli errori aldilà della potenza del Bologna tra attacco e difesa, io ad esempio (e l’ho già scritto) la gestione di Richmond non l’ho capita, basti guardare Casanova a Parma e capire a cosa serve il lanciatore straniero… Aguilera a cosa è servito? Basta andare a vedere le medie in attacco e difesa, insomma qualche problema c’è stato speriamo vada meglio il prossimo anno, a me anno riportato notizie di mercato per cui il presidente Fortini si sta gia muovendo, le scriverò in privato a Colantuono e spero siano vere!!!

  4. Enrico 28 agosto 2018 at 14:57 -

    Il problema di nettuno sig troiani e che non si puo’ lavorare in tranquillita’ ,ci sono sempre “falchi” e “pantere” pronti a disminuire il lavoro degli altri(in questo caso di trinci & company)non so’ se trinci in questa intervista a parlato con rabbia e nervoso dovuto ai tradimenti subiti negli anni passati dai o da il suo stesso coach,alla fine parole sconnesse che disminuiscono il suo lavoro e quello del suo staff ma di piu’ verso ragazzi che dal city sono passati all’unico “vero nettuno”giocando per 3 anni consegutivi i play-off con i stessi risultati,ovvero fuori alla prima!!!!fino a quando le famose bandiere nettunesi(per me bandiere al vento)non diventino gente seria che ama il baseball e cerchera di unire e no di disfare saranno solo discorsi inutili,toto’ in una poesia la livella concludeva :noi siamo gente seria apparteniamo alla morte,allora basta ruffiani,basta patroni del baseball giovanile…..ma piu’ di tutti basta farci schifare dal baseball nazionale