Da questa sera al “Falchi” di Bologna (ore 20,30) le Italian Baseball Series. Per lo scudetto 2018. E’ un appassionante derby emiliano che si ripropone dopo le avvincenti e combattute finali del 2010. Personaggi, statistiche, curiosità d’una serie che annuncia forti emozioni

Pubblicato il Ago 31 2018 - 3:22pm by Maurizio Roveri

Marval Deotto

Bologna contro Parma. Duello tutto emiliano sulla strada che porta allo scudetto del baseball. Come otto anni fa. Era il 2010. L’11 settembre 2010 quando il Cariparma gestito magistralmente da Gilberto “Gibo” Gerali volò a raccogliere la stella del suo decimo titolo di campione d’Italia. Parma vinse per 2-1 la decisiva “gara7”, una partita stretta stretta, dura ed estenuante. Come lo fu tutta quella serie. Così intensa, così apra, così gonfia di tensione e di colpi di scena. Bologna aveva vinto le prime due partite, al “Nino Cavalli” di Parma. Il gruppo di Gerali seppe recuperare, poi si trovò nuovamente a dover rincorrere (2-3) ma riuscì a sfruttare con saldezza di nervi il fattore campo e vincere gara6 e gara7. Davanti a 3000 parmigiani in delirio. Marco Yepez, agli occhi della Fortitudo UGF, sembrava il diavolo in quelle settimane. Con la sua mazza confezionò un imperioso 464 di media-battuta nella serie e 607 di percentuale slugging. 

Battitori come Yepez, Dallospedale, Bertagnon, Desimoni, Zileri, Munoz, Sambucci fronteggiarono Infante, Santaniello, Jairo Ramos, Mazzuca, Bidi Landuzzi, Angrisano, Malengo.
La notte dello scudetto della Stella, Parma aveva Martinez sul monte di lancio. Gustavo Martinez. 
Otto anni dopo… c’è un altro Martinez in questa sfida stellare. Anche lui lanciatore. Ma gioca per Bologna. Si chiama Jorge Martinez, affidabilissimo “serpentero” cubano della Fortitudo UnipolSai. Salirà stasera sulla collinetta del “Falchi”, per trasmettere ulteriori certezze al mondo fortitudino e far vincere al gruppo di manager Frignani la sua trentesima partita di questo campionato. Soprattutto l’1-0 nel percorso verso lo scudetto.

Jorge Martinez

Ma con chi si misurerà Jorge Martinez (9 partite vinte e soltanto 1 perduta) questa sera in gara1? Con il connazionale Erly Casanova (10 partite vinte e 2 perse), il colosso leader e trascinatore del Parma Clima? Oppure con l’altro cubano, il più giovane Ulfrido Garcia (5 vinte, 5 perse) talento emergente dalla fastball a 94 miglia? I due cubani di Parma hanno speso molte energie nelle battaglie di semifinale contro Rimini, coinvolti al massimo, dovendo sopperire ad un monte di lancio diventato corto corto dopo la partenza a luglio di Luis Lugo chiamato dai Kansas City Royals e il successivo “taglio” per indisciplina del rumeno Pirvu. 

Casanova, in particolare, ha necessità di recuperare. Ha lanciato, per fermare i Pirati riminesi, in tre partite: gara1, gara4, gara5. Vincendole tutte. Due da “partente” (fra le quali una “completa”) e una da “rilievo”. Per un totale di 20.2 inning e 313 lanci. Performance enorme. E dispendiosissima. 
Il mistero sul lanciatore al quale manager Guido Poma affiderà la prima palla di queste Italian Baseball Series è il primo motivo di suspense che questa serie per il titolo propone.
Poma prende tempo, l’allenamento di ieri gli ha già dato delle indicazioni ma sarà guardando in faccia oggi i suoi giocatori che capirà la strada che dovrà prendere per la delicata scelta di stasera. Affidare gara1 al braccio di Michele Pomponi? Il ragazzo è un bel talento naturale, ha 20 anni, ci vuole coraggio (molto coraggio) a lanciare in mischia come pitcher partente Pomponi nella prima partita (e in trasferta) della serie-scudetto. 

Ulfrido Garcia

Ulfrido Garcia ha meno lanci di Casanova nel braccio e dunque potrebbe essere lui a cominciare stasera sul mound per il Parma Clima. Per preservare Casanova e magari facendo – nel contempo – la danza della pioggia… Non ce ne sarà bisogno, si sa già che sabato e anche domenica sarà maltempo e quasi certamente gara2 slitterà. E quando verrà recuperata, Casanova avrà il braccione di nuovo pronto. Pronto a confezionare altri strikeout. E forse tornerà Luis Lugo a disposizione di Poma.

