Bologna di forza sul Parma!

Pubblicato il Mag 3 2019 - 10:42pm by Redazione Baseballmania

Nick Nosti

Un fuoricampo da due punti di Nick Nosti al settimo inning e un solo homer del capitano, Alessandro Vaglio, all’ottavo, hanno consegnato alla UnipolSai Assicurazioni Fortitudo Bologna un importante successo per 3 a 1 nei confronti del ParmaClima. Il classico derby del baseball della via Emilia, fra le finaliste 2018, si è giocato stasera allo stadio Gianni Falchi di Bologna e sarà replicato domani sera al Nino Cavalli di Parma, completando per le due squadre il terzo turno di regular season del campionato di serie A1 2019. La gara è vissuta sul filo dell’equilibrio fino agli inning finali, merito di eccellenti lanciatori che hanno saputo contenere efficacemente i rispettivi attacchi, sino all’epilogo deciso dalle prodezze dei due battitori bolognesi.

Le scelte di formazione di Frignani vedono la conferma della cerniera seconda-interbase formata da Vaglio e Polonius, fiducia a Rodriguez in prima base e Ferrini in terza, con Marval a ricevere, Agretti battitore designato e linea degli esterni formata da Grimaudo, Leonora e Nosti. E’ decisamente la partita di cartello del weekend, che propone sui rispettivi monti di lancio la sfida stellare fra il venezuelano Raul Rivero (6 IP, 5 H, 2 BB, 6 K), ormai vero e proprio “totem” della squadra biancoblu e il cubano Erly Casanova (5 IP, 2 H, 3 BB, 4 K), miglior lanciatore della passata stagione. Un duello che finisce in pareggio, perché la gara è destinata a risolversi negli inning finali, consegnando un altro successo a un impeccabile Antonio Noguera (1.2 IP, 2 K) e un’altra salvezza a Murilo Gouvea (1.1 IP, 2 H, 2 K, 1 ER). Leo Ferrini (3 su 4) è il biancoblu più continuo al box di battuta. Per i ducali, Alex Sambucci (3 su 4 con un doppio).

E’ pitching duel sin dal playball, ma il Parma è capace di trovare la valida con una certa regolarità. E’ degli ospiti il primo singolo della serata, colpito da Sambucci al secondo inning; è sempre dei ducali il primo arrivo a 27 metri da casa base al terzo inning, con De Simoni, in base per ball, a correre sino in terza sulla valida di Koutsoyanopulos; è ancora del ParmaClima la prima vera occasione per segnare al quarto inning, con Mirabal e Sambucci, autori entrambi di un singolo, agli angoli del diamante, ma beffati da una combinazione Ferrini/Vaglio/Rodriguez sulla battuta in doppio gioco di Vinales, che evita ai biancoblu di incassare punto. Di nuovo Parma al quinto inning, riempiendo stavolta le basi (Mercuri colpito, De Simoni valida, Poma intenzionale dopo una palla mancata), ma il mestiere di Rivero ha ancora la meglio. Una sola valida bolognese nei primi quattro attacchi, battuta da Ferrini, che si ripete nella parte bassa del quinto inning suggerendo allo staff giallo blu di visitare Casanova, che viene confermato sul mound e chiude senza patemi.

I partenti cedono il passo ai rilievi; al sesto inning tocca a Ozanich salire sulla collinetta ducale, al settimo è la volta di Noguera impossessarsi di quella felsinea. La musica però sembra non cambiare, almeno fino all’ascesa sul palco di due eccellenti strumentisti come Agretti e Nosti, autori rispettivamente di una valida e un fuoricampo a sinistra al settimo inning, in situazione di due eliminati. In un amen la UnipolSai si trova a condurre 2 a 0 e subito dopo anche Ferrini presenta il conto al nuovo arrivato, battendo la terza valida serale, prima dell’out al volo di Leonora. Dopo cinque eliminati su altrettanti battitori affrontati Noguera lascia il monte a Gouvea per la salvezza nel corso dell’ottavo inning. Nella parte bassa Habeck sostituisce Ozanich e capitan Vaglio arrotonda il punteggio con una legnata al centro che oltrepassa la recinzione. Alex Sambucci conclude invece la sua ottima gara da ex battendo un doppio all’ultimo attacco ducale, andando a segnare il punto della bandiera sulla successiva valida di Paolini.

