NETTUNO UMILIATA!

Pubblicato il Set 16 2015 - 11:41pm by Giovanni Colantuono

Il momento tanto atteso é finalmente arrivato. La Commissione tecnica ha dato il parere positivo alla riapertura parziale dello Steno Borghese di Nettuno.
Il Nettuno BC torna a casa e può giocare gara 1 della finale di Coppa Italia nel suo storico stadio.

Si vede la luce per il baseball nettunese, ma sulla possibilità di giocare effettivamente la finale a Nettuno c’è ancora qualche dubbio. Ed è il Bologna che ha espresso parere negativo per giocare gara 1 allo Steno Borghese.

“Lo Steno Borghese è di nuovo aperto – ha dichiarato pochi minuti fa il Presidente Fortini – è un grande momento per tutti, adesso dobbiamo parlare con il Bologna”.

AGGIORNAMENTO ORE 19,40

Non c’è pace. Sembrava che tutto era sistemato, invece c’è ancora una firma che tarda ad arrivare dopo che la Commissione aveva dato il parere favorevole all ‘utilizzo dello Steno Borghese. Quelle trascorse oggi pomeriggio sono state ore veramente febbrili, una vera e propria corsa contro il tempo per cercare di far ritornare il sorriso nella Città del Baseball.
Mentre la burocrazia muoveva i suoi passi il Nettuno ha cercato di convincere anche il Bologna ad accettare di giocare nello Steno Borghese. La Fortitudo ha da subito detto no, non dando possibilità di apertura al Presidente Fortini. Nel pomeriggio c’ è anche stato l’intervento del Presidente Fraccari, ma a nulla si è arrivato. Il Bologna non vuole giocare a Nettuno.
Il clima nel team nettunese é diventato con il passare delle ore sempre più grigio. Il Nettuno si sente umiliato!
La squadra ha concluso la seduta odierna dell’allenamento cancellando dalla mente lo Steno Borghese, un fatto veramente triste per un gruppo di ragazzi che stava sognano il momento del ritorno nello storico stadio.

LA FIRMA CHE MANCA

Per fare chiarezza sulla situazione burocratica che riguarda l’agibilità dello Steno Borghese vi riportiamo quanto scritto sull’edizione OnLine de IlGranchio, il settimanale d’informazione di Anzio e Nettuno:

Tratto da www.ilgranghio.it

La possibilità che lo “Steno Borghese” possa ospitare giovedì sera gara1 della finale di baseball tra Nuova Nettuno Baseball e Fortitudo Bologna è legata a una firma, quella del certificato agibilità dell’impianto. La delega a firmare l’apertura dello stadio sarà assegnata nelle prossime ore dal Commissario straordinario Raffaela Moscarella al segretario comunale Elisabetta Ginevra. Sarà dunque quest’ultima a dover firmare o meno entro le 17 di domani l’agibilità del Borghese. La decisione è arrivata al termine di un pomeriggio convulso durante il quale si è riunita la Commissione comunale spettacoli alla presenza di vigili del fuoco, Asl, dirigenti comunali dell’Area lavori pubblici e dello Sport e polizia. Durante la riunione è stato fatto notare l’assenza del rappresentante del Coni come previsto dalla normativa che regola questo tipo di commissioni. Il Coni è stato contattato in tempo reale e ha assicurato la presenza a Nettuno di un suo rappresentante del domani per un sopralluogo all’impianto. Alcune riserve mosse dai vigili del fuoco sono state superate inquadrando la partita di baseball come un evento eccezionale, ala stregua di un concerto. Il sub Commissario Leone ha quindi informato la commissaria Moscarella che, a sua volta, ha annunciato volontà di delegare la segretaria comunale alla firma del certificato di agibilità dell’impianto sul quale negli ultimi giorni sono stati eseguiti dal Comune interventi sull’impianto elettrico, suoi servizi e per la pulizia delle tribune. Domani sapremo.  

