Altro ritiro dopo quello del Redipuglia e altre due si riservano di decidere prima del Consiglio Federale del 25 giugno. A 17 giorni dall’Opening Day ancora non si sa come sarà il massimo campionato!

Pubblicato il Giu 23 2020 - 12:03pm by Redazione Baseballmania

Come volevasi dimostrare! La SerieA1 continua a perdere i pezzi. L’avevamo anticipato, la data del 16 giugno si è dimostrata una data di passaggio, senza nessun vincolo per le squadre. La seconda a chiamarsi fuori è il Torino, e sinceramente non avevamo dubbi. Prima del Consiglio Federale del 25 giugno si attendono le decisioni di altre due squadre che hanno messo in dubbio la loro partecipazione nel corso della riunione di ieri sera con la FIBS. Nella comunicazione della federazione non sono citate ma secondo indiscrezioni potrebbero essere il Macerata e il Nettuno Baseball City. L’amara considerazione è che a soli 17 giorni dall’Opening Day del massimo campionato, ancora non si conosce chi parteciperà e con quale formula. Complimenti Presidente Marcon!

Ecco di seguito la comunicazione della FIBS in merito alla riunione di ieri con le società di A1:

La riunione virtuale della massima serie di baseball ha concluso il giro di consultazioni fra le aventi diritto alle diverse categorie, la Commissione Organizzazione Gare e i vertici federali.

In apertura, il Presidente Andrea Marcon ha aggiornato le 9 Società presenti in merito agli ultimi sviluppi delle disposizioni governative in tema di covid-19 e sport, anche se, ha sottolineato, è ovviamente necessario attendere il prossimo DPCM che sostituirà quello in scadenza il 25 giugno prossimo, giorno in cui è convocata anche la seduta del Consiglio Federale che delibererà la struttura definitiva della stagione 2020.

Certamente, nell’eccezionalità dell’annata che sta per iniziare, molta attenzione sarà dedicata alle allerte meteo, in modo da evitare il più possibile gli spostamenti a vuoto delle squadre.

Proprio i recuperi sono stati al centro di un’accurata disamina, che ha condotto all’inversione di quanto previsto dalla Circolare Attività Agonistica 2019: quest’anno, in caso di maltempo a ridosso della gara o di sospensione, la partita verrà svolta o completata il giorno successivo qualora la distanza fra la sede delle due squadre coinvolte sia di 250 chilometri o inferiore, mentre per distanze superiori il recupero sarà valutato di volta in volta a seconda dell’andamento del campionato.

Sottolineata l’importanza che ciascun club informi preventivamente gli altri delle disposizioni peculiari del proprio impianto, con un vademecum in materia di comportamenti per il contenimento del contagio.

Il format della A1 baseball presentato dal Presidente COG Andreino Parentini prevede lo spostamento da metà agosto a metà settembre delle prime 4 giornate, con le semifinali incrociate fra i 2 gironi dal 18 settembre e l’eventuale bella-scudetto il 10 ottobre; le serie di play-off sono previste al meglio delle 5, con giornate di gara venerdì, sabato, martedì e, se necessario, mercoledì e venerdì.

Nel corso della riunione, però, il Vice Presidente dei Grizzlies, Orlando Vegni, ha con rammarico dovuto annunciare il ritiro della sua squadra, nonostante tutti gli sforzi e i tentativi fatti fino all’ultimo momento, per l’indisponibilità di diversi giocatori a partecipare al campionato con la formazione torinese. Altre 2 formazioni hanno chiesto ancora qualche giorno per sciogliere definitivamente le riserve, dovute essenzialmente a problemi economici legati alle trattative con gli sponsor ancora in corso, impegnandosi a confermare la propria partecipazione entro l’inizio della prossima seduta del Consiglio Federale, fissata per le 16:30 di giovedì 25 giugno.

Foto Cristiano Gatti/OldmanAgenzy

 

3 Commenti Unisciti anche tu alla conversazione!

  1. Adriano 23 giugno 2020 at 15:13 -

    Quindi i Grizzlies, che già non avevano conquistato sul campo la A1, ora acquisiscono il diritto di giocare in A2 ??? Magari così il girone A di A2 si completa ???

  2. Tommaso Caimmi 23 giugno 2020 at 16:21 -

    Possibile che non ci sia una persona più adatta di Marcon per fare il presidente federale? Non credo servano spiccate capacità visto il numero di fallimenti che questa federazione sta collezionando. Chiunque al suo posto farebbe meno danni, e soprattutto eviteremmo di trovarcelo davanti ad ogni apparizione pubblica, in cui parla di disfatte addirittura con cenni di soddisfazione.

  3. Alby66 25 giugno 2020 at 18:46 -

    Qualcuno ha notizie su Macerata e nettuno? …. Direi che le ore 12 di oggi dovrebbero essere passate o ci sono problemi di fuso orario? Federazione assente presidente imbarazzante…. Piazza pulita subito…. Sono d’accordo che le alternative sono da brividi però qualcosa bisogna fare…. Fallimento totale…