Go Bonaccini…

Pubblicato il Ago 8 2019 - 6:06pm by Allegra Giuffredi

Come ormai sapete, grazie alla recente cronaca di Maurizio Roveri, la Fortitudo Baseball è stata ricevuta dal Presidente della Regione Emilia – Romagna, Stefano Bonaccini, per festeggiare la conquista della European Champions Cup.

Alla presenza del Presidente della Squadra, Stefano Michelini, il Manager Lele Frignani, il DS Christian Mura, il Capitano Alessandro Vaglio e tutta la compagine fortitudina, in tenuta “casual Friday” dai toni grigi, con qualche punta di rosso, l’altro Presidente, quello della Regione, in total black, molto casual, pure lui, si è così espresso:

“Sono contento di incontrarvi di nuovo qui in Regione, dove ci eravamo trovati per la conquista del decimo scudetto. Ora festeggiamo la vittoria nella Coppa dei campioni, la sesta.

Penso che occorra cominciare a mettere da parte questa idea che ci sono alcuni sport maggiori e altri minori. Bologna era la capitale del baseball italiano, ora è tornata ad essere la capitale europea.

E a conferma di questo, il 30 settembre ospiterà una manifestazione straordinaria di livello internazionale. Merito ai tecnici, agli atleti, alla dirigenza: insieme hanno tenuto alto il nome di Bologna e della nostra regione in Europa.

E poi, battere gli olandesi, solitamente super favoriti, e batterli in quel modo credo che meritasse da parte della Regione un riconoscimento, ringraziandoli a nome di tutta la comunità dell’Emilia-Romagna per questo straordinario risultato e per fargli un in bocca al lupo per quello che verrà, a iniziare dai play-off.

Se la Fortitudo vincesse anche quest’anno lo scudetto, sarebbe la prima volta per due anni consecutivi: l’ennesima dimostrazione che questa terra ha una grande tradizione nella disciplina del baseball.”.

La Fortitudo baseball è ormai di casa in Viale Aldo Moro, sede della Regione Emilia – Romagna, perché vi era già stata per festeggiare la stella del decimo scudetto e chissà che non ci torni presto.

Del resto, la Fortitudo baseball è una squadra vincente, sia in Italia che all’estero e agli italiani vincere piace, molto più che partecipare e la vittoria è l’unico viatico per la sopravvivenza del nostro movimento sportivo.

Il baseball italiano infatti vive questa continua contraddizione, perché pur vincendo, rischia l’estinzione, mentre altri sport come per esempio il rugby e lo dico con tutto il rispetto possibile, godono ancora di “una rendita di posizione” che francamente, per quanto affascinante anche per me, faccio fatica a spiegarmi, perché vincere costantemente il “Cucchiaio di legno”, vale a dire arrivare costantemente ultimi nel “Sei Nazioni” non è un granché, ma c’è un ma.

Se continuiamo ad andare sui giornali solo e soltanto per motivi disciplinari, esibendo dei comportamenti “alla Tafazzi” che francamente sono ingiustificabili, non andiamo avanti, anzi! E allora ringraziamo davvero per questa ospitata e cerchiamo di valorizzarla!

Go Bonaccini!

WordPress Author Box
Allegra Giuffredi

Nata a Parma quarantaquattro anni fa e bolognese d’adozione da più di venti, è laureata in Scienze Politiche e lavora come funzionario pubblico. Appassionata di baseball, segue la Fortitudo da una decina d’anni e da sette scrive su “Fuoricampo”, ossia sul notiziario della Fortitudo Baseball, articoli di costume su tutto ciò che contorna il mondo del “batti e corri”. Segue anche la MLB e in special modo la squadra dei Chicago Cubs, sulla quale spesso si intrattiene con aneddoti ed altre amenità.

1 Commento Unisciti anche tu alla conversazione!

  1. Daitarn 9 agosto 2019 at 00:23 -

    Solo una cosa mi rattrista enormemente,il vuoto,l’immensa mancanza del Cev…Cevenini era un grandissimo tifoso della Effe che purtroppo non e’ piu’ tra noi e ci manca molto.