Scudetto ed esordi in A1 per i Lions Nettuno nel 2020, parla il Presidente Alfonso Gualtieri:”Si deve avere il coraggio di lanciare i giovani più preparati”

Pubblicato il Gen 10 2021 - 9:11pm by Giovanni Colantuono

La stagione 2020 è stata senza dubbio di grande successo per i Lions Nettuno, una società che continua la sua importante storia portando nel palmares ancora una scudetto. Quello conquistato dagli Under15 è il nono titolo italiano dei Lions Nettuno.

Ne abbiamo parlato con il Presidente Alfonso Gualtieri:

“Il 2020 non è stato di certo un anno semplice ecco perché per noi Lions la conquista di questo scudetto ha ancora più valore. Non solo perché la crescita sportiva dei ragazzi è stata frenata bruscamente, o almeno questo era il rischio, alcuni si sono arresi e adagiati alle ristrettezze del lockdown, altri invece hanno continuato a lavorare duramente e con caparbietà ed i risultati si sono visti. I ragazzi sono arrivati alla conquista di un titolo italiano sudato e meritato dopo i tanti sacrifici che hanno fatto”.

Alfonso Gualtieri con Marco Mazzieri

Nono scudetto della vostra storia. Cosa c’è dietro a questo grande successo?

“Dietro a questo successo ci sono anni di lavoro e di pianificazione per far sì che la macchina Lions non si fermasse mai, la società non ha mai smesso di credere a ciò per cui lavorava. Nell’anno 2020 i nostri ragazzi, anche durante le ristrettezze del lockdown non hanno mai smesso di lavorare con un programma messo a punto dal nostro preparatore atletico Riccardo Scungio che li ha seguiti costantemente durante tutto l’inverno credendo al gruppo di under 15, che è riuscito a portare a casa un ricco bottino.  Anche  l’under 18 ha fatto bene e per un soffio ha mancato la qualificazione ai play off nazionali. Considerando però che la nostra squadra era la più giovane, possiamo dire di aver lavorato bene anche in questa categoria. Abbiamo atleti di grande qualità e con la giusta programmazione ed il giusto impegno possiamo affermare di essere molto positivi per prossimi anni”.

Sperando in un 2021 migliore dal punto di vista dell’emergenza sanitaria, cosa avete in programma per la nuova stagione?

“La stagione 2021 deve essere la stagione della rinascita per lo sport in generale. In casa Lions la stagione è iniziata il giorno dopo la finale scudetto che ci ha decretato campioni d’Italia. Da allora non ci siamo mai voltati indietro ed abbiamo guardato sempre avanti non cullandoci sugli allori”.

Oltre allo scudetto ci sono stati giovani atleti cresciuti nei Lions che hanno esordito in A1 nel 2020. Una soddisfazione al pari dello scudetto?

“Da anni lavoriamo avendo ben presente il punto di arrivo, che arrivo non è mai, che non si ferma alla singola vittoria ma che va oltre cercando di preparare i giovani atleti ad un palcoscenico più ampio, lavorando sulla performance del singolo atleta per arrivare al risultato di squadra. Per quel che riguarda gli atleti Lions che nell’arco degli anni precedenti e di quello appena passato, che hanno esordito nella massima serie, la categoria A1, e che negli anni hanno rappresentato la nostra società, mi limito a dire che chi fa il mio mestiere dovrebbe avere il coraggio di buttare i giovani più preparati nella vasca dei coccodrilli!!!

Leonardo Belardi e Manuel Zazza, dopo aver esordito in A1, sono tornati a giocare nelle loro squadre, portando con umiltà le loro esperienze di campo e non, e condividendole con i compagni senza mai far pesare loro il passo fatto in avanti. Sono convinto che tra i miei giocatori vi sono ragazzi che devono essere spinti in quella vasca di cui ho parlato”.

Siamo in offseason, che progetti avete in corso con i Lions per il periodo invernale?

“Come ho già detto i progetti della società sono partiti dal giorno successivo alla vittoria dello scudetto under 15; il programma invernale è in pieno svolgimento per tutte le categorie che quest’anno rappresenteranno i Lions nelle categorie dalla under 12 alla seniores”.

A causa della pandemia di Covid sono saltati molti eventi ai quali i Lions hanno sempre abituato il baseball nettunese. Qualcosa però avete comunque proposto, cosa pensate si potrà fare nei prossimi mesi?

“La pandemia ha impedito i vari eventi organizzati per la stagione 2020: spring training in Florida, World Tournament Boys nelle isole Hawaii, torneo di Pasqua, torneo di Halloween in ricordo di Amelia Pennafina ed ancora altri, ma siamo riusciti comunque ad organizzare il memorial Alessio Bonfantini ed il primo Lions summer camp dove l’affluenza è stata al di sopra delle aspettative visto il periodo, con la partecipazione di oltre 60 atleti provenienti da tutta Italia nonché la partecipazione di istruttori ed atleti tra i più quotati nel nostro panorama sportivo. Ne cito solo alcuni: Marco Mazzieri, Alberto D’Auria, Fernando Ricci, Alessandro Paoletti, Paolino Ambrosino, Mirko Caradonna, Ivano Tavassi, Mario Da Re, Alessio Monachini, Flavio Belardi.

Il 2021, pandemia permettendo, vedrà la società nuovamente protagonista di eventi nazionali ed internazionali, partendo, qualora ci verrà data la possibilità, da questo marzo dove mi recherò con alcuni ragazzi all’accademia di Marco Cabral, STC Academy Training a Miami.

Colgo l’occasione per ringraziare tutti coloro che lavorano al mio fianco, che, come me, credono nei ragazzi e che fino alla fine lavorano con loro e per loro”.

WordPress Author Box
Giovanni Colantuono

Nato a Nettuno. Ha iniziato la carriera giornalistica nel 1991 nell’emittenza televisiva privata come autore e conduttore della rubrica settimanale sul baseball Casabase. Allievo del Piccolo Gruppo di Giornalismo Radio-Televisivo di Michele Plastino, ha poi collaborato con il quotidiano Il Tempo e con varie agenzie di stampa. Radiocronista di Idea Radio ed autore di due film reportage sulla Coppa Campioni di Parigi del ’91 e dell’Europeo del ’91. E’ stato per tre anni addetto stampa del Nettuno e collaboratore dei siti BaseballItalia.it e Baseball.it.. Nel marzo del 2012 è cofondatore di BaseballMania.it di cui è l'editore e il Direttore Editoriale.

Like us on Facebook
Giovanni Colantuono

Follow me on Twitter
Follow @https://twitter.com/g_colantuono on Twitter
Giovanni Colantuono