Riunione straordinaria dei vertici campani della FIBS per stilare nuove opportunità per il baseball in Campania e Basilicata. Rotili: “Pronti investimenti”. 

Pubblicato il Ott 7 2017 - 2:21pm by Cristiano Corbo

Il Napoli Baseball

È stata come una riunione di famiglia, quasi rumorosa quanto quella di condominio, ma di sicuro con gli affetti e l’entusiasmo giusto per ripartire. Il baseball in Campania è ripartito da Caserta, centro nevralgico del comitato regionale che da qualche anno comprende anche la Basilicata. Il motivo? Ripartire. E farlo tutti insieme.

ACCORDO COL COMUNE. Farlo soprattutto con le autorità competenti e con aiuti dello stesso comune. Dall’assessore Pontillo, garante dello sport casertano, l’apertura è stata importante: “Tutti conoscono la situazione della nostra amministrazione – ha dichiarato -, il dissesto finanziario non ci permette di dare concretamente un supporto alla squadra e all’impianto di San Clemente, ma dopo il primo bando di concessione andato a vuoto siamo vicini a una soluzione che possa soddisfare tutti”. La soluzione in questione è l’arrivo di un imprenditore casertano che possa finalmente concedere il liquido necessario per ristrutturare l’intero movimento.
“Speriamo di ritrovarci quanto prima con la gestione del campo, abbiamo già in cantiere tanti eventi e un ritorno importante d’immagine”.
TANTE REALTA’. E il baseball campano si risveglia magicamente dopo la sola e solitaria avventura del Salerno. Il presidente Iannetta, del resto, ci ha credo prima e più di tutti. “Dopo quarant’anni di baseball vogliamo festeggiare, credo sia un traguardo importante, che ci dà sicuramente soddisfazione”, le sue dichiarazioni. E i suoi sorrisi, poi: il 28 ottobre è già pronta la grande festa con il vice presidente federale Mignola. Da lì si continuerà successivamente a fare il punto sulla situazione locale.
LE STORIE. Quattro ore no-stop di baseball e di parole, dagli interventi dell’assessore passando per la presentazione del nuovo referente tecnico regionale Michele Corbo e del segretario Giuseppe Mele. Saranno loro i ‘nuovi’ volti del movimento. “Apriremo presto le porte ai corsi per manager e formatori – informa Corbo – e appena possibile ci saranno nuove possibilità per l’inserimento di arbitri”. Insomma, qualcosa si muove. Ed è più di qualcosa: è la speranza che si fa finalmente concretezza, che si fa successo. “Il fallimento non avrà mai il sopravvento su di me se la mia determinazione ad avere successo è abbastanza forte”, recita il motto scelto da Giuseppe Mele. Indicativo, perfetto, chiaro. La Campania riparte, la Basilicata con lei.
WordPress Author Box
Cristiano Corbo

Studente diciannovenne in pre-pensionamento. Nasce in quel di Caserta, dove attualmente vive. Ama il baseball, odia il greco antico, gli è indifferente tutto il resto. Diretto, mai preciso. Spontaneo, mai costruito. Pessimo nelle cose semplici, sorprendentemente capace in cose/azioni che richiedono “troppa” applicazione. Sportivo, anche se dalla forma fisica non si direbbe. Stralunato, impacciato, ma grande animatore e discreto showman. Collabora inoltre con SpazioJuve.it, Cronache di Salerno ed ha un blog su fanpage.it.

5 Commenti Unisciti anche tu alla conversazione!

  1. Vincenzo Damiano 7 ottobre 2017 at 17:51 -

    👍🏻👍🏻👍🏻

  2. rotili domenico 7 ottobre 2017 at 18:25 -

    Per precisare: l’investimento per il recupero dell’impianto è opera di Rotili (presidente di Reggia Caserta Baseball Softball) e Musto (Presidente onorario).

  3. Giorgio Moretti 7 ottobre 2017 at 18:57 -

    In bocca al lupo!!# Giorgio Moretti

  4. paolo palmieri 8 ottobre 2017 at 04:06 -

    buona fortuna , complimenti per riprovare a vivere il batti e corri in quelle regioni , spero che oltre all’entusiasmo vi siano progetti concreti a partire dalla scuola , anche se vivo molto lontano , avete il mio sostegno .

  5. Gabriele iannuzzi 8 ottobre 2017 at 11:35 -

    Molto felice per questa iniziativa. Il baseball campano e di tutto il sud saranno i grandi progetti per il futuro e di grandi futuri campione del baseball. Pronti e iniziando il progetto navegantes di camerota. Saluti.