Il cubano batte a casa i due punti della vittoria del Nettuno sul City. Bel duello tra Richmond e Taschini, il vincente è Richard Castillo

Pubblicato il Lug 7 2018 - 3:51pm by Giovanni Colantuono

Lerys Aguilera HR

Soffrendo, a denti stretti, è ancora il Nettuno a vincere il derby in riva al Tirreno. Con il minimo scarto, in un 2-1 in cui il Nettuno City ha trovato un ottimo Paolo Taschini che ha duellato nel migliore dei modi contro Scott Richmond. Poi sulla partita è arrivata la mano del cubano Lerys Aguilera, è lui il protagonista della vittoria che consolida la squadra nettunese nella zona playoff.

El Mulo de Holguin metteva la firma prima sul pareggio con una valida interna e poi con una sacrificio faceva correre a casa base Andrea Sellaroli per la run decisiva del match.

La gara risultava bloccata sullo 0-0 con il dominio dei due starter per tre inning. Nel quarto, complice la difesa non perfetta del Nettuno, era il City a sbloccare il risultato sfruttando al massimo un singolo di Seba Fontana. Il punto subito non scalfiva la prestazione di Richmond che restava sulla collinetta dello Steno Borghese per 7.1 concedendo solo 3 valide con 9 strikeout e 0 di PGL.

Dall’altra parte faceva bella figura Taschini che usciva dopo 5 inning con 4 valide concesse con la sua squadra avanti nel punteggio. La situazione della gara faceva probabilmente cambiare strategia in casa City.  Privo dello squalificato Andy Vasquez, la squadra di Morville è scesa in campo a sorpresa rinunciando alla solita partenza di Carlos Misell, pensando probabilmente ad una gara 2 in cui giocarsi tutte le proprie migliori carte con la coppia Misell-Garcia contro Frias,  tenendo comunque il venezuelano nel bullpen pronto a subentrare in partita nel caso di punteggio favorevole nel finale di gara. Questo accadeva, con Misell che dal sesto inning rilevava Paolo Taschini.

L’impatto però sulla gara del venezuelano non era dei migliori. Mattia Mercuri sparava un gran doppio al centro e con due eliminati Lerys Aguilera batteva a casa il pareggio con una valida interna. Nell’ottavo inning la giocata decisiva. Caradonna guadagnava una base per ball. Sul seguente bunt di sacrificio di Sellaroli c’era l’errore di Carlos Misell. Caradonna provava la corsa fino a casa base ma veniva eliminato. Restava Sellaroli sul cuscino di seconda con un solo out. Mercuri veniva colpito e con due corridori in base il Nettuno rubava terza e seconda base, a quel punto Leo Rodriguez veniva passato in base intenzionale ed era il turno, a basi cariche, di Lerys Aguilera.

L’ex prima base dei Boer Managua toccava una linea a destra che Davemport riusciva a raccogliere al volo ma che permetteva a Sallaroli di segnare il punto decisivo del 2-1. Vano il tentativo di gioco d’appello del City in terza nel tentativo di chiedere la partenza anticipata del leadoff del Nettuno.

A chiudere la partita nel migliore dei modi ci pensava il closer Richard Castillo che era anche il vincente della gara. Oggi alle ore 21,00 allo Steno Borghese di nuovo in campo per Gara2. Probabili partenti Marcos Frias e Ramon Garcia.

 

WordPress Author Box
Giovanni Colantuono

Nato a Nettuno. Ha iniziato la carriera giornalistica nel 1991 nell’emittenza televisiva privata come autore e conduttore della rubrica settimanale sul baseball Casabase. Allievo del Piccolo Gruppo di Giornalismo Radio-Televisivo di Michele Plastino, ha poi collaborato con il quotidiano Il Tempo e con varie agenzie di stampa. Radiocronista di Idea Radio ed autore di due film reportage sulla Coppa Campioni di Parigi del ’91 e dell’Europeo del ’91. E’ stato per tre anni addetto stampa del Nettuno e collaboratore dei siti BaseballItalia.it e Baseball.it.. Nel marzo del 2012 è cofondatore di BaseballMania.it di cui è l'editore e il Direttore Editoriale.

Like us on Facebook
Giovanni Colantuono

Follow me on Twitter
Follow @https://twitter.com/g_colantuono on Twitter
Giovanni Colantuono

3 Commenti Unisciti anche tu alla conversazione!

  1. Troiani Giuseppe 8 luglio 2018 at 19:01 -

    A parte che continuo a non capire perché Richmond viene “toccato” così tanto, forse sta lanciando “al risparmio”? Taschini è un giovane di belle speranze lui un ex major non ci dovrebbe essere storia tra i due!Comunque gara 2 ha mostrato quello che secondo me è palese il Nettuno non merita i play off, basta pensare che dovrebbe incontrare il Bologna (se la classifica fosse questa) e non ci vuole un genio del baseball per capire che non c’è partita!!

  2. Danger 8 luglio 2018 at 23:38 -

    A Troiani ma che stupidaggini scrivi, uno che concede tre valide in quasi otto inning sarebbe toccato tanto? Ma stai proprio fuori di testa oltre a non capire una emerita ceppa di baseball

  3. Troiani Giuseppe 8 luglio 2018 at 23:49 -

    1 firmati poi mi chiami per cognome… 2 3 valide contro una squadra che per poco non perde manifesta contro il Padule sono tante … 3 non ha lanciato 8 inning…chi non capisce un caxxo di baseball sei tu!!