Traguardo mai raggiunto prima, anche se sarà difficile vedere i “Pellerossa” il prossimo anno nella massima serie

Pubblicato il Set 11 2017 - 1:54pm by Nino Villa

Nella più che trentennale storia dei Redskins, fatta di molte promozioni e tanti play off , la squadra del presidente Mauro Poli e del manager Moreno Trombini non aveva mai conquistato il diritto di accedere alla massima divisione del baseball made in Italy. Questo perché, in una situazione in grande fermento, col presidente Fibs Marcon che vuole allargare il campionato e le società IBL (l’anno prossimo Serie Nazionale) che vogliono mantenere lo status quo ad otto squadre, la Circolare per l’Attività Agonistica 2017 prevede che le due squadre finaliste della serie A salgano alla serie superiore, ripristinando un criterio meritocratico che fu abolito dall’invenzione IBL-franchigie. Che poi Imola ci vada è un altro discorso. Poli ha dichiarato tempo fa che non è interessato, inoltre il campo non ha illuminazione – il comune non prevede di farla – ,divide gli spogliatoi col tennis della Tozzona, viene irrigato a mano e il tabellone è incompleto. Però l’impresa sportiva dei ragazzi di Trombini rimane e si giocherà il titolo contro Castenaso che ha sconfitto il Jolly Rogers Grosseto, a riprova della superiorità del girone B a cui appartenevano emiliani e romagnoli. A Collecchio, che lamentava l’assenza di Flisi e Paolini impegnati nel Mondiale U18, i Redskins hanno perso la prima 11-10 dopo essere stati in vantaggio 9-3. I pitcher italiani, Turrini, Freddi, Bortolotti e Grendene si sono battuti benino contro i cinque schierati dai parmigiani, ma hanno dovuto soccombere quando la pioggia ha impedito a Grendene il pieno il controllo della palla e gli arbitri non hanno voluto sospendere. Salas ha chiuso la sua partita in anticipo all’8° ma Collecchio non ha schierato il suo straniero, Yepez, preservandolo per la bella. Kevin Sosa ha lanciato da par suo, aiutando anche la difesa con eliminazioni in terza e avviando due doppi difensivi, difendendo il vantaggio costruito dal doppio di Gnudi che ha portato a casa due punti al 1° inning. Salas comunque era già pronto per fare altri inning, se necessario. Al sesto il diluvio che ha allagato il campo e vista l’impossibilità di continuare, fine gioco e vittoria di Imola per regola. Nei tre incontri i Redskins hanno battuto di più, 32 valide contro 18 e tutto il line up si è distinto, con Andrea D’amico a 7/12. Sabato 23 e domenica 24 a Imola, sabato 30 ed eventualmente domenica 1 ottobre a Castenaso, le partite che decideranno la squadra campione della serie A.

WordPress Author Box
Nino Villa

Nato a Imola (Bo). Pubblicista dal 1984 a Bologna, si è sempre occupato di sport "minori" come baseball, softball, football americano, cricket, hockey prato, ippica e altri, più il ciclismo. ha collaborato stabilmente alle pagine regionali dell'Emilia-Romagna ed a quelle nazionali dell'Unità; ha lavorato in trasmissioni sportive nella redazione di Punto Radio TV ed NTV a Bologna. Ha collaborato con numerose riviste specializzate di vari sport. Ha diretto alcuni giornali locali, il foglio informativo della Fortitudo Baseball ed ha svolto il ruolo di Addetto Stampa della Uisp di Bologna. Rientrato a Imola nel 1987, collabora alle pagine sportive del settimanale imolese (12.000 copie tra abbonamenti e vendite) "sabato sera".