Montefiascone, il Presidente Marianello:”Aspettiamo a giudicare questa formula”

Pubblicato il Mar 18 2021 - 8:27pm by Massimo Moretti

Inizia una nuova avventura per il Montefiascone Baseball WIPlanet, una SerieA allargata, che vedrà al via insieme le formazioni di serieA1 e serieA2.  La formazione giallo-verde della Tuscia, vedrà calcare il campo nel Girone F del Qualification Round contro NettunoAcademy, Jollu Roger BC Asd e Paternò Red Sox, nella parole del Presidente Mirco Marianello tanta passione e voglia di scendere in campo per i suoi ragazzi, pronti a lottare in ogni inning.

Con quali aspettative affrontate questo nuovo campionato?

Le nostre aspettative sono quelle di ottenere un buon risultato, cercando sopra tutto di far crescere i tutti nostri ragazzi perchè la nostra squadra sarà composta essenzialmente da tutti ragazzi giovanissimi essenzialmente under 23, per noi è importante che ci sia un gruppo che esista uno spogliatoio un progetto che possa andare avanti anche negli anni futuri, quindi non è solo questione di prestazioni sportive, ma anche un discorso di creare un nucleo fondamentale, cosa che già ci è riuscita per un proseguire in un futuro. Quasi tutti i nostri giocatori sono di Montefiascone o del Viterbese , due o tre cosi detti stranieri sono oramai ragazzi adottati dalla Tuscia. Ci aspettiamo di ben figurare, pur non avendo molta esperienza in questa categoria, sappiamo che sarà difficile e complicata speriamo di ben figurare, per noi stessi e per tutto il nostro entourage che sta lavorando duramente in questo periodo.”

Che roster state allestendo per la nuova stagione e con quali innesti?

Il nostro roster è composto essenzialmente da un nucleo fondamentale di ragazzi provenienti dai vivai di Montefiascone e Viterbo. Sicuramente l’innesto più importante quest’anno viene dalla riconferma del lanciatore Maurizio Andretta, che ha già vestito la maglia della nazionale maggiore, e sul monte di lancio abbiamo il ritorno di Stefano Fanali che ha ben figurato in tante stagioni nei scorsi campionati, coadiuvato dai fratelli Carletti, Mattia e Michele giovanissimi, che già la scorsa stagione in SerieA2 hanno fatto vedere buone cose, da Lanzi Leonardo. Poi abbiamo giocatori di grande esperienza come TABARRINI Cristiano, speriamo molto anche sul ritorno nel roster di un elemento importante come Matteo Ciacci che ha già affrontato campionati di SerieA1, inoltre questa stagione abbiamo a tempo pieno il catcher Miguel Salgado, che lo scorso anno non ha potuto giocare con noi, e poi i giovanissimi nettunesi il catcher Samuele Bruno già nazionale Under 18, l’utility Gabriele Marras e Mirko Passa nel ruolo di prima base.

Inoltre importante innesto nel nostro roster anche il rientro di altri giocatori come VINCENTI Gabriele, protagonista di una ottima stagione, lo scorso anno in SerieA2 con la Fiorentina B.C che ha sfiorato la promozione nella massima serie”.

Accarezzare il sogno dei play off, ed affrontare il top del baseball italiano e di conseguenza raggiungere il Premiere Round che porta energia, ogni ambiente, secondo te è questo il senso di questa rivoluzione della formula dei campionati?

Risulta difficile valutare una formula, ancora prima di iniziare a giocare. Una considerazione, partendo da quello che è stato il campionato di SerieA1 negli ultimi anni, di sicuro è qualcosa di diverso che cerca o che sta cercando di risolvere dei problemi che oramai erano diventati troppo incentrati solamente sul nome di alcune società.

Ho l’impressione, che il nostro massimo campionato, non abbia avuto un successo di pubblico o televisivo, quindi allargando la platea delle squadre in competizione tra loro, pur non mettendo in discussione chi saranno le squadre che parteciperanno alla serie finale per la conquista dello scudetto, e quest’anno protagonista ci sarà sicuramente il NettunoBaseball, credo che con questa formula si darà la possibilità alle società di affrontare un campionato con una ricerca continua di un obiettivo, da quello di avanzare a quello di salvarsi.

Nelle scorse stagioni dopo poche giornate si vedeva che era tutto già deciso, addirittura con società che giù che retrocedevano o altre che addirittura sparivano. Questa seconda me è una formula che dà anche a chi non può puntare al vertice, possono avere degli obiettivi lungo tutto l’arco della stagione, continuare a rimanere in SerieA sia nel Premier Round che nel Qualification Round”.

Da presidente di una “piccola” realtà, come vedi le prospettive del baseball italiano per il futuro?

Siamo una piccola realtà, forse la più piccola nel panorama del campionato di SerieA, di questa stagione, viviamo questa avventura con tanto entusiasmo, cercando di fare il meglio per allestire la nostra squadra e per dare ai nostri ragazzi tutto quello che necessita per affrontare questa stagione, e migliorare sia dal lato sportivo che umano. Fornire il comfort migliore, non siamo professionisti, ma cerchiamo di fare le cose in maniera più professionale possibile, per dare ai nostri ragazzi soprattutto questa mentalità.”

WordPress Author Box
Massimo Moretti

Nato nel 1973....aspettando 17 anni lo scudetto. Semplice appassionato di baseball come tutti quelli che vivono nella città del Tridente. Ottima prima base nei tempi (mio giudizio) protagonista assoluto in una partita con la maglia dei Ragazzi del Nettuno B.C. contro gli americani della base Nato di Napoli (ho le prove ed i testimoni). Vanto una presenza al piatto con la maglia del Baseball Club Rovigo in serie C nono inning uomo in base sotto 3 a 1 in quel di Poviglio strike out senza gloria. Ho provato la scalata nelle Minors come da foto profilo ma senza successo. Più che un esperto sono un fanatico.