Il manger del Nettuno elogia la squadra:”Un gruppo eccezionale”! Missione compiuta dalla C alla A1, i meriti di Guy

Pubblicato il Ott 21 2020 - 5:54pm by Giovanni Colantuono

La promozione del Nettuno BC 1945 in SerieA1 porta anche la firma del suo manager Guglielmo Trinci. Un condottiero spesso silenzioso, che bada al sodo, che vuole che sia il campo a parlare per lui. Un uomo di sport vecchio stampo. Tanto sudore e lavoro la sua filosofia. Che alla fine paga sempre, ed i verdetti del campo sono gli unici che valgono nel mondo dello sport!

Ha mantenuto il silenzio anche dopo il 2-0 maturato allo Steno Borghese di Nettuno!

“Non abbiamo fatto niente”! Ha tuonato Guy Trinci poco dopo l’ultimo out di Gara2, aggiungendo:”Si parla dopo essere andati a Modena a prenderci quello che vogliamo”! Come dire….”Sia il campo a parlare per primo”!

Così è stato. Il campo ha detto che per questa stagione 2020 di A2 il Nettuno di Guy Trinci era una squadra imbattibile. C’è riuscito solo il Giudice Sportivo a macchiare con una sconfitta il cammino trionfale della squadra nettunese che sul campo le ha vinte tutte! 17 vittorie su 17 gare giocate!

E lui, il condottiero di questa splendida squadra, da subito i meriti al suo gruppo di ragazzi:

“Sono stati fantastici – ha dichiarato Guy Trinci a Baseballmania – hanno giocato una stagione perfetta, a loro va il grande merito di aver capito e messo in pratica quello che sin dallo scorso gennaio, io insieme allo staff dei coach, abbiamo sempre detto ai ragazzi. Li abbiamo allenati, tecnicamente sapevamo di avere un gruppo fortissimo, quindi dovevamo per prima cosa lavorare sulla testa dei giocatori. Abbiamo predicato umiltà e rispetto per questo campionato di A2. Non era facile per giocatori di categoria superiore scendere e mettersi in gioco in A2. Per farlo dovevano metterci tanta umiltà, rispettando sempre qualsiasi avversario dovevano affrontare, giocando su campi difficili rispetto a quelli a cui erano abituati in A1. Erano consapevoli di dover fare un grande sacrificio, l’anno fatto ben sapendo che erano i più forti ma che andava dimostrato sul campo. Questa è stata l’arma vincente di questa squadra, tutto questo gli ha permesso di vincere tutte le partite”.

Guy Trinci ricorda l’inizio della stagione, quando questa squadra è stata formata:

“In sede di mercato insieme alla dirigenza avevamo programmato una stagione da protagonisti – dice Trinci – per farlo abbiamo tenuto tutti i giocatori nettunesi che erano pezzi pregiati sul mercato della A1. Loro hanno capito l’importanza di questa stagione per riportare il Nettuno nella massima serie e si sono messi a disposizione, dimostrando grande attaccamento a questa squadra. Abbiamo poi cercato sul mercato dei comunitari dei rinforzi per aumentare il tasso tecnico del gruppo e sono arrivati Soriano, Van Der Wijst e Grigsby,  con l’aggiunta di Rommel Gonzalez che io e Claudio Scerrato abbiamo voluto fortemente. Volevamo costruire un Dream Team per la A2, ci siamo riusciti ed il campo ha dimostrato che abbiamo fatto un ottimo lavoro”.

Hai mai pensato ad inizio stagione che con questo gruppo potevi vincere tutte le partite?

“Siamo stati nettamente superiori a tutte le squadre – dice il manager del Nettuno – e si, in cuor mio avevo l’obiettivo di vincerle tutte per tornare in A1 nel migliore dei modi. Aggiungo che questo roster è tecnicamente molto forte, e il tutto è reso ancora più di valore dal fatto che questi ragazzi sono uniti, dentro e fuori dal campo. Prima di essere compagni di squadra sono un gruppo eccezionale di amici che vivono esperienze insieme anche fuori dal campo”.

Adesso inizia l’offseason e c’è da programmare il ritorno in A1:

“Noi ci faremo trovare pronti – dice Guy Trinci – questo roster è di assoluto valore anche per la massima serie. Certamente va rinforzato con l’innesto di giocatori stranieri. Aspettiamo di sapere che tipo di campionato si dovrà disputare, poi ci impegneremo sul mercato per portare a Nettuno giocatori di valore”.

Ha dato meriti al gruppo Guy Trinci, che oggi raccoglie il frutto di un duro lavoro iniziato a gennaio, prima dello scoppio della pandemia di coronavirus. I meriti sono anche i suoi!  Il suo lavoro non è stato facile, come per tutte le squadre che hanno comunque deciso di scendere in campo in questo 2020. Verso fine maggio, alla ripresa degli allenamenti dopo il lungo lockdown, il manager nettunese ha ripreso a guidare il gruppo negli allenamenti. Tanto lavoro e sudore, come predica sempre. Non si è scomposto quando la sfortuna gli ha tolto un braccio sul monte di lancio con l’infortunio di Logan Grigsby. Il tedesco non è praticamente mai stato a disposizione a causa dell’infortunio subito in fase di preparazione. Ha guidato una roster praticamente di A1 in A2, riuscendo a mettere sempre la squadra in campo con l’atteggiamento giusto, senza mai sottovalutare gli avversari, mostrando sempre il suo baseball aggressivo e concreto. A questo va aggiunto un merito che per Guy Trinci va anche ricercato nel recente passato. Quello di averci messo la faccia restando alla guida della squadra anche quando si è trattato di ripartire dalla SerieC! Quanti l’avrebbero fatto?

Guy ha messo avanti a tutto l’amore e l’attaccamento per questa squadra. Con lui stesso merito è riconosciuto a Claudio Scerrato. Oggi hanno coronato un percorso, e un impegno preso, iniziato proprio da quella stagione di SerieC, riportando il Nettuno e la gloriosa stella nella massima serie. Missione compiuta! Chapeau Guy! Chapeau Claudio!

 

 

WordPress Author Box
Giovanni Colantuono

Nato a Nettuno. Ha iniziato la carriera giornalistica nel 1991 nell’emittenza televisiva privata come autore e conduttore della rubrica settimanale sul baseball Casabase. Allievo del Piccolo Gruppo di Giornalismo Radio-Televisivo di Michele Plastino, ha poi collaborato con il quotidiano Il Tempo e con varie agenzie di stampa. Radiocronista di Idea Radio ed autore di due film reportage sulla Coppa Campioni di Parigi del ’91 e dell’Europeo del ’91. E’ stato per tre anni addetto stampa del Nettuno e collaboratore dei siti BaseballItalia.it e Baseball.it.. Nel marzo del 2012 è cofondatore di BaseballMania.it di cui è l'editore e il Direttore Editoriale.

Like us on Facebook
Giovanni Colantuono

Follow me on Twitter
Follow @https://twitter.com/g_colantuono on Twitter
Giovanni Colantuono