Il Capitano:”Abbiamo sbagliato solo tre partite e c’è chi ci ha attaccato”. Il dominicano:”Ora sta arrivando la condizione migliore. Il freddo mi ha condizionato”

Pubblicato il Giu 4 2018 - 9:21pm by Giovanni Colantuono

Marcos Frias

Quattro vittorie consecutive per chiudere il girone d’andata della A1 nel migliore dei modi. Per il Nettuno di Guglielmo Trinci contro Padova e Padule c’era in palio una bella fetta di stagione. La contemporanea sconfitta del San Marino ha decretato che il team nettunese è da solo al quarto posto della classifica a pieno titolo, e sancito che chi vorrà conquistare i playoff dovrà fare i conti con questo Nettuno. Il commento sulla situazione al giro di boa della regular season è del Capitano Mattia Restante al termine del doubleheader contro il Padule:

“E’ una bella realtà, siamo in piena lotta per conquistare un posto per i playoff – dice il Capitano del Nettuno Mattia Restante – in questa prima parte della stagione abbiamo sbagliato solo tre partite e c’è stato chi ci ha attaccato per quelle tre sconfitte, c’è anche qualcuno che ha detto che non siamo degni di stare in questa posizione di classifica. Io dico che invece potevamo stare anche più avanti. Siamo una squadra molto giovane e quindi paghiamo un pò la poca esperienza. Però va considerato anche che il gruppo è stato notevolmente rinnovato, con un nuovo manager, e quindi ci voleva del tempo per trovare l’amalgama giusta. Ora i risultati stanno arrivando e significa che abbiamo lavorato bene e nella giusta direzione”.

La postseason non è quindi un sogno:

“Io penso che tutte le squadre che puntano a vincere questo campionato ci temono – continua Mattia Restante – ripeto che anche nelle gare perse contro San Marino e Rimini eravamo in vantaggio e siamo stati rimontati pagando la gioventù di un roster che adesso comunque è cresciuto notevolmente. Siamo stati anche un po sfortunati su tre lanci sbagliati abbiamo subito tre fuoricampo che ci hanno condannato, quindi sono stati i singoli episodi a decidere alcune partite dove siamo usciti sconfitti. Questo comunque è il baseball”.

Contro il Padule è uscito fuori un gran senso di squadra, compatta e unita dove tutti sono importanti:

“Abbiamo iniziato a preparare questo campionato sei mesi prima – continua Restante – il gruppo è forte e unito. Tutti abbiamo i nostri compiti e le nostre opportunità e così deve essere quando il roster è ampio. Imperiali è entrato pinch- hitter ed ha trovato la valida la momento giusto, era accaduto anche a me a Padova. Mattia Mercuri ha fatto giocate bellissime e difficili in difesa, come anche Vinicio Sparagna. Il rientro di Paolino Ambrosino è stato fondamentale e un giocatore del suo calibro c’è mancato per molte partite a inizio stagione. Abbiamo quindi ancora grandi margini di miglioramento e possiamo fare grandi cose”.

Nelle ultime settimane si è visto il vero Marcos Frias, quel partente solido e dominante della Liga Nicaraguense. Sette inning a Padova e vittoria, otto inning con il Padule per portare a 4 il numero delle vittorie personali nella prima stagione italiana:

“Si posso dire che adesso mi sento molto bene e ringrazio Dio per essere riuscito a recuperare la condizione migliore – ha dichiarato Marcos Frias – purtroppo con Aguilera siamo arrivati a Nettuno a ridosso dell’inizio della stagione per via dei tempi che si sono allungati per il rilascio del visto. Quindi abbiamo saltato una fase importante della preparazione con la squadra. Avevo bisogno di qualche settimana per ritrovare la condizione fisica migliore, ora sto abbastanza bene. A Padova e contro il Padule sono riuscito a fare il mio solito lavoro sul monte di lancio. Aggiungo che nelle prime settimane appena arrivato a Nettuno ho anche sofferto per il freddo, venivo dalla stagione calda in Nicaragua e le basse temperature mi hanno condizionato. Ora però stiamo lavorando molto bene e la squadra è in grande crescita”.

Trovare la forma ideale con il passare delle settimane potrebbe essere anche un vantaggio visto da adesso arrivano le sfide che conteranno il doppio in ottica playoff:

“Certamente, ora arrivano le settimane decisive per il cammino verso la conquista della postseason. Quindi è importante essere ora verso il top della condizione – continua il dominatore delle leghe invernali latino-americane – vogliamo dare continuità a questi risultati per conquistare la miglior posizione possibile in classifica ed i playoff”.

WordPress Author Box
Giovanni Colantuono

Nato a Nettuno. Ha iniziato la carriera giornalistica nel 1991 nell’emittenza televisiva privata come autore e conduttore della rubrica settimanale sul baseball Casabase. Allievo del Piccolo Gruppo di Giornalismo Radio-Televisivo di Michele Plastino, ha poi collaborato con il quotidiano Il Tempo e con varie agenzie di stampa. Radiocronista di Idea Radio ed autore di due film reportage sulla Coppa Campioni di Parigi del ’91 e dell’Europeo del ’91. E’ stato per tre anni addetto stampa del Nettuno e collaboratore dei siti BaseballItalia.it e Baseball.it.. Nel marzo del 2012 è cofondatore di BaseballMania.it di cui è l'editore e il Direttore Editoriale.

Like us on Facebook
Giovanni Colantuono

Follow me on Twitter
Follow @https://twitter.com/g_colantuono on Twitter
Giovanni Colantuono

3 Commenti Unisciti anche tu alla conversazione!

  1. Daitarn 4 giugno 2018 at 21:50 -

    Il grande Richmond e’ stato l’unico in grado di battere il lineup della Fortitudo nel girone di andata,complimenti all’ex Blue Jays.

  2. max 5 giugno 2018 at 18:41 -

    …e la squadra nel suo complesso deve ancora crescere potenzialità inespresse ancora …

  3. Troiani Giuseppe 8 giugno 2018 at 19:48 -

    Vabbè… Un altro che tira il sasso e nasconde la mano… Dopo vari pseudonimi ho finito di ripoandere anche a te!