Intervista di fine anno al presidente della FIBS, Andrea Marcon

Pubblicato il Dic 27 2021 - 6:54pm by Massimo Moretti

20210919 Torino (TO), Italy. European Baseball Championship in the photo: Marcon with the volunteers; ph. Corrado Benedetti

Si chiude l’anno, tempo di bilanci come sempre, tempo di tirare le somme, valutare ciò che si è fatto e pensare a cosa sarò il nuovo anno, ci è sembrato giusto chiudere questo 2021 con il presidente della FIBS Andrea Marcon per fare il punto della situazione sul nostro movimento.

Il 2021 è stato un anno pieno di impegni per le nazionali di baseball e softball, sia senior che giovanili, un giudizio complessivo di questa stagione agonistica, e se come FIBS si aspettavi qualcosa in più?

“Oltre che per le nazionali, il 2021 è stato un anno impegnativo per la Fibs sotto l’aspetto organizzativo. Quattro campionati Europei in casa, 50 nazionali ospitate, sono numeri considerevoli in un periodo come quello che stiamo vivendo. Questa sfida è stata sicuramente vinta su tutti i fronti. Per quanto concerne i risultati sportivi, quando si parla di Europa, è chiaro che qualsiasi risultato diverso dalla vittoria genera un senso di insoddisfazione. Aver vinto l’assoluto di Softball e l’Under 12 baseball sicuramente ci rende orgogliosi, il secondo posto delle due Under 18 ed il terzo dei ragazzi di Mike Piazza e dell’Under 23 sono “agrodolci” perché ci lasciano il senso dell’incompiuto. L’Under 15 Baseball è il risultato che ci piace meno perché la sensazione diffusa era quella di avere una bella squadra che doveva arrivare molto più in alto del 4° posto. Per quanto riguarda invece le Olimpiadi, si doveva fare qualcosa in più anche se, bisogna ammetterlo, le squadre che hanno portato a casa le medaglie sono sembrate inarrivabili. Resta ovviamente la soddisfazione di aver centrato una qualificazione che nel 2017, dopo gli Europei di Bollate, sembrava pura utopia.”

Una iniziativa che sta riscuotendo una considerevole partecipazione è il “Play The Whole Baseball” quali altre iniziative in cantiere per il 2022, soprattutto in ottica di sviluppo e partecipazione?

“Il Play the Whole è già diversi anni che porta dati significativi e questa idea ci ha permesso di precorrere i tempi mettendoci ora nelle condizioni di soddisfare le richieste che arrivano da tante parti d’Italia per avviare percorsi scolastici più inclusivi per le nostre discipline. Luana Girotto, che ci ha prematuramente lasciato e a cui va il mio affettuoso saluto, ci aveva visto lungo con questa iniziativa. Io e lei, con Fabio Borselli ed i suoi collaboratori, avevamo il sogno di riproporre le finali dei Giochi Studenteschi entro la fine del 2020, il Covid ci ha rallentato ma confido di essere molto vicino a questo risultato.

Le iniziative per il 2022 saranno ovviamente improntate ad essere ancora più presenti nel settore scolastico ma anche a partecipare il più possibile ad eventi di massa che permettano la diffusione delle nostre specialità. Nel 2021 qualche Comitato Regionale ha intrapreso progetti in tal senso e le loro esperienze sono certo aiuteranno tutto il territorio nazionale. Di certo c’è, e presenteremo i dati alla Con7 di Rimini, che il lavoro svolto tutti assieme, dal Consiglio Federale alle Società, dai Comitati Regionali agli Organi Tecnici, ha permesso l’inversione della tendenza sui praticanti del Baseball e del Softball in Italia e questa deve essere la mission di tutti noi per il futuro.

La scelta di FIBS.TV, si è rilevata giusta ed al passo con i tempi, (sono molteplici le piattaforme streaming che trasmettono sport), come la trasmissione degli Europei di Baseball e Softball trasmessi da SKY, obiettivo ed impegno del 2022 ?

“Migliorare ed ampliare i contenuti della piattaforma rendendola sempre più disponibile per le società che, occorre dirlo, in molti casi stanno lavorando bene per la promozione del Baseball e del Softball italiani. Possiamo fare ancora molto ma di certo moltissimo è stato fatto in questi anni. Avere poi piattaforme che si interessano dei nostri eventi e che ci cercano per trasmetterle sui loro canali dovrebbe essere motivo di orgoglio da parte di tutti.”

Una delle diverse note dolenti del nostro movimento, è sicuramente l’impiantistica (problema sempre presente) sono diverse le località che soffrono di questa carenza di strutture adeguate, cito a memoria (Brescia, Cagliari, Taranto, Roma mi scuso se ho dimenticato qualcuno nda), quale l’impegno della FIBS per facilitare la nascita di adeguati campi di baseball e softball?

“Ti do un solo dato: 79. Sono le amministrazioni comunali che ho incontrato in questi anni per cercare di risolvere problematiche relative all’impiantistica. Ho girato l’Italia in lungo e largo, in molti casi le cose sono andate bene, in alcune benissimo, in altre non si è riscontrata alcuna volontà della controparte a risolvere il problema oppure abbiamo ricevuto promesse che poi sono state disattese. Io però non mi arrendo e non si arrendono neanche le società dei territori che hai citato nella domanda. A Gennaio ho già in agenda incontri per proseguire nella ricerca di soluzioni e mi auguro di avere notizie positive da condividere con tutto il movimento.”

Dal marzo 2020 conviviamo oramai con il COVID, che ha stravolto le nostre attività, nonostante tale situazione resiste il movimento baseball/softball (saldo positivo nelle affiliazioni delle società e tesseramenti in lieve aumento), inoltre la FIBS ha messo in cantiere dei “ristori” che hanno aiutato le società nello svolgimento dell’attività in queste due stagioni, cosa prevede il bilancio FIBS per il 2022?

“L’impegno della Federazione nel biennio 2020-2021 è valso 4.000.000 di euro a favore delle Società fra aiuti diretti ed indiretti (ad esempio il mancato pagamento delle tasse gare). Nonostante le sollecitazioni che ci arrivavano, specialmente quando il bilancio era negativo, di aumentare le tasse agli affiliati, non solo non abbiamo perseguito tale scelta ma abbiamo addirittura ridotto l’impatto di tali spese sui budget delle nostre affiliate.

Tali scelte si sono rilevate determinati per la sopravvivenza del nostro tessuto associativo e, come dimostrano gli ultimi 400.000 euro suddivisi, premianti per il lavoro quotidiano sui vari campi. Siamo e saremo attenti alle situazioni future ed agiremo secondo le necessità che si presenteranno in futuro ma, ora come ora, bisogna lavorare per tornare il più possibile alla normalità. E in tal senso va letta la decisione di arrivare con i Campionati pronti al 18 dicembre lasciando così il tempo a tutti di organizzarsi al meglio per tempo.”

20210919 Torino (TO), Italy. European Baseball Championship, ISR-NED final, in the photo from the left: Christan Aimaro, Andrea Marcon, Fabrizio Ricca; ph. Ezio Ratti

WordPress Author Box
Massimo Moretti

Nato nel 1973....aspettando da troppo tempo lo scudetto. Semplice appassionato di baseball come tutti quelli che vivono nella città del Tridente. Ottima prima base nei tempi (mio giudizio) protagonista assoluto in una partita con la maglia dei Ragazzi del Nettuno B.C. contro gli americani della base Nato di Napoli (ho le prove ed i testimoni). Vanto una presenza al piatto con la maglia del Baseball Club Rovigo in serie C nono inning uomo in base sotto 3 a 1 in quel di Poviglio strike out senza gloria. Ho provato la scalata nelle Minors come da foto profilo ma senza successo.