6 Commenti Unisciti anche tu alla conversazione!

  1. Daitarn 5 maggio 2019 at 19:47 -

    Volevo solo portare in evidenza,se mai ce ne fosse bisogno,il fatto che si e’ defenestrato Flores come l’ultimo degli utili,per prendere gente che batte .000 o poco piu’ su’,se questa si chiama lungimiranza io sono il Papa…auguri

  2. MAURIZIO 6 maggio 2019 at 15:05 -

    Daitarn
    basterebbe fare una valutazione corretta sulla regola dei 3 visti invece di 4 per stranieri
    Con una scelta di max 3 stranieri in coppa (che negli ultimi anni ha portato all uscita di Flores dal roster di Coppa) e dovendo tenere sempre presente che il monte e’ determinante, con grande dispiacere a Bologna hanno deciso di non confermare Jose’.
    Ripeto , con grande dispiacere
    Certi tifosi come te non perdono occasione per trovare qualcosa su cui polemizzare senza ragionarci piu’ di tanto sopra
    Secondo te il DS della Fortitudo non conosce le potenzialita’ di Flores?
    Vergognati tu

  3. UGO 6 maggio 2019 at 15:19 -

    FORSE PERCHE’ FLORES E’ STRANIERO E IL VISTO LO HANNO TENUTO PER LA SECONDA PARTE DEL CAMPIONATO.

  4. Daitarn 6 maggio 2019 at 22:39 -

    Io sto solo guardando ai fatti,Maurizio,se la dirigenza prende un crack(ci vogliono soldoni e non sempre ci si azzecca)tutto bene,comunque vedremo ,vedremo. Sto solo dicendo che dobbiamo ringraziare Scotti,lui si e’ un super,e la toppate dei parmigiani in difesa,in battuta ci hanno distrutto.

  5. Maurizio Roveri 8 maggio 2019 at 04:21 -

    Daitarn, è tutto molto semplice. La Fortitudo UnipolSai vuole ovviamente vincere il primo importante appuntamento (in ordine cronologico) della stagione. Vale a dire la Coppa dei Campioni. Perchè questa “missione” possa andare a buon fine è fondamentale, indispensabile avere due forti stranieri come lanciatori “partenti”. Uno è Rivero e l’altro è in arrivo e sarà uno straniero soltanto per la Coppa. Un lanciatore, appunto. Non potrà essere utilizzato in campionato, per evitare di giocarsi il terzo “visto” per il campionato. Dopo la settimana di Coppa della prima settimana di giugno, la Società prenderà una decisione. E’ probabile che per il campionato il terzo straniero sarà uno slugger, un battitore di potenza. Che logicamente la Società non poteva tesserare prima (o riconfermare Flores) perchè così facendo si sarebbe giocata il terzo “visto” per il campionato. Cosa che la Fortitudo UnipolSai non vuole fare perchè – fra un mesetto c’è il grande appuntamento con la Coppa dei Campioni: e per quella manifestazione il Club biancoblù ha necessità di un altro straniero “partente” affidabile da affiancare a Rivero. Giusto. Se si vuole rivaleggiare con le forti squadre olandesi bisognerebbe avere… due Rivero (se possibile). Da utilizzare come partenti nelle prime due partite in calendario, per poterli averli a disposizione l’uno in semifinale (contro il Parma Clima, che potrebbe opporre Casanova alla Fortitudo) oppure il Neptunus Rotterdam) e l’altro nella eventuale finalissima. Antonio Noguera è un lanciatore apprezzabile, ma per un Club dalle grandi ambizioni come la Fortitudo non può essere considerato il secondo “partente”. Fra l’altro, pur lanciando abbastanza bene, sembra avere un’autonomia limitata in questi primi tempi della stagione 2019. Il pitcher straniero (cioè extracomunitario) in più per la Coppa non andrà ad incidere sui “visti” del campionato. Dunque, come vcedi Daitarn, c’è una chiara logica nelle scelte della dirigenza fortitudina. Dopo la Coppacampioni, si vedrà… Io credo che andranno su un forte battitore: che sarà il terzo straniero del campionato. E’ una scelta delicata. Da non sbagliare. La dirigenza e lo staff tecnico stanno verificando e valutando. Frattanto, pur con una media-battuta di squadra che è la penultima fra le sette della A1 in questo momento, la Fortitudo UnipolSai viaggia ancora imbattuta. Sei partite, sei vittorie. Con gente come Rodriguez, Polonious e Leonora che stanno cercando di “capire” i lanci dei lanciatori di massima serie. Che loro non conoscono. Ci sta che abbiano delle difficoltà all’inizio. Inoltre, fino ad ora ha battuto pochissimo Osman Marval. E’ indietro. Ci sta. Ci sta. Lui deve essere al top fra un mese. Ebbene: pur con un box di battuta ancora a… mezzo servizio, la Fortitudo Baseball è da sola al comando della classifica. Perchè è organizzata, perchè ha una difesa solidissima e un monte di lancio che funziona (a parte le sofferenze di Andrea Pizziconi). E allora, Daitarn, di che cosa ci si lamenta???

  6. Daitarn 8 maggio 2019 at 21:38 -

    Ok,ok.Ho visto che e’ stato preso il figlio di Kindelan,mi pare un ottimo rinforzo,speriamo per il pitcher di Coppa,vincere la Champions in casa sarebbe il massimo.