E se Erly Casanova, per quattordici anni stella di Pinar del Rio nella Serie Nacional di Cuba, in un lampo d’orgoglio – dimenticando le fatiche del braccio – decidesse di prender lui in mano il destino della prima sfida? In tal caso, il pubblico presente al Falchi assisterebbe ad uno spettacolare duello fra grandi lanciatori di scuola cubana: il Casanova leader dei Vegueros (o anche Tabaqueros) di Pinar del Rio, e Jorge Martinez un “principe del controllo”, uno dei più apprezzati Cocodrilos di Matanzas.
Una curiosità: Erlys “Erly” Casanova è un figlio d’arte. Suo padre è stato un leggendario battitore, un uomo dal “quadrangular” facile (312 homers in carriera), Luis Giraldo Casanova, soprannominato “El Senor Pelotero”. Il mitico Casanova senior è anche una vecchia conoscenza bolognese, infatti fece da manager in Fortitudo. Seppure per una sola stagione, nel 1993.
Un po’ di stats.
La Fortitudo UnipolSai ha vinto fino ad ora 29 partite su 31 giocate (26 su 28 in regular season, più il 3-0 nella serie di semifinale contro Nettuno). La squadra gestita da Lele Frignani, con la collaborazione di Fabio Betto, Roberto Radaelli, Mario Labastidas, Vanni Pedrini e ora Claudio Liverziani con funzioni da team manager, ha confezionato 32 fuoricampo in 31 partite! 
Attacco solido, consistente, anche esplosivo: in regular season ben 10 fortitudini sono andati sopra i 300 di media battuta: Peppe Mazzanti 400, Osman Marval 378, Nick Nosti 349, Beau Maggi 342, Alessandro Vaglio 340, Josè Flores 319, Kevin Moesquit 304, Gilmer Lampe 301, e anche i due ragazzi bolognesi Lorenzo Dobboletta 386 e Filippo Agretti 328 (cambi di lusso). Nelle 3 partite di playoff giocate, ha preso fuoco la grande mazza di Osman Marval con 600 di average e l’impressionante 1.100 di slugging. Ed è cresciuto decisamente Robel Garcia che ha battuto 400 e anche Lampe arrivato a 375. Un buon 286 per Flores e per Maggi.
Il Parma Clima ha eliminato Rimini tenendo i Pirati a punteggi bassissimi. La band di Gianguido Poma si è qualificata concedendo appena 1 punto nelle ultime due gare della serie: vittoria per 1-0 in gara4 a Parma e poi il 2-1 nella Casa dei Pirati in gara5.
Soltanto due i giocatori di Parma che hanno battuto più di 300 in regular season:  Charlie Mirabal 327 e Aldo Koutsoyanopulos 315. Poi, sulle battaglie di semifinale, ha messo la firma della sua concretezza e della sua esperienza il grande catcher cubano Frank Reyes Morejon. 
Nella decisiva gara5, a Rimini, da sottolineare il 2 su 3 di Morejon e il 2 su 5 di Mirabal. Però è stato il fuoricampo di Alex Sambucci a trasmettere un mondo di certezze ai parmigiani.
Il lineup della Fortitudo UnipolSai: Nosti-Moesquit-Flores-Marval-Mazzanti-Lampe-Garcia-Vaglio-Maggi.
Il lineup del ParmaClima: Koutsoyanopulos-Desimoni-Mirabal-Zileri-Sambucci-Sebastiano Poma-Morejon-Paolini-Scalera. 
Il palmarès dei due Club: 
La Fortitudo Bologna ha vinto nella sua storia 10 scudetti, 5 Coppe dei Campioni, 11 Coppe Italia, 1 Supercoppa Italiana.
Il Parma Baseball ha vinto 10 scudetti, 13 Coppe dei Campioni, 6 Coppe Italia, 1 Coppa delle Coppe, 1 Supercoppa Ceb, 3 Coppe del Mediterraneo, 1 Coppa dei Club.
Playball stasera ore 20,30. Per le prime forti emozioni. Buon divertimento!
WordPress Author Box
Maurizio Roveri

Giornalista professionista, nato il 26 novembre 1949 a Bentivoglio in provincia di Bologna. Ha iniziato la sua brillante carriera giornalistica come redattore di Stadio nel 1974 per passare poco dopo al Corriere dello Sport-Stadio, dove è rimasto fino al gennaio del 2004. E’ iscritto all’Albo dei giornalisti professionisti dal luglio del 1977. Al Corriere dello Sport è stato responsabile del basket e del pugilato nella redazione di Bologna. Capo rubrica per il Corriere dello Sport-Stadio del baseball, sport seguito fin dal 1969 come collaboratore di Stadio. Molte le sue esperienze da inviato a cominciare dai campionati mondiali di baseball del 1972 in Nicaragua, del 1988 in Italia, del 1990 in Canada, del 1998 in Italia, nonché alle Universiadi di Torino del 1970 e ai campionati Europei del 1971, del 1987, del 1989, del 1991, del 1999. Collaboratore del quotidiano “Il Domani di Bologna” per baseball, pugilato, pallavolo dal 2004 al 2007. Creatore del sito internet specializzato sul baseball Doubleplay.it e collaboratore dei siti Baseballitalia.it, Baseball.it e BoxRingWeb.it. Entra con l’inizio del 2012 nel gruppo editoriale di InLiberaUscita, ricoprendo la posizione di opinion leader e di redattore da Bologna. Nel marzo del 2012 è cofondatore del sito specializzato BaseballMania.it di cui oggi è coordinatore giornalistico.