Al termine del tempo concesso dalla FIBS per i ritiri sono nove le iscritte al massimo campionato. Che succederà nel caso di altri ritiri nei prossimi giorni?

Pubblicato il Giu 17 2020 - 7:04pm by Giovanni Colantuono

Renzo Martini

Tutto bene, ciò che finisce bene! Per la A1 del baseball italiano le cose, si può ben dire oggi, sono andate bene! Dopo tante chiacchiere, tante discussioni e tanti dubbi, oggi sappiamo che ci sarà un campionato di A1 con nove squadre. Un lusso, non da poco se consideriamo che in molti parlavano di un massimo campionato ridotto ad un torneo regionale in Emilia Romagna.

Il risultato è confortante. La squadre di A1 hanno fatto quindi il massimo, per fare in modo che in questo difficile 2020, ci sia una stagione da giocare per onorare un movimento che avrebbe perso gran parte della sua credibilità se avesse dovuto alzare bandiera bianca per colpa del Covid-19.

Protocollo difficile da attuare, sponsor in fuga, responsabilità dei presidenti troppo grandi in caso di nuovi contagi da coronavirus. Sul tavolo degli indecisi erano molti i dubbi e le situazioni da valutare. Oggi però abbiamo un risultato. Nove squadre hanno confermato l’iscrizione al campionato di A1, il che significa che tutte loro hanno valutato attentamente il protocollo, hanno verificato la disponibilità dei loro sponsor ad esserci anche in un momento difficile come quello attuale e hanno quindi la certezza che possono disputare la stagione 2020. Senza quei grossi dubbi che da molte settimane hanno messo in discussione il campionato.

Partita finita qua su questa questione? Vogliamo essere ottimisti e pensare che queste nove squadre hanno dato conferma dell’iscrizione con cognizione di causa. Hanno quindi valutato attentamente il protocollo e soprattutto hanno avuto conferma dai loro sponsor che daranno il loro fondamentale contributo. Se così non fosse, allora siamo di nuovo, come sempre in passato, di fronte al solito teatrino delle squadre che vogliono indirizzare le situazioni con la conseguenza di mettere in difficoltà la federazione. Basta ricordare i mesi persi ogni anno per discutere di formule che alle “sorelle” della A1 non andavano mai bene!

E lo diciamo subito! Nove squadre hanno confermato l’iscrizione al campionato, quindi abili e arruolate! Hanno avuto mesi di tempo per pensare, hanno avuto il massimo appoggio dalla federazione per iniziare dal 18 maggio scorso a riprendere gradualmente l’attività con allenamenti collettivi. Soprattutto, hanno avuto una scadenza certa dalla FIBS. La mezzanotte di ieri per comunicare il ritiro dal campionato, senza conseguenze!

Che succederà se nei prossimi giorni qualche squadra dirà che non può, o non vuole più, partecipare?

Il dubbio in realtà lo abbiamo. Alla FIBS è infatti arrivata una lettera, firmata da alcune società di A1, con cui sembra si chiedono ulteriori chiarimenti sul protocollo approvato dal Comitato Tecnico Scientifico e dal CONI. Che significato ha quella lettera? Ci sono ancora dubbi? Se ci sono, ed è anche lecito che ci siano, è chiaro che dopo la mezzanotte di ieri, non sono dubbi che devono rimettere in discussione l’iscrizione al campionato. Perchè se così fosse, sarebbe un raggiro a quanto stabilito dalla FIBS con una regola ben precisa! IL RITIRO ANDAVA COMUNICATO ENTRO LA MEZZANOTTE DEL 16 GIUGNO! Dopo che le società hanno avuto tutto il tempo per le loro valutazioni. Valutazioni che sicuramente avrà fatto la seria dirigenza del Redipuglia, comunicando nei tempi previsti il ritiro.

Ci chiediamo quindi, cosa accadrà se da adesso in poi qualche squadra con la scusa del coronavirus dirà che non farà il campionato? Non vogliamo neanche immaginare che non ci saranno conseguenze, ne va della credibilità della federazione. Basti pensare proprio al Redipuglia. Che ha rispettato la regola, e magari dovrà assistere a qualche “giochetto” organizzato ad arte per prendere ulteriore tempo per decidere!

La FIBS non permetta questi “giochetti”! E’ ora di sancire che lo slogan “regole certe per tutti” sia una regola vera e non un semplice slogan. La regola parlava chiaro! Ritiro entro il 16 giungo! Marcon ora incontrerà le nove iscritte, e parlerà a loro e darà i chiarimenti necessari parlando a NOVE SQUADRE ISCRITTE! Non a nove squadre che poi avranno altro tempo per decidere. La conseguenza è che ogni ulteriore ritiro dovrà, a nostro parere, avere necessariamente ripercussioni per le squadre che tireranno fuori la storia del coronavirus magari il 30 giungo!

Balle di fieno nello Steno Borghese di Nettuno!

Scaricando, ad esempio, la colpa al coronavirus se sul loro campo in questi giorni ci sono le balle di fieno invece della terra rossa, delle basi e del monte di lancio. Oppure che è sempre colpa del coronavirus se al 15 giugno ancora non si mai vista una squadra in campo con un manager a dirigere un allenamento.

Su questa questione è bene che la federazione faccia al più presto chiarezza, ma sicuramente il Consiglio Federale avrà già le idee chiare su cosa succederà se qualcuno ha fatto il furbetto e messo in atto “giochetti” sporchi!

 

 

 

 

WordPress Author Box
Giovanni Colantuono

Nato a Nettuno. Ha iniziato la carriera giornalistica nel 1991 nell’emittenza televisiva privata come autore e conduttore della rubrica settimanale sul baseball Casabase. Allievo del Piccolo Gruppo di Giornalismo Radio-Televisivo di Michele Plastino, ha poi collaborato con il quotidiano Il Tempo e con varie agenzie di stampa. Radiocronista di Idea Radio ed autore di due film reportage sulla Coppa Campioni di Parigi del ’91 e dell’Europeo del ’91. E’ stato per tre anni addetto stampa del Nettuno e collaboratore dei siti BaseballItalia.it e Baseball.it.. Nel marzo del 2012 è cofondatore di BaseballMania.it di cui è l'editore e il Direttore Editoriale.

Like us on Facebook
Giovanni Colantuono

Follow me on Twitter
Follow @https://twitter.com/g_colantuono on Twitter
Giovanni Colantuono

5 Commenti Unisciti anche tu alla conversazione!

  1. Max 17 giugno 2020 at 19:56 -

    ora basta polemiche ……in campo

  2. Max 17 giugno 2020 at 21:03 -

    E niente giochetti ora chi si ritira riparta dalla C

  3. alby66 18 giugno 2020 at 08:34 -

    solo italiani in campo e alla svelta senza mandare lettere inutili….secondo me le linee guida sono chiarissime….il secondo nettuno con cosa giocherà?redipuglia lo si sapeva….roster pieno di stranieri senza scampo….codogno in campo?sono stracontento……….daieeeeeeeeeee

  4. Pino 19 giugno 2020 at 18:12 -

    Tranquilli ci pensa bernicchia alle squadre nettunesi

  5. max 21 giugno 2020 at 18:56 -

    certi squallidi giochetti devono finire