Il giovane pitcher romagnolo è stato tagliato dai Philadelphia Phillies e sarà a disposizione del manager Chiarini

Pubblicato il Dic 29 2017 - 11:17am by Giovanni Colantuono

Non è certo una bella notizia per il baseball italiano. Il giovane Ludovico Coveri è stato tagliato dall’organizzazione dei Philadelphia Phillies con cui da due stagioni era protagonista nella Dominican Summer League.

Il taglio del pitcher nato nel 1997 a Villanova di Bagnacavallo (Ravenna) arriva comunque dopo una stagione 2017 in cui ha fatto registrare buone statistiche. Nel roster dei Phillies Reds, Ludovico Coveri ha chiuso con 1.51 di media PGL con 6 vittorie, 4 sconfitte e 5 salvezze nelle 24 gare giocate di cui due da partente, per un totale di 53.2 inning lanciati.

Al ritorno in Italia il giovane pitcher, che ha anche vestito la casacca azzurra della nazionale, entra nel roster del San Marino. Per il manager Mario Chiarini un braccio importante in più per una stagione in cui la squadra del Titano vuole essere assoluta protagonista.

WordPress Author Box
Giovanni Colantuono

Nato a Nettuno. Ha iniziato la carriera giornalistica nel 1991 nell’emittenza televisiva privata come autore e conduttore della rubrica settimanale sul baseball Casabase. Allievo del Piccolo Gruppo di Giornalismo Radio-Televisivo di Michele Plastino, ha poi collaborato con il quotidiano Il Tempo e con varie agenzie di stampa. Radiocronista di Idea Radio ed autore di due film reportage sulla Coppa Campioni di Parigi del ’91 e dell’Europeo del ’91. E’ stato per tre anni addetto stampa del Nettuno e collaboratore dei siti BaseballItalia.it e Baseball.it.. Nel marzo del 2012 è cofondatore di BaseballMania.it di cui è l'editore e il Direttore Editoriale.

Like us on Facebook
Giovanni Colantuono

Follow me on Twitter
Follow @https://twitter.com/g_colantuono on Twitter
Giovanni Colantuono

3 Commenti Unisciti anche tu alla conversazione!

  1. Marco 29 dicembre 2017 at 13:01 -

    Un taglio assurdo visti gli ottimi numeri…come mai?

  2. Franz 29 dicembre 2017 at 20:11 -

    A quell’ età quel tipo di dati sono gli ultimi che vengono guardati, oltre ad essere un campione comunque ridotto.
    A quell’ età si guarda la futuribilita più che altro. Le velocità, quanti lanci possono essere potenzialmente efficaci, quanto “spezzano” diciamo, quanto controllo e altri dati del genere. Oltre a valutazioni fisiche mediche e caratteriali.

  3. Daitarn 29 dicembre 2017 at 22:32 -

    Dici bene tu Franz…assicurarsi che un pitcher abbia lanci che spezzano…hanno fatto cosi’ anche con Panerati in Giappone e le uniche cose che si sono spezzate sono state le sue articolazioni maledizione,distruggendo un partente quasi perfetto.