Domani consegna delle chiavi dello Steno Borghese al Nettuno Academy e giorno di completamento degli svincoli di Trinci, Mercuri e Sellaroli

Pubblicato il Mar 1 2018 - 7:18pm by Giovanni Colantuono

Un venerdì da ricordare quello di domani 2 marzo 2018. Finalmente il Città di Nettuno Academy potrà ritornare nello storico impianto della città con la consegna ufficiale delle chiavi da parte dell’amministrazione comunale alla dirigenza della prima squadra nettunese.

Il tempo stringe e servono interventi radicali e urgenti nello Steno Borghese per rimetterlo in sesto. Come urgente è l’esigenza di far allenare la squadra di Guglielmo Trinci su un diamante dopo che per molte settimane la preparazione è stata svolta nel PalaAcademy.

Domani è anche il giorno in cui si chiuderà l’iter degli svincoli dei tre giocatori che vestiranno la casacca della squadra del Patron Piero Fortini. Con il versamento della somma stabilita dalla FIBS, Mario Trinci, Mattia Mercuri e Andrea Sellaroli saranno ufficialmente tre giocatori del Nettuno Academy, il tutto nei termini stabiliti dalla federazione e dalla pronuncia della Procura Federale.

Sarà quindi un “Party Friday”, un venerdì di festa per la squadra più titolata d’Italia che si avvicina all’inizio della stagione del rilancio con tappe fondamentali. Una delle quali, ed era obiettivo primario, ritornare a pieno titolo in possesso dello Steno Borghese.

Chissà se invece questo venerdì sarà di festa per il Nettuno Baseball City, la seconda squadra di Nettuno che partecipa al campionato di A1. Di fatto domani si perde lo stadio, ma l’essersi astenuti dalla partecipazione al bando era già stato un alzare bandiera bianca, e si perdono ufficialmente altri tre giocatori che facevano stabilmente parte dell’ossatura della squadra titolare della scorsa stagione. Certo entrano nelle casse della società soldi freschi e si dovrà vedere se poi verranno investiti per rinforzare il roster a disposizione del manager Carlo Morville che ad oggi conta pochi giocatori a disposizione con un roster molto corto. Parte di quanto entrerà nelle casse del City andrà comunque destinato all’affitto che si dovrà pagare se la squadra vorrà giocare anch’essa nello Steno Borghese. Nel bando sulla stadio c’è infatti un punto che garantisce all’altra squadra partecipante alla massima serie di disputare le gare casalinghe al Borghese, ovviamente con un versamento di canone d’affitto all’altra squadra per ogni gara disputata.

WordPress Author Box
Giovanni Colantuono

Nato a Nettuno. Ha iniziato la carriera giornalistica nel 1991 nell’emittenza televisiva privata come autore e conduttore della rubrica settimanale sul baseball Casabase. Allievo del Piccolo Gruppo di Giornalismo Radio-Televisivo di Michele Plastino, ha poi collaborato con il quotidiano Il Tempo e con varie agenzie di stampa. Radiocronista di Idea Radio ed autore di due film reportage sulla Coppa Campioni di Parigi del ’91 e dell’Europeo del ’91. E’ stato per tre anni addetto stampa del Nettuno e collaboratore dei siti BaseballItalia.it e Baseball.it.. Nel marzo del 2012 è cofondatore di BaseballMania.it di cui è l'editore e il Direttore Editoriale.

Like us on Facebook
Giovanni Colantuono

Follow me on Twitter
Follow @https://twitter.com/g_colantuono on Twitter
Giovanni Colantuono

1 Commento Unisciti anche tu alla conversazione!

  1. Franco 1 marzo 2018 at 19:58 -

    facciamo il conto alla rovescia per il CITY a Roma all’ Acquacetosa ahahahah