Due agosto 1980…

Pubblicato il Giu 13 2018 - 10:00pm by Allegra Giuffredi

Come molti sanno Matteo Belli è un grande artista bolognese, appassionato di baseball, al quale poco tempo fa il nostro Maurizio Roveri ha dedicato un bellissimo ritratto con tanto di intervista, che credo si sia svolta, proprio sotto i miei occhi durante una partita serale della Effe, giocata allo stadio Falchi di Bologna.

Un anno fa circa anch’io vi ho parlato di questo super tifoso fortitudino, che indubbiamente non manca di carisma e che è anche particolarmente impegnato a salvaguardare la memoria storica di quanto accaduto a Bologna e in Italia durante gli “anni di piombo”.

All’inizio degli anni Ottanta e precisamente il due agosto 1980, a Bologna, si consumò una delle stragi più cruente che si ricordino in tempo di pace nel nostro paese e ogni anno, da allora, Bologna tutta ricorda quello scempio: tutti del resto rammentiamo benissimo dove ci trovavamo quel caldo sabato d’agosto quando vivemmo più o meno direttamente il nostro “Undici settembre”.

Un anno fa, come dicevo, vi parlai dell’impegno di Belli nella ricostruzione di quanto accadde alla stazione di Bologna e siccome questo impegno continua vi metto a parte di una nuova iniziativa teatrale del nostro fan fortitudino.

Dal sito della Regione Emilia – Romagna, infatti, si apprende che sta per partire il progetto “2 agosto: Sinfonia di soccorsi” che  è in cerca di allieve e allievi di teatro.

“Il progetto 2018 consiste infatti nella lettura interpretativa, in forma di concerto vocale per coro di attori, dei documenti relativi ai soccorsi e alle testimonianze di solidarietà per aiutare i feriti e i parenti delle vittime della strage del 2 agosto 1980 alla stazione di Bologna.

Il progetto

Drammaturgia e regia: Matteo Belli

Consulenza storica: Cinzia Venturoli

Organizzazione: Maurizio Sangirardi (Associazione Ca’ Rossa / Centro Teatrale per l’Oralità) Presidenza dell’Assemblea legislativa – Regione E-R


Associazione Familiari delle Vittime della Strage del 2 agosto

 

Dopo una fase di lettura delle fonti documentali, in collaborazione con la storica Cinzia Venturoli, il progetto prevede un seminario teatrale per attori, condotto da Matteo Belli, dal titolo “La voce di uno, la voce di tutti (seminario sull’attore corale)”, che si terrà nel mese di luglio: dal 9 al 13, dal 16 al 20, dal 23 al 27, in orario 15-19, al Centro attore sinfonico di Rastignano (Pianoro – Bologna)

Sono previsti due giorni di prova, il 30 e 31 luglio, in piazza Renzo Imbeni a Bologna.

Il seminario non prevede assenze e si articola in 3 fasi:

  • formazione generale
  • lavoro sull’interpretazione testuale
  • montaggio del concerto vocale per coro di attori che si terrà in piazza Imbeni, alle ore 21.30 di mercoledì 1 agosto.

La partecipazione al progetto è gratuita ed è riservata ad allieve e allievi di teatro o che abbiano seguito un percorso di formazione in scuole di recitazione, possibilmente documentabile.

Per candidarsi c’è tempo fino al 10 giugno ed è necessario inviare una mail a:  cantieredueagosto@gmail.com con le seguenti informazioni:

  • nome, cognome, data di nascita, indirizzo, e-mail, cellulare
  • curriculum con foto
  • dichiarazione di motivazioni personali
  • se disponibile, attestazione del percorso di formazione teatrale 

Dal 15 giugno saranno fornite le risposte alle candidature.

http://www.assemblea.emr.it/cantiere-due-agosto/notizie

WordPress Author Box
Allegra Giuffredi

Nata a Parma quarantaquattro anni fa e bolognese d’adozione da più di venti, è laureata in Scienze Politiche e lavora come funzionario pubblico. Appassionata di baseball, segue la Fortitudo da una decina d’anni e da sette scrive su “Fuoricampo”, ossia sul notiziario della Fortitudo Baseball, articoli di costume su tutto ciò che contorna il mondo del “batti e corri”. Segue anche la MLB e in special modo la squadra dei Chicago Cubs, sulla quale spesso si intrattiene con aneddoti ed altre amenità.

1 Commento Unisciti anche tu alla conversazione!

  1. Ruggero Bagialemani 14 giugno 2018 at 08:23 -

    Il 2 Agosto 1980 era di scena il derby d’Italia tra la BIEMME BOLOGNA e il GLEN GRANT NETTUNO,noi alloggiavamo proprio di fonte la Stazione ferroviaria presso l’Hotel Jolly di Bologna,pensate il giorno prima cioè il primo di agosto alla stessa ora mi ero recato in stazione per accompagnare 2 miei amici che andavano in ritiro con la Nazionale juniores a Parma per prendere il treno,la sera del primo giocammo e come sempre dopo la partita ci volle molto tempo prima di addormentarmi,restammo a parlare della partita e soprattutto di quella del giorno dopo fondamentale per la lotta Scudetto tra noi e il Rimini,fatto sta che io personalmente mi addormentai verso le 3 del mattino,poi il mio ricordo è qualcosa di incredibile fui svegliato da quell’enorme boato che in principio ancora insonnolito non capivo,subito dopo venni svegliato completamente dai miei compagni di squadra e dal suono delle sirene di ambulanze e pompieri,fummo tra i primi a portare soccorso tra le macerie increduli e soprattutto senza sapere cosa fare veramente,scene incredibili che mai ho dimenticato per tutta la mia vita….corpi straziati,persone ferite sporche di polvere ma la scena più incredibile che mi ha accompagnato furono le lenzuola sui vetri dei pulman che trasportavano le salme(non so dove penso all’obitorio)poi arrivarono polizioti e militari ,ci allontanarono ma restammo fermi li impalati a guardare….ricordo la stazione spaccata,l’orologio e tanta polvere,poi quando si sparse la voce di una possibile seconda bomba tornammo in hotel e li restammo in religioso silenzio,guardando la tv,ascoltando notizie e facendo la fila al telefono per chiamare casa e tranquillizzare le famiglie,il pomeriggio non riposammo,tanto eravamo stravolti e distrutti nell’animo,la sera andammo allo stadio pensando di non giocare invece ci dissero di fare un minuto di silenzio e disputare la partita in un clima surreale,in religioso silenzio fino alla fine.
    Questo è il mio 2 agosto ogni anno da quel 1980 allora 17enne.