Dobboletta e Agretti fanno la differenza

Pubblicato il Apr 30 2018 - 11:15pm by Maurizio Roveri

Lorenzo Dobboletta

Aggrappata alle prodezze dei due ragazzi bolognesi della squadra, la Fortitudo UnipolSai vince 2-0 la prima sfida del doubleheader con Padule. Non era una partita semplice, si sapeva che sarebbe stata una partita “stretta” e fastidiosa. Da affrontare con la massima concentrazione e tanta intensità mentale, azione dopo azione. Quando sulla collinetta c’è un “maestro” del lancio e del controllo come il cubano Bladimir Banos, con i suoi effetti, i suoi velenosi slider e gli ingannevoli cambi di velocità, il Padule di Sesto Fiorentino (alla sua seconda stagione nella massima serie) e’ in grado di impegnare qualunque avversario. Anche le big del campionato. Lo aveva già mostrato la settimana scorsa, costringendo una squadra con il potenziale del San Marino a 3 soli punti. Banos è un pitcher di classe e di vasta esperienza. Che concede pochissimo. Per la Fortitudo UnipolSai, ancora priva di due mazze potenti come quelle degli sluggers Lampe e Mazzanti, e inoltre orfana di Fuzzi, questa partita si annunciava insidiosa. Per vincerla occorrevano battute di qualità. Di quelle che potessero fare la differenza. Così è stato. L’imperioso fuoricampo (un “solo homer”) di Lorenzo Dobboletta al terzo inning, su quello che si puo’ considerare l’unico lancio infelice dell’eccellente lanciatore partente del Padule, ha permesso al gruppo di manager Frignani di afferrare l’inerzia della partita. E poter affrontare con un po’ più di serenità il resto della partita. Il Padule ha battuto di più (8 valide contro 5) e ha sfiorato anche il pareggio al quinto inning in una situazione di corridore in terza e corridore in prima. Ma la difesa di Bologna è stata perfetta, ha respinto ogni assalto della squadra toscana. I 3 “doppi giochi difensivi” sono lì’ a testimoniare la solidità e l’organizzazione della difesa della Fortitudo di Frignani. Con questa difesa magistrale, Bologna ha blindato per sette inning il suo prezioso punticino di vantaggio. 0ttenuto con quella performance dell’esterno centro Dobboletta, grande bastonata, pallina uscita abbondantemente sulla sinistra andando a sbattere sulla porta della palazzina che – una volta, qui al Falchi – era lo spogliatoio. Un homer presumibilmente da 130 metri. Poi… è arrivato, a dare sollievo alla Fortitudo, il punto del 2-0. Sull’ottavo attacco bolognese: singolo di Nick Nosti, magistrale rubata per tempismo e corsa, e “doppio” di Filippo Agretti su un lancio di Junior Perez (salito a rilevare l’ottimo Banos alla settima ripresa). La valida extrabase di Filippo Agretti ha messo le ali a Nick Nosti, volato a casa base. Eccellente – dicevo – la difesa bolognese. Sicura la partita di Jorge Martinez sul monte di lancio (5 riprese lanciate, 5 strikeout, 4 valide concesse, nessuna base per ball, nessun punto), enorme la prestazione da dominatore di Raul Rivero in dimensione rilievo: 6 strikeout in 3 inning. Ha chiuso senza alcuna difficoltà Murillo Gouvea. Ma va sottolineata la partita del pitcher partente del Padule, Bladimir Banos: lavorando bene sui fili, alternando con sapienza lanci esteri e interni, ha prodotto 7 strikeout in 6 inning. Concedendo il minimo: 2 basi, 3 valide e 1 punto. Si è fatto sorprendere da Lorenzo Dobboletta, e il merito e’ tutto del bolognese. Un pomeriggio di gloria per questo ragazzo, che un giorno potrà raccontare con fierezza di quando “l’ha buttata fuori” contro un forte cubano maestro del lancio.

WordPress Author Box
Maurizio Roveri

Giornalista professionista, nato il 26 novembre 1949 a Bentivoglio in provincia di Bologna. Ha iniziato la sua brillante carriera giornalistica come redattore di Stadio nel 1974 per passare poco dopo al Corriere dello Sport-Stadio, dove è rimasto fino al gennaio del 2004. E’ iscritto all’Albo dei giornalisti professionisti dal luglio del 1977. Al Corriere dello Sport è stato responsabile del basket e del pugilato nella redazione di Bologna. Capo rubrica per il Corriere dello Sport-Stadio del baseball, sport seguito fin dal 1969 come collaboratore di Stadio. Molte le sue esperienze da inviato a cominciare dai campionati mondiali di baseball del 1972 in Nicaragua, del 1988 in Italia, del 1990 in Canada, del 1998 in Italia, nonché alle Universiadi di Torino del 1970 e ai campionati Europei del 1971, del 1987, del 1989, del 1991, del 1999. Collaboratore del quotidiano “Il Domani di Bologna” per baseball, pugilato, pallavolo dal 2004 al 2007. Creatore del sito internet specializzato sul baseball Doubleplay.it e collaboratore dei siti Baseballitalia.it, Baseball.it e BoxRingWeb.it. Entra con l’inizio del 2012 nel gruppo editoriale di InLiberaUscita, ricoprendo la posizione di opinion leader e di redattore da Bologna. Nel marzo del 2012 è cofondatore del sito specializzato BaseballMania.it di cui oggi è coordinatore giornalistico.