Continuano le trattative sul mercato della Fortitudo, nel mirino terza base e pitcher statunitensi. Trattativa anche con Carlos Colmenares

Pubblicato il Gen 13 2016 - 5:03pm by Giovanni Colantuono

Bologna pesca negli USA. C’è molta attesa su quelle che saranno le scelte della Fortitudo per rinforzare il roster da mettere a disposizione del nuovo manager Lele Frignani. Ad oggi nella formazione felsinea mancano due pedine fondamentali per mantenere la competizione ai livelli a cui la sta portando il mercato del San Marino. Interno e pitcher stranieri in grado di fare la differenza.

Nelle scorse settimane i rumors hanno messo in luce i nomi di Alberto Gonzalez e Yunesky Sanchez per il ruolo di interbase-shortstop, sembra però che entrambe le piste sono state superate delle ultime trattative. Il nome nuovo accostato al Bologna è quello dello statunitense Bryan Pounds, nato a Houston nel Texas il 4 ottobre del 1985.

Bryan Pounds

Pounds vanta cinque stagioni nelle Minors statunitensi dove ha raggiunto il Triplo A nel 2011 e nel 2012 con i Toledo Mud Hens, franchigia dei Detroit Tigers. Nelle ultime tre stagioni ha disputato le Independent League e l’Australian Baseball league dove è attualmente impegnato con i Canberra Cavalry. E’ un terza base, nella sua carriera ha difeso l’angolo caldo del diamante in 345 partite e conta solo qualche apparizione in prima base e da esterno sinistro.

Proprio nelle Leghe indipendenti americane è esploso nel box di battuta, per Bryan Pounds si contano infatti 29 fuoricampo nella Atlantic League. 16 nel 2014 con i Camden Riversharks e 13 nel 2015 con gli York Revolution. Nell’Australian Baseball League in corso ha una media battuta di .338, la quarta assoluta del campionato, con 6 fuoricampo e 34 RBI.

Carlos Colmenares

Sul mercato degli interni c’è però anche un forte interesse per il venezuelano Carlos Colmenares. Il ventinovenne di Valencia ha fatto parte dell’organizzazione dei Los Angeles Angels con cui è arrivato fino in Triplo A con i Salt Lake Bees. E’ di fatto un utility player avendo giocato in carriera nei ruoli di terza basem interbase ed esterno. Battitore di media e di contatto, nel 2015 ha concluso con .324 di media battuta nella Mexican league con i Piratas de Campeche, nell’attuale edizione della Winter league venezuelana ha vestito la casacca dei Tiburones de La Guaira.

Randy Boone

Anche Randy Boone è texano, nato ad Austin il 6 agosto del 1984. Lanciatore destro con alle spalle 7 stagioni nelle Minors nella franchigia dei Toronto Blue Jays. In aprticolare Doppio A ben 128 gare e solo 6 apparizioni in Triplo A. Partente ad inizio carriera e rilievo in seguito, fino al ruolo di closer nel 2014 quando ha firmato 10 salvezze con i New Hampshire Fisher Cats in Doppio A.

Nel 2015 è tornato sulla collinetta da partente con i Somerset Patriots nell’Atlantic Independent League, registrando 2.80 di media PGL con due vittorie e tre sconfitte nelle gare disputate.

 

WordPress Author Box
Giovanni Colantuono

Nato a Nettuno. Ha iniziato la carriera giornalistica nel 1991 nell’emittenza televisiva privata come autore e conduttore della rubrica settimanale sul baseball Casabase. Allievo del Piccolo Gruppo di Giornalismo Radio-Televisivo di Michele Plastino, ha poi collaborato con il quotidiano Il Tempo e con varie agenzie di stampa. Radiocronista di Idea Radio ed autore di due film reportage sulla Coppa Campioni di Parigi del ’91 e dell’Europeo del ’91. E’ stato per tre anni addetto stampa del Nettuno e collaboratore dei siti BaseballItalia.it e Baseball.it.. Nel marzo del 2012 è cofondatore di BaseballMania.it di cui è l'editore e il Direttore Editoriale.

Like us on Facebook
Giovanni Colantuono

Follow me on Twitter
Follow @https://twitter.com/g_colantuono on Twitter
Giovanni Colantuono

2 Commenti Unisciti anche tu alla conversazione!

  1. Daitarn 13 gennaio 2016 at 21:58 -

    Beh,Giovanni,che dire…noi non possiamo competere con le risorse economiche di Zangheri e S.Marino( con questo si spiega anche la fumata nera per Quevedo) e’ chiaro che se arriva il Mazz e offre il doppio lui accetta S.Marino… A parte questo mi piacciono le stats di Pounds,mentre Boone spero venga preso semmai come setup o closer.Occorre,inutile negarlo ,un partente forte da affiancare a Rivero,o Rimini e San Marino faranno storia a se’.Ciao

  2. fabio 14 gennaio 2016 at 20:03 -

    Credo che Bologna per tenere in squadra i vari nettunesi , grossetani etc., per non parlare del cartellino di Ambrosino, spenda dei bei soldini e quindi non credo che abbia un budget tanto inferiore alle altre.