Vittoria di misura della T&A sui Pioners per 2-1. San Marino vince il girone di Hoofddorp a va alla finalissima dell’European Cup

Pubblicato il Giu 22 2014 - 2:19pm by Redazione Baseballmania

È con un 2-1 di rara bellezza che la T&A vince il girone di European Cup e si qualifica per la finale della massima competizione continentale (l’avversaria sarà una tra Rimini e Rotterdam, in campo in questo momento). La vittoria contro i padroni di casa degli Hoofddorp Pioniers arriva al termine di una partita di grande livello dei Titani, che mostrano una grande accoppiata Guerra-Delgado sul monte di lancio e colpiscono in battuta nel momento giusto. Prima col fuoricampo di Ramos, poi, dopo il pari olandese, col doppio di Vasquez al 6°. Il resto è grande capacità di giocare sul filo della tensione tutti i momenti importanti, una qualità che non è mai mancata alla squadra campione d’Italia e che le ha consentito, oggi, di trovare un successo di grandissima rilevanza nella stagione.

L’ultimo atto, il redde rationem, trova per forza di cose due squadre al massimo. Le due migliori di questo girone olandese, la T&A e i Pioniers. Ecco perché anche sul monte di lancio si esprimono con grande efficacia i due partenti scelti per l’occasione, Ricardo Hernandez per Hoofddorp e Junior Guerra per San Marino. Primo inning immacolato per entrambi, secondo con un solo arrivo in base (singolo di Mazzuca ed errore T&A) e terzo nel quale invece sono i Titani a prendere più fiducia. I singoli di Morreale e Imperiali producono una situazione di uomini agli angoli e zero out, ma la T&A spreca e non riesce a portare a casa nessuno perché Albanese è eliminato al piatto, Macaluso alza un pop sulla prima e Avagnina mette una rimbalzante sul seconda base.

Niente da fare, ma bisogna aspettare solo pochi minuti per passare in vantaggio. Il tutto grazie a stilettata del “padrino”, un solo-homer di Jairo Ramos (a destra, of course) sul conto di 1 ball e 0 strike che manda San Marino avanti 1-0 nel punteggio. Prima e dopo il turno di Ramos, Ricardo Hernandez ha messo a segno 9 out senza alcun arrivo in base.

Nella parte bassa della stessa ripresa cominciano a farsi sentire anche gli olandesi ma, con uomini agli angoli (valide di Rombley e Moorman), Guerra mette strike out Duursma per la terza eliminazione. Al 5° però il pareggio arriva. Dopo due out veloci, sono i tre singoli consecutivi di Draijer, Croes e Van’t Klooster a perfezionare la rimonta dei Pioniers (1-1). Con due in base, poi, altro out cruciale di Guerra per chiudere l’inning (Rombley F9).

È una gara obiettivamente molto equilibrata e nella quale conta tanto anche rimanere concentrati per ogni attimo della gara. Dopo il pareggio la T&A reagisce subito. Immediatamente, come solo i campioni sanno fare. È il 6° inning e Paul Macaluso lo comincia con un singolo a sinistra. Avagnina lo porta in seconda con un bunt, mentre Vasquez trova il doppio che porta nuovamente avanti San Marino, questa volta 2-1. Un out e uomo in seconda, ma né Ramos (F8), né Mazzuca (F9) riescono ad allungare. C’è da soffrire, ma questo era da mettere in conto.

Nella parte bassa del 6° i Pioniers trovano solo un singolo di Moorman (che però poi è colto rubando), nel 7° invece è un errore di Vasquez a consentire a Flanegin di aprire la ripresa con un arrivo in base. Al posto del dh entra come pinch runner Williams ed è anche tempo di avvicendamento sul monte T&A, con Jesus Delgado a prendere il posto di un ottimo Junior Guerra (6 inning, 6 valide, 1 pgl, 101 lanci). Il rilievo è molto attento a Williams in prima, ma intanto mette strike out Dirksen per la prima eliminazione. Al piatto c’è Draijer e anche lui finisce “K”, con Williams out nella stessa azione.

Out da vivere con passione, uno dopo l’altro. La T&A in attacco non produce più nulla di significativo al di fuori del doppio di Imperiali al 7° e così tutta l’attenzione è focalizzata sul lavoro di Delgado. All’8° nessun arrivo in base per i Pioniers (tre eliminazioni al volo), poi il decisivo 9° inning. Rooi alza un pop su Morreale in prima, Moorman è eliminato al volo in zona di foul da Albanese e Duursma finisce strike-out. Si può festeggiare, la T&A vince 2-1 e vola in finale Coppa Campioni. Perdonateci se per una volta la chiamiamo così…

 

HOOFDDORP PIONIERS – T&A SAN MARINO 1-2

T&A: Macaluso ec (1/4), Avagnina es (0/3), Vasquez ss (1/4), Ramos dh (1/4), Mazzuca 3b (1/4), Reginato ed (0/4), Morreale 1b (1/3), Imperiali 2b (2/3), Albanese r (0/3).

PIONIERS: Croes 2b (1/4), Van’t Klooster ed (1/4), Rombley ec (1/4), Rooi 3b (0/4), Moorman 1b (2/4), Duursma r (0/4), Flanegin (Williams) dh (0/3), Dirksen es (0/3), Draijer ss (1/3).

T&A: 000 101 000 = 2 bv 7 e 2

PIONIERS: 000 010 000 = 1 bv 6 e 0

LANCIATORI: Guerra (W) rl 6, bvc 6, bb 0, so 3, pgl 1; Delgado (S) rl 3, bvc 0, bb 0, so 3, pgl 1; Hernandez (L) rl 8.1, bvc 7, bb 0, so 5, pgl 2; Karel (r) rl 0.2, bvc 0, bb 0, so 0, pgl 0.

NOTE: fuoricampo di Ramos (1p. al 4°). Doppi di Vasquez e Imperiali.