Guy:”C’è un progetto serio e mi rimetto in gioco”. Fortini:”Sempre avuto grande stima in Trinci”. Leo Mazzanti:”La persona giusta per il nostro progetto di crescita”

Pubblicato il Ott 5 2017 - 3:14pm by Giovanni Colantuono

Stretta di mano tra Piero Fortini e Guglielmo Trinci nel Museo del Baseball

Il Patron Piero Fortini è stato chiaro al termine della stagione agonistica:”Subito a lavoro per una grande squadra per la prossima stagione”. La vittoria dell’Under18 Academy, settore giovanile del Nettuno BC Academy, di domenica scorsa ha dato ancora più slancio alla programmazione futura del sodalizio Città di Nettuno e Academy Nettuno.

Dopo qualche giorno arriva il primo annuncio ufficiale della società guidata dal Patron Fortini e dal vice- presidente Paolo Bernardi:

“Nell’ottica di una ottimizzazione necessaria per la gestione della prima squadra e della intensa attività giovanile, il Città di Nettuno BC Academy annuncia una importante novità nel suo organigramma tecnico con la nomina di Guglielmo Trinci a Manager della prima squadra. Per Trinci si tratta di un ritorno alla guida della squadra nettunese che nel 2015 aveva brillantemente condotto fino alla finalissima della Coppa Italia di IBL.

Roberto De Franceschi resterà nello staff del manager Guglielmo Trinci e senza l’ingombrante compito di guida della prima squadra potrà continuare il suo grande lavoro di dirigente del settore giovanile Academy Nettuno, impreziosito in questo 2017 dalla conquista dello scudetto nella categoria Under18”.

Dunque Guglielmo Trinci ritorna alla guida della squadra che nel 2015 aveva portato fino alla finale di Coppa Italia di IBL dopo un’ottima stagione. Era il Città di Nettuno con Carlos Maldonado e Paul Estrada. Una squadra che sfiorò la qualificazione per i playoff, che giocava dell’ottimo baseball e fu anche sfortunata con il grave infortunio di Luis Nunez che privò il roster a disposizione di Trinci di uno dei migliori battitori della IBL.

Per Guy il lavoro riprende da quel punto?

“Mi fa piacere che dopo due anni qualcuno si è ricordato di me e di quello che abbiamo fatto in quella stagione 2015 – dice Guglielmo Trinci – ho una grande voglia di ricominciare con questa società e ci sono grandi stimoli per dare il massimo e fare di nuovo un grande lavoro. La società sta lavorando su un grande progetto che potrà darci grandi soddisfazioni”.

Il Patron Piero Fortini ha sempre avuto grande stima nei tuoi confronti, anche nel 2016 quando le vostre strada furono costrette a separarsi, espresse pubblicamente gli elogi verso il tuo lavoro:

“Mi ha fatto enormemente piacere sentire le parole di Fortini. So benissimo che il Patron voleva che fossi io a continuare il lavoro da manager anche nel 2016. Purtroppo però nel momento dell’unione con il Nettuno City c’era qualcuno che non voleva la stessa cosa e ha fatto valere la propria volontà su quella di Fortini, mettendo il veto sul mio nome per la guida della squadra. Fu un modo per far vedere chi comandava in quella società. Rimasi deluso perchè con quel gruppo che avevo nel 2015 c’erano tutti i presupposti per continuare a fare molto bene. Ricordo che giocavamo con uno straniero in meno e siamo stati costretti ad allenarci su un campo non adatto ad una squadra di IBL, oltre a giocare per tutta la stagione a Roma. Alla fine avevamo solo una partita di distacco dalla zona playoff, che era l’obiettivo che avevamo in quel 2015”.

Guy Trinci con il DS Leo Mazzanti

Hai visto da vicino la stagione di SerieA, che impressioni hai avuto del Città di Nettuno Academy?

“Posso dire che il roster era molto valido tecnicamente per la categoria e anche dominante ed infatti la squadra è arrivata ai playoff e nella finale di Coppa Italia. Ovviamente il programma per la prossima stagione è quello di disputare la massima serie e quindi per forza di cose il roster dovrà cambiare in maniera sostanziale. Per la SerieA di quest’anno il monte di lancio era di assoluta qualità, probabilmente era il reparto che poteva ben figurare anche in IBL”.

Lo staff dirigenziale ti ha proposto un programma di crescita che prevede già per la prossima stagione la possibilità di disputare il massimo campionato. Ovviamente su questa questione ci sarà da attendere le prossime settimane le decisioni della FIBS:

“Abbiamo parlato ovviamente dell’immediato futuro – continua Guglielmo Trinci – conveniamo tutti che dobbiamo allestire un roster di grande valore adatto in tutto a per tutto alla massima serie. Sono stato due anni fuori dalla massima serie e mi sono detto che sarei rientrato in gioco solo con un progetto serio e di qualità. La società mi ha proposto una programmazione molto importante, se riusciamo ad attuare il 90% degli obiettivi io sarò felicissimo e vorrà dire che avremo una squadra per ritornare ai massimi livelli. Il Città di Nettuno e l’Academy hanno dirigenti seri e concreti, se hanno un programma del genere significa che hanno anche le basi fondamentali per metterlo in pratica, quindi ho dato mia disponibilità a rimettermi in gioco”.

Il nuovo manager del Città di Nettuno Academy ha raggiunto l’accordo nella sala del nuovo museo del baseball con i trofei del Città di Nettuno in esposizione. Stretta di mano con il Patron Piero Fortini ed il DS Leonardo Mazzanti, con tanto di consegna della casacca della squadra pluriscudettata.

“Roberto De Franceschi ha fatto un grande lavoro in questo 2017 conducendo la squadra fino ai playoff e alla finale di Coppa Italia, lo ringrazio per tutto quello che ha fatto facendo maturare un roster composto da tanti giovani – ha dichiarato Piero Fortini – siamo una realtà in grande crescita e tra la prima squadra ed il settore giovanile il lavoro è enorme. Per questo le qualità di dirigente di Roberto sono una risorsa fondamentale per l’Academy. Abbiamo quindi necessità di ottimizzare l’attività tra la prima squadra ed il settore giovanile. Per fare questo abbiamo deciso di ridare la guida della prima squadra a Guglielmo Trinci, persona verso cui ho sempre nutrito grande stima. Per me doveva essere lui a portare avanti il lavoro dopo quella stagione 2015 e l’ho anche dichiarato pubblicamente. Trinci ha grandi qualità umane e sportive per ricoprire il ruolo di manager, quindi affidiamo a lui il processo di ricostruzione e crescita della squadra più titolata d’Italia iniziato in questo 2016”.

Una crescita legata ad un progetto che prevede il ritorno nella massima serie già dalla stagione 2018:

“La FIBS sa benissimo che ci stiamo muovendo per allestire un roster pronto per quella che sarà la massima serie nel 2018. Noi siamo stati i primi a dare supporto alla riforma che la federazione vuole attuare, quindi ci stiamo muovendo per farci trovare pronti. Il Città di Nettuno Academy è tra le società che hanno esplicitamente richiesto di partecipare la prossima stagione alla massima serie, attendiamo gli sviluppi in queste settimane ma siamo ottimisti. Voglio sottolineare che a quanto si legge c’è chi teme il nostro ritorno ai massimi livelli, c’è pure chi vorrebbe mettere 25km di distanza tra le squadre per impedirci di partecipare. Siamo veramente nel ridicolo. A questi signori dico che fanno bene a temerci e quando si infiammerà il mercato se ne renderanno conto”.

Si riparte quindi con Guy Trinci:

“Auguro a Guglielmo un buon lavoro, e spero sia una continuazione di quanto di buono a fatto in quel 2015 – continua Fortini – sono sicuro che sarà proprio così. Trinci a mio parere è un manager di grande valore e con il roster che gli metteremo a disposizione potrà fare grandi cose. Bentornato Guy”!

Soddisfatto anche il DS Leonardo Mazzanti:

“Ringrazio anch’io Roberto De Franceschi che in questo 2016 tra la prima squadra, il settore giovanile e la guida dell’Under15 azzurra ha vissuto un anno a ritmi vertiginosi. Però i risultati ci sono stati ed è giusto sottolinearli. La prima squadra, allestita in pochissimo tempo, ha fatto molto bene in SerieA e con l’Academy è arrivato uno scudetto con l’Under18. Quindi Roberto ha fatto veramente bene. Ora per continuare il processo di crescita e programmare il ritorno della prima squadra nella massima serie abbiamo bisogno di tutte le migliori risorse che il baseball nettunese offre. In assoluto Guglielmo Trinci è una di queste risorse più importanti, quindi abbiamo ritenuto opportuno affidare a lui la continuazione del lavoro iniziato da Roberto. Il campo ed i numeri parlano chiaro su quello che Guglielmo ha fatto nella storia del baseball nettunese, non penso che c’è bisogno di aggiungere altro se non un buon lavoro a Guy. Siamo certi che la sua conoscenza del baseball e bravura nel ruolo di manager siano una garanzia per il nostro progetto che prevede di ritornare sin da subito ai massimi livelli del baseball italiano”.

 

 

 

 

WordPress Author Box
Giovanni Colantuono

Nato a Nettuno. Ha iniziato la carriera giornalistica nel 1991 nell’emittenza televisiva privata come autore e conduttore della rubrica settimanale sul baseball Casabase. Allievo del Piccolo Gruppo di Giornalismo Radio-Televisivo di Michele Plastino, ha poi collaborato con il quotidiano Il Tempo e con varie agenzie di stampa. Radiocronista di Idea Radio ed autore di due film reportage sulla Coppa Campioni di Parigi del ’91 e dell’Europeo del ’91. E’ stato per tre anni addetto stampa del Nettuno e collaboratore dei siti BaseballItalia.it e Baseball.it.. Nel marzo del 2012 è cofondatore di BaseballMania.it di cui è l'editore e il Direttore Editoriale.

Like us on Facebook
Giovanni Colantuono

Follow me on Twitter
Follow @https://twitter.com/g_colantuono on Twitter
Giovanni Colantuono

5 Commenti Unisciti anche tu alla conversazione!

  1. Ariano 5 ottobre 2017 at 18:32 -

    Grande mossa, Guglielmo manager è una garanzia di serietà, professionalità e lavoro.

    Avanti così!

  2. Giulio F. 5 ottobre 2017 at 19:51 -

    Daje Guy, fino all’ultimo strike!!!

  3. Markakis 5 ottobre 2017 at 20:19 -

    Trinci è persona affidabile e di garanzia per tutti, confortante che parli di un progetto serio. Ricordiamo quella stagione 2015 quando giocatori del calibro di Maldonado Estrada e Nunez furono ingaggiati dal presidente Fortini. Quindi a questo punto penso che quando Trinci parla di progetto serio significhi che dal mercato arriveranno grandi giocatori. Forza Fortini continui su questa strada e riporti questa squadra ad essere vincente

  4. Giuseppe Troiani 6 ottobre 2017 at 03:28 -

    Grande uomo e persona vera…in bocca al lupo e buon lavoro Guglielmo

  5. federico 7 ottobre 2017 at 09:55 -

    La prima PIETRA, quella angolare è posata.