I Ducali difenderanno il titolo nella Champions Cup 2022. Battuto il Bologna nella finale della Final Four

Pubblicato il Set 8 2021 - 11:39am by Redazione Baseballmania

Parma Festeggia

Sconfiggendo il Bologna al termine di una bellissima partita (4 a 3 il finale) il Parma Clima ha conquistato il diritto a giocare l’European Champions Cup 2022. I ragazzi di Guido Poma hanno offerto una strepitosa prova collettiva nella quale hanno brillato le prove dei lanciatori Rondon e Campos (vincente) e dell’incontenibile Leo Rodriguez, due su quattro con la valida vincente ed una strepitosa giocata difensiva sulla ventisettesima eliminazione del match.

Rispetto alla gara contro il Nettuno lo staff tecnico del Parma Clima ha inserito Astorri come designato al secondo posto dell’ordine di battuta facendo scendere Sebastiano Poma al settimo e invertendo le posizione tra Battioni, ottavo, e Juaquin, nono.

Danny Rondon

Nel Bologna Dreni è stato spostato in seconda base con Monti interbase e Loardi dh. Sul monte di lancio è andato inizialmente in scena il duello tra Danny Rondon e Raul Rivero.

Il primo giocatore ad arrivare in base è stato Marval, autore di un singolo al centro in apertura del secondo inning. Dopo l’eliminazione al volo di Leonora è arrivato un lancio pazzo che ha portato Marval in posizione-punto, quindi Loardi ha spinto il compagno in terza con una rimbalzante verso l’interbase: Rodriguez ha però spento l’attacco ospite difendendo con sicurezza una battuta di Liberatore.

Anche il Parma Clima ha messo in base il primo corridore al secondo inning: con due out Sambucci ha ricevuto quattro ball, ha approfittato di un lancio pazzo per arrivare in seconda ma poi Rivero ha bloccato i ducali con un “kappa” ai danni di capitan Poma.

I campioni d’Europa si sono portati in vantaggio al terzo. Battioni ha aperto l’attacco con un singolo al centro, è avanzato in seconda grazie ad una battuta a destra di Juaquin ed ha completato il giro delle basi sfruttando una valida di Desimoni.

Fabrizi Battioni Liberatore

Il raddoppio al quarto inning grazie ad una valida di Gonzalez, trasformata in un triplo da un evitabile tentativo di presa in tuffo di Leonora, e al puntuale singolo in campo opposto di Mineo.

Al quinto il Bologna ha rimesso la gara in parità con due soli giri di mazza. Prima Leonora ha battuto un singolo, poi Loardi ha messo a segno un fuoricampo da due punti superando nettamente la recinzione in campo destro. Sulle ali dell’entusiasmo gli ospiti hanno creato i presupposti per il sorpasso con un singolo di Liberatore ed un sacrificio di Monti ma Rondon ha respinto il tentativo bolognese con le eliminazioni di Dreni e Bertossi.

Fortitudo ancora pericolosa al sesto inning. Dobboletta ha ricevuto quattro ball ma Rondon si è difeso in modo superlativo contro il “turno forte” eliminando consecutivamente Martini (al volo da Poma), Marval (4-3) e Leonora, out a destra da Gonzalez.

Al cambio di campo i padroni di casa sono tornati in vantaggio. Singolo di Astorri, fallo di pedana di Rivero (balk) e puntuale valida al centro di Rodriguez per il 3 a 2: la visita a Rivero del pitching coach Betto ha sortito gli effetti sperati e l’attacco ducale si è esaurito con una battuta in doppio gioco di Mineo.

A partire dalla settima ripresa Rondon (sei riprese, due punti, quattro valide, una base, quattro strikeout) ha lasciato il mound a Josè Campos che ha iniziato il proprio lavoro subendo da Loardi un singolo al centro. Frignani ha sostituito Loardi con Grimaudo che ha pareggiato la partita grazie a un triplo di Dreni facilitato da un’incertezza di Sebastiano Poma. La situazione si è ulteriormente aggrovigliata con la concessione di due basi per ball consecutive a Bertossi e Dobboletta ma Gonzalez ha risolto il problema eliminando al volo Martini.

Anche il Bologna ha sostituito il proprio lanciatore iniziale dopo sei riprese. Rivero (tre punti, sei valide, sei strikeout) ha lasciato il monte a Gouvea che ha mantenuto la parità nonostante un singolo di Sebastiano Poma.

L’ottavo assalto bolognese si è esaurito con un isolato singolo di Grimaudo, quello dei campioni d’Europa ha invece fruttato il punto del nuovo vantaggio. Desimoni ha risolto un lungo (e polemico) duello con Gouvea battendo un singolo a sinistra, Astorri si è esibito in un perfetto sacrificio, Gonzalez ha ricevuto una base intenzionale e Rodriguez ha prodotto il singolo del 4 a 3.

Come ad Ostrava il Parma Clima si è presentato al nono inning con un punto di vantaggio e Campos sul monte di lancio. Monti è stato eliminato al volo da Gonzalez, Dreni ha battuto una debole “comebacker” verso Campos, Bertossi è stato eliminato da una miracolosa assistenza di Rodriguez.

Nel 2022 il Parma Clima difenderà il proprio titolo continentale!

Foto del fotografo di Redazione Lauro Bassani