San Francisco alle World Series per la terza volta negli ultimi cinque anni. Anche Posey e compagni arrivano dalla Wild Card!

Pubblicato il ott 19 2014 - 5:28pm by Simone Bacio

L'esultanza di Buster Posey

Anche la National League ha scelto i suoi campioni: vincono i San Francisco Giants battendo i St. Louis Cardinals in 5 partite. La squadra californiana raggiunge le World Series per la terza volta negli ultimi 5 anni, e cercheranno di vincere il titolo dopo il 2010 e il 2012.

Novità assoluta il fatto che entrambe le squadre che giocheranno la serie finale arrivano dopo essersi qualificate tra le migliori seconde e aver giocato lo spareggio in una partita singola, formula in vigore dal 2012.
Vediamo come hanno battuto i Cardinals:
National League Championship Serie
I Giants si presentano a St. Louis dopo aver iniziato il loro cammino contro i Washington Nationals. Già al secondo attacco vogliono mettere le cose in chiaro: Sandoval batte un doppio e viene spinto a casa da Ishikawa per l’1-0. Complice un errore difensivo, Blanco segna subito il punto del 2-0. Al terzo attacco i Giants segnano ancora con Posey spinto a casa da una volata di sacrificio di Belt.
I Cardinals non riescono a reagire con Bumgarner, partente di San Francisco, che concede solo 4 valide e una base ball in 7.2 riprese lanciate. Giants che vincono Gara 1 per 3-0.
La reazione arriva subito in Gara 2, ed è prepotente. Mentre i Giants costruiscono punti a suon di valide, i Cardinals continuano a segnare grazie a tre fuoricampo di Carpenter (3º Inning), Taveras (7°) e Adams (8°). Proprio l’ultimo fuoricampo sembra aver deciso la partita, fissando il punteggio sul 4-3 per i padroni di casa. Al 9° Attacco per i Giants, con 2 out e prima e seconda occupate, un lancio pazzo di Rosenthal permette a Duffy di segnare direttamente dalla seconda e pareggiare la partita. Si va al 9° attacco per i Cardinals sul 4-4. A Wong bastano 2 lanci per risolvere la partita, battendo il quarto fuoricampo per St. Louis e fissando il punteggio sul 5-4.
La serie sull’1-1 si sposta ora a San Francisco.
Davanti al pubblico amico i Giants vogliono portarsi avanti nella serie. e subito al primo attacco segnano 4 punti, grazie prima ad un doppio di Pence che permette a Posey di segnare, e poi ad un altro doppio di Ishikawa a basi piene. Partita che sembra in discesa per i padroni di casa. Ma quarto attacco finalmente i Cardinals reagiscono: Jay e Holliday segnano grazie ad un triplo di Wong. St. Louis continua a mettere pressione ai Giants fino al pareggio: al 6° Jay segna grazie ad un singolo di Peralta e al 7° un fuoricampo di Grichuk pareggia i conti. Questa volta si deve ricorrere ai supplementari: al 10° San Francisco riesce a mettere due uomini sulle basi con zero out. Blanc effettua un bunt di sacrificio. Il lanciatore difende la palla, ma l’assistenza arriva fino all’esterno destro e l’errore permette a Crawford di segnare il punto della vittoria.
In Gara 4 sembra che i Cardinals vogliano subito pareggiare i conti, e subito nelle prime riprese riescono a portarsi avanti per 4-3. Risultato che resiste fino alla 6ª ripresa quanto i Giants ribaltano la situazione: con uomini in seconda e terza Blanco batte sul prima base che non riesce ad eliminare nessun avversario ed entra il punto del pareggio. Il battitore successivo, Panik, batte nuovamente sul prima base che elimina lo stesso Panik, ma non riesce a chiudere il doppio gioco in seconda base ed entra il punto del sorpasso con Crawford. Subito dopo Posey spinge a casa Blanco con un singolo per l punto del 6-4, che sarà anche il risultato finale dell’incontro.
In Gara 5, quella che potrebbe eliminare i Cardinals, sono proprio gli ospiti a portarsi in vantaggio per primi: al 3º inning Jay batte un doppio che permette a Cruz di segnare l’1-0. La reazione dei Giants è però immediata: Panik batte un fuoricampo da 2 punti. St. Luis non si arrende e suito si porta avanti nella 4ª ripresa grazie ai fuoricampo di Adams e Cruz; partita sul 2-2. Sono di nuovo gli ospiti a portarsi in vantaggio con un fuoricampo di Cruz. Proprio quando sembra che le mazze del Giants non riescano più a produrre niente di buono, arriva il pareggio: all’8º inning è Morse a buttarla fuori per il punto del 3-3. A questo punto gli extra inning sembrano inevitabili ecco uno dei momenti più spettacolari nel mondo del baseball: con uomini in prima e seconda e un solo out, Ishikava batte a pallina oltre la recinzione per il fuoricampo da 3 punti che vale la vittoria della partita e vittoria della National League.
I Gians vincono la serie 4-1
In virtù della vittoria dell’American League nell’All Star Game, Kansas City ospiterà Gara 1 e 2 a partire dal prossimo 21 ottobre. L’ultima volta che i Royals sono arrivati alle World Series, nel 1985, hanno vinto. I Giants sono invece alla 3ª partecipazione negli ultimi 5 anni. Nei due precedenti hanno sempre vinto. Da settimana prossima vedremo chi sarà il vincitore delle Major League
WordPress Author Box
Simone Bacio

Milanese, nonostante la carta di identità reciti 1974 come anno di nascita sono ancora un giocatore di baseball, da più di 30 anni. Ancora mi diverto a battere la palla e difendere il sacchetto di Prima Base. Appassionato di sport sono un tifoso interista (poche grandi gioie e interminabili sofferenze). Amo la musica in generale con una preferenza per il rock e la grande passione per gli U2. Seguo da molto vicino la tecnologia e adoro perdermi nel mondo di Hyrule, giocando alla serie “La Leggenda di Zelda" Seguo da vicino il baseball americano grazie al tifo sfegatato per i Los Angeles Dodgers e alle 4 leghe di Fanta-baseball che ogni giorno (meglio dire notte) seguo.