Fortini:”Nettuno è capitale del baseball. Da oggi siamo il Nettuno BC 1945″!

Pubblicato il Apr 12 2018 - 7:23pm by Giovanni Colantuono

Nettuno sta vivendo momenti di grande visibilità grazie all’inizio della nuova stagione che ha visto il Città di Nettuno Academy subito protagonista dopo un mercato all’insegna di grandi colpi internazionali.

Nelle ultime ore l’arrivo di Scott Richmond a Nettuno ha scatenato grande interesse a livello mondiale con il canadese seguito sui social network Twitter e Instagram nel suo viaggio verso la cittadina tirrenica.

Su questa rilevanza a livello mediatico di Richmond si è soffermato anche il Patron Piero Fortini:

“Sapevamo che Scott è un grande personaggio, conosciutissimo in tutto il mondo per la sua carriera da professionista. La nostra è stata una scelta precisa, volevamo fortemente lui nella nostra squadra per tutto quello che rappresenta. Un pitcher forte e di assoluto affidamento sul monte di lancio e un uomo vetrina per rilanciarci a livello mediatico. Purtroppo c’è qualcuno che a Nettuno fa finta di non vedere tutto questo. In tutto il mondo del baseball condivide e commenta l’arrivo di Scott a Nettuno e quì invece c’è ancora chi pensa e sparla sulle due squadre. Non conoscono i fatti, non sanno niente di tutto quello che abbiamo passato negli ultimi tre anni e scrivono cose assurde sui social. Parlano di situazione grottesca di due squadre. Quì di grottesco c’è solo che a Nettuno ci si volta dall’altra parte per non vedere la realtà dei fatti, anzi si cerca di influenzare la gente con continui post e commenti contro di noi. A tutte queste persone dico pubblicamente di non venire allo stadio perchè non siete gradite. Hanno cercato nei mesi scorsi di confondere la gente sulla titolarità dei titoli sportivi. Sono arrivati a far credere a dei cittadini americani in visita a Nettuno che i trofei esposti nello Steno Borghese appartenevano all’altra squadra. Hanno riso ed erano felici quando abbiamo perso nei playoff in serie A lo scorso anno. Noi non dimentichiamo. Non siete graditi nello Steno Borghese, questa è la verità.  Questi hanno pure il coraggio di parlare di grottesco. Indegni soltanto di parlare della nostra squadra. Puntualizzo uno volta per tutte che il Città di Nettuno è sempre stato l’unica squadra nella massima serie del baseball italiano, con le diverse denominazioni avute in passato, e l’unica squadra legittimata a portare la stella sulle proprie casacca e nei propri loghi e simboli. Noi eravamo già nella IBL quando una seconda squadra si è aggiunta. Nessuno parla di questo e di come si è arrivati ad avere la seconda squadra partendo dal titolo sportivo ceduto dalla squadra Arezzo-Grosseto. Grottesco è stato in passato il tentativo di farci sparire, prendendo il titolo per la massima serie da altre parti, sperando poi nel nostro fallimento. Grottesco è oggi chi continua a nascondere questi fatti per continuare a confondere l’opinione pubblica”.

C’è infatti chi continua a montare polemiche ad arte in questa città:

“Noi siamo lo storico Nettuno, tutti se ne facciano una ragione – continua Fortini – ho sempre agito per il bene di tutto il baseball nettunese ed oggi possiamo dire di aver costruito una squadra degna del suo passato. Per farlo ho capito quale fosse la strada migliore da prendere, quella dell’unione con l’Academy. E’ nata una società seria con dirigenti come Paolo Bernardi, Leo Mazzanti e Fabio Bonifazi che lavorano tutti i giorni per questo progetto che da oggi si chiama Nettuno BC 1945. Così nessuno potrà confondere più la nostra storia e nessuno potrà continuare a fare confusione di proposito. Aggiungo un dirigente come Mario Colaianni che con la sua esperienza di sta aiutando tantissimo. Ora la prima squadra della città ha una struttura solida, ci sentiamo più forti di prima perchè siamo cresciuti e abbiamo reso forte questo club per prima cosa a livello societario. Nessuno sottolinea questi fatti che sono importanti per il futuro di questo sport in questa città. Pensano solo a dare una informazione incompleta e manipolata. Sbagliano anche a dire che le squadre sono solo due, quando in realtà sono tre”.

Tre squadre che vanno viste come risorsa e non da strumentalizzare per continue polemiche sui social network:

“Giustissimo e aggiungo che oltre alle due in A1 e al Nettuno2 in A2 abbiamo anche il Latina che è squadra a noi molto vicina che gioca nella città Pontina dando spazio a tanti nostri ragazzi di Nettuno nel campionato di serie B. Queste sono le cose importanti da mettere in luce. Ora tanti giocatori di Nettuno hanno l’opportunità di giocare nelle squadre nettunesi anzichè andare via per cercare spazio. Nessun’altro in Italia e in Europa ha tante squadre come noi. Possiamo dire che Nettuno è diventata capitale del baseball e non solo città del baseball. Però certi personaggi continuano a alimentare polemiche. Dico a tutti i tifosi di Nettuno di chiedersi il perchè questa gente usa i social network per polemizzare continuamente nei nostri confronti. Forse hanno perso qualche orticello che avevano iniziato a coltivare negli ultimi mesi. Non stateli a sentire, svegliatevi e ragionate con le vostre teste. Io dico è solo positivo che a Nettuno tutte le settimane ci sia una partita di baseball della massima serie da andare a vedere. Tre squadre garantiscono a tanti nostri ragazzi di giocare ai massimi livelli, quindi è onorevole il lavoro di tutti e tre i club. Poi ovviamente ognuno ha la propria storia e tutti i tifosi sono liberi di sostenere la squadra che preferiscono. Però non fatevi condizionare da chi sta cercando di travisare la realtà dei fatti, tifate senza condizionamenti per tutto il baseball nettunese oggi più che mai capitale del baseball”.

 

WordPress Author Box
Giovanni Colantuono

Nato a Nettuno. Ha iniziato la carriera giornalistica nel 1991 nell’emittenza televisiva privata come autore e conduttore della rubrica settimanale sul baseball Casabase. Allievo del Piccolo Gruppo di Giornalismo Radio-Televisivo di Michele Plastino, ha poi collaborato con il quotidiano Il Tempo e con varie agenzie di stampa. Radiocronista di Idea Radio ed autore di due film reportage sulla Coppa Campioni di Parigi del ’91 e dell’Europeo del ’91. E’ stato per tre anni addetto stampa del Nettuno e collaboratore dei siti BaseballItalia.it e Baseball.it.. Nel marzo del 2012 è cofondatore di BaseballMania.it di cui è l'editore e il Direttore Editoriale.

Like us on Facebook
Giovanni Colantuono

Follow me on Twitter
Follow @https://twitter.com/g_colantuono on Twitter
Giovanni Colantuono

2 Commenti Unisciti anche tu alla conversazione!

  1. Stefano 13 aprile 2018 at 01:36 -

    Chi ha a cuore il baseball a Nettuno, non sente chiacchere, grande presidente Fortini vada dritto per la sua strada che la seguiranno in molti.

  2. Troiani Giuseppe 14 aprile 2018 at 05:20 -

    Presidente noi ci incontriamo spesso perche casa mia e il suo ufficio e sede sono vicinissimi…Nettuno pur essendo una cittadina meravigliosa rimarrà sempre il luogo del “compa, comma, cuggi” e dello sparlare degli altri senza vedere in casa propria! Percio continui sulla sua strada e vedrà che, chi oggi prova ha screditarla, domani la porterà in trionfo.