WordPress Author Box
Giovanni Colantuono

Nato a Nettuno. Ha iniziato la carriera giornalistica nel 1991 nell’emittenza televisiva privata come autore e conduttore della rubrica settimanale sul baseball Casabase. Allievo del Piccolo Gruppo di Giornalismo Radio-Televisivo di Michele Plastino, ha poi collaborato con il quotidiano Il Tempo e con varie agenzie di stampa. Radiocronista di Idea Radio ed autore di due film reportage sulla Coppa Campioni di Parigi del ’91 e dell’Europeo del ’91. E’ stato per tre anni addetto stampa del Nettuno e collaboratore dei siti BaseballItalia.it e Baseball.it.. Nel marzo del 2012 è cofondatore di BaseballMania.it di cui è l'editore e il Direttore Editoriale.

Like us on Facebook
Giovanni Colantuono

Follow me on Twitter
Follow @https://twitter.com/g_colantuono on Twitter
Giovanni Colantuono

32 Commenti Unisciti anche tu alla conversazione!

  1. piero1965 15 settembre 2015 at 13:48 -

    Scusa Giovanni, ma di cosa si deve parlare con il Bologna?? Non capisco, potresti darci qualche chiarimento?? cosa cambia per loro giocare a Roma o a Nettuno?

    • Giovanni Colantuono
      Giovanni Colantuono 15 settembre 2015 at 14:05 -

      C’è purtroppo qualche problema con il Bologna. In una telefonata di poche ore fa tra i due presidenti, il Bologna non ha dato disponibilità per spostare la sede di gara 1. Attendiamo comunque gli sviluppi che sono in corso proprio in questi momenti.

  2. piero1965 15 settembre 2015 at 14:12 -

    Mi sembra incredibile !!!
    hanno forse timore di giocare in uno stadio dove spero ci possa essere un buon pubblico a differenza del deserto di Roma??
    Sono ridicoli e un atto del genere sarebbe del tutto insensibile e poco sportivo, e da una squadra come Bologna non me lo aspetto.
    vediamo come evolve. speriamo che la fame di baseball dei nettunesi giovedì possa trovare un minimo di soddisfazione.

  3. Fabio 15 settembre 2015 at 14:15 -

    La differenza c è eccome ! Se si gioca allo steno il Nettuno gioca in casa vantaggio non da poco mentre tutte le altre squadre sia in campionato che in coppa hanno giocato a Roma cioè in campo neutro e questa è una finale !

  4. luca 15 settembre 2015 at 14:30 -

    visto la situazione creatasi quest’ anno a nettuno, visto che una commissine ha espresso parere favorevole per giocare l’unica partita nello stadio di NETTUNO, caro presidente e direttore sportivo neanche vi deve passare in mente di non venire a giocare a nettuno , perchè oltre a fare un dispetto a tutti i nettunesi e a tutte le persone ( che si sono adoperate in questi giorni per far si che lo steno sia vestito a festa) , e anche cattiveria e forse anche paura.

  5. Infield 15 settembre 2015 at 15:02 -

    Forse si può parlare di antisportivita’ se non vogliono giocare qua, noi sul campo non ci facciamo intimidire da nessuno è loro lo sanno.

  6. massimo 15 settembre 2015 at 15:17 -

    E’ possibile che il Bologna abbia chiesto al Nettuno di giocare le 2/3 partite in casa ( garantendo al Nettuno di collaborare alle spese di trasferta ed il Nettuno non abbia accettato ) e cosi’ il Bologna non collabora per giocare a Nettuno anziche’ a Roma.

  7. Nico 15 settembre 2015 at 15:19 -

    Dai Fabio cantate tutti insieme a Bologna PONZI PONZI PO PO PO vi piace vincere facile. Dicevate che avevate uno squadrone che vincevate tutto e ora che avete perso quasi tutto vi mettete paura di giocare a Nettuno. Siete ridicoli e che bello pensare a quanto fa paura solo il nome Nettuno nonostante sia un po di tempo che non si vince. Forza Nettuno e giovedì tutti allo stadio cacciamo Bologna anche fuori dall’europa

  8. Fabio 15 settembre 2015 at 16:12 -

    Guarda nico che io non gioco mica ! Sul fatto che si giochi a Nettuno o a Roma per me non c è problema. Cmq aspettiamo prima di dare giudizi tipici del calcio. Nessuno sa quali siano le motivazioni e quello che si sono dette le due società quindi subito a trarre conclusioni sparando sentenze !

  9. piero1965 15 settembre 2015 at 18:24 -

    E’ proprio vero, il baseball è morto e sepolto ed in mano a gente senza scrupoli e senza amore per questo sport!!!!
    ormai vi potete dividere solo le bucce.
    grazie a tutti e vergognatevi.
    certo è che anche se si giocherà a roma il clima ve lo raccomando

  10. Claudio 15 settembre 2015 at 18:25 -

    Tutto questo mi sembra assurdo vorrei chiedere a Colantuono Giovanni se è possibile un chiarimento ammesso che la commissione abbia dato parere favorevole per riaprire lo Steno per quale motivo entra in ballo il Bologna io da profano penso che il Nettuno con l’affidabilità dello Steno in mano debba comunicare alla FIBS la sede di gioco e non al Bologna

    • Giovanni Colantuono
      Giovanni Colantuono 15 settembre 2015 at 18:49 -

      Ovviamente il campo che risulta in federazione affiliato per la stagione 2015 é quello di Roma. Quindi il Bologna si attiene a quanto comunicato dalla Cog che assegna Roma come campo di gioco. È altrettanto ovvio che una volta ottenuta l’agilità il Nettuno chiedesse di ritornare a giocare nel suo stadio. La Fibs a questo punto dice alle due società di arrivare ad un accordo, che il Bologna rifiuta.

  11. piero1965 15 settembre 2015 at 19:32 -

    certo la FIBS è come Pilato se ne lava le mano tanto ormai la credibilità di questo sport è ai livelli che conosciamo.
    Non è facile tirare fuori gli attributi e prendere decisioni. è più comodo mettersi alla finestra e vedere il cadavere passare, ma tanto l’ora è arrivata

  12. Sergio 15 settembre 2015 at 20:51 -

    Cortesemente chiedo un chiarimento. Il titolo del servizio parla di una mancanza di una firma dell’amministrazione. Ma allora, se è così, perchè la Commissione ha dato parere favorevole alla riapertura ?. ‘Qual’è la firma che manca, che a questo punto, se ho ben capito, rende inutile anche il parere favorevole dell”amiinistrazione? Grazie.

    • Giovanni Colantuono
      Giovanni Colantuono 15 settembre 2015 at 22:21 -

      Ti rimando all’aggiornamento che abbiamo inserito nell’articolo in cui viene spiegato tutto. Grazie

  13. Ezio Cardea
    Ezio Cardea 15 settembre 2015 at 20:54 -

    l’Acquacetosa è solo la sede provvisoria delle partite del Nettuno a causa della l’inagibilità dello Steno.

    Nello stesso momento in cui il Comune autorizza il Nettuno a giocare nella sua sede, viene a mancare la ragione di quell’esilio.

    Pertanto la Federazione non deve limitarsi a chiedere al Bologna la disponibilità a giocare al Nettuno, ma deve imporglielo per salvaguardare il diritto sacrosanto di ogni società di giocare nel proprio campo quando non vi sono impedimenti (che al momento non esistono).

    Inqualificabile, anzi da non credere (se non vi siano altre motivazioni che non conosciamo) il comportamento di uno squadrone come il Bologna; inqualificabile, anzi da non credere (sempre con la stessa riserva), anche il comportamento della Federazione la quale, evidentemente, non osa opporsi ad un Club così importante.

    Sulla questione sarebbe interessante il parere di un legale.

    In ogni caso, se Bologna non abbandonasse quella che appare una sconcertante e vergognosa impuntatura (parlare di antisportività è troppo poco!) e la Federazione non ingiungesse al Bologna di giocare nella sede naturale del Nettuno, non esiterei a mettere sotto riserva la partita per il motivo suddetto, ovvero per la negazione di un sacrosanto diritto

    Tutti noi speriamo che si sia trattato di semplice equivoco e che il Bologna non vorrà macchiare in modo irreparabile la sua reputazione, come speriamo