Il campionato che verrà, è un modo per aprire il movimento!

Pubblicato il Feb 3 2021 - 8:02pm by Allegra Giuffredi

Grimaudo Caseres

Pochi giorni fa ho ricevuto le slides inerenti alla formula con cui si terrà il prossimo Campionato italiano di baseball che partirà il 17 aprile 2021.

Ad una prima lettura, si resta un po’ straniti perché la complessità è tale dal sentirsi quasi presi in giro, come se fosse un fake, non foss’altro per il fatto che il Recovery Round, ormai viene automaticamente letto come Recovery Fund (vi assicuro che è così!) ma dopo un primo momento di puro sgomento si comincia a “farci la bocca” e a rileggere e rileggere …

Nel mio caso, volendo dare all’Amato Bene quello che è di Cesare, devo dire che grazie ad un’accurata ricostruzione molto schematica, che adesso cercherò di rendervi passo, passo, son riuscita finalmente a capirci qualcosa, ma che fatica!

Allora, pronti? Via!

Premettiamo che vi sono il Premiere Round con all’interno le sei squadre che hanno disputato l’A1 nel 2020 e due squadre che provengono dall’A2 e il Qualification Round al cui interno giocano 24 squadre provenienti dall’A2 del 2020 e quelle promosse dalla serie B 2020. Premiere e Qualification si giocano in parallelo e ad un certo punto della Stagione si incontrano in quello che vedremo essere il Recovery Round ed i Play Off ed ulteriormente divergere nel Safety Round.

In pratica si vuole ampliare il Campionato creando un ponte tra A1 ed A2 ed in modo che anche le neopromosse dalla serie B abbiano teoricamente la possibilità di accedere alle Italian Baseball Series, ossia alla Finale del Campionato italiano di baseball.

Partiamo con il Premiere Round che consta di due gironi di quattro squadre l’uno (otto in totale): le prime due di ognuno dei due gironi, per un totale di quattro squadre, vanno al Super Round, mentre le ultime due, sempre di ogni girone, vanno al Recovery Round, su cui torneremo.

Le prime due qualificate nel Super Round vanno direttamente in Semifinale, dove aspetteranno (forse un po’ troppo, anzi, troppo) le due squadre vincenti dello spareggio Playoff, su cui torneremo e quindi una volta giocata, alle Italian Baseball Series. Le ultime due del Super Round invece aspettano nello spareggio Play Off le prime due squadre che vedremo tra breve ci arriveranno passando per il Recovery Round e il Preliminary Playoff.

Le ultime due qualificate dei due gironi del Premier Round, per un totale di quattro squadre accedono al Recovery Round formato da quattro gironi di quattro squadre l’uno che esprimerà una squadra vincitrice per ogni girone, ossia le quattro squadre che accedono al Preliminary Play Off da cui emergeranno due squadre che andranno ai Play Off per spareggiare con le compagini che si sono classificate ultime nel Super Round.

Alla fine, dallo spareggio dei Play Off si affacciano due squadre che vanno a giocarsi le Semifinali con le vincenti del Super Round e quindi la Finale delle Italian Baseball Series.

Come si vede tutto può essere rimesso in discussione e se una squadra del Premiere Round non riesce immediatamente ad accedere alle semifinali, può rientrarvi, passando per il Recovery Round o per lo Spareggio Play Off. Chi fa il percorso netto tra la Premier Round e le Italian Baseball Series, sembra giocare meno e questo non è un bene, perché il baseball è un gioco dove trovi la condizione giocandolo e giocandolo.

Tornando al Qualification Round, le ultime due squadre dei 6 gironi che lo compongono, vale a dire dodici squadre, finiscono a giocarsi il Safety Round composto da due gironi da sei squadre l’uno ed il cui esito comporta che le prime quattro squadre di ogni girone per un totale di otto andranno direttamente al Qualification Round dell’anno successivo, mentre le ultime due di ciascun girone per un totale di quattro vanno in Serie B.

Il campionato si giocherà per lo più con gironi all’Italiana e quindi “tutti contro tutti”, dalla metà di aprile a Ferragosto, cosa non proprio furbissima, date le ferie di ciascuno di noi, ma sperando che l’Estate tenga e il tempo non “si rompa”, come usa dirsi, proprio il 15 agosto, forse è un modo per evitarci quegli scrosci d’acqua settembrini che hanno rovinato ed inviperito più di una Finale.

Ultima annotazione: il ritorno dei nove innings, cosa buonissima e che ci fa unanimemente felici, perché i sette innings non erano una garanzia per velocizzare il gioco e le partite, infatti se c’è una grossa differenza qualitativa tra le due squadre, può benissimo succedere che durante un qualsiasi inning la squadra migliore metta in base, quasi senza soluzione di continuità, giocatori su giocatori, facendo punti su punti ed allungando il brodo con punteggi astronomici e partite lunghissime.

Poi, oh! Si vedrà! La formula adottata per quest’anno è complicata, ma il baseball lo è di suo e in fondo è un modo per aprire il movimento.

WordPress Author Box
Allegra Giuffredi

Nata a Parma quarantaquattro anni fa e bolognese d’adozione da più di venti, è laureata in Scienze Politiche e lavora come funzionario pubblico. Appassionata di baseball, segue la Fortitudo da una decina d’anni e da sette scrive su “Fuoricampo”, ossia sul notiziario della Fortitudo Baseball, articoli di costume su tutto ciò che contorna il mondo del “batti e corri”. Segue anche la MLB e in special modo la squadra dei Chicago Cubs, sulla quale spesso si intrattiene con aneddoti ed altre amenità.

2 Commenti Unisciti anche tu alla conversazione!

  1. adriano 3 Febbraio 2021 at 20:21 -

    amici miei: è una supercazzola !!!

  2. alby66 4 Febbraio 2021 at 16:12 -

    oltre alla formula complicata (sicuramente si poteva fare meglio…) le superpotenze bologna e rsm……..e non solo…..hanno giustamente fatto notare le tante pause e altre problematiche inerenti alla formula per lo meno bizzarra ideata dalla banda marcon che non ha ben presente la realtà italiana del baseball italiano….secondo me non funzionerà perchè questo sistema non fa giocare più partite non rende assolutamente appetibile il prodotto baseball e non aiuta il movimento giovanile…anzi…l’obbiettivo di un giovane è giocare in serie A1 con quelli buoni…preferisco cmq 3 partite da 7 inning…….e più giovani obbligatori nei roster…saluti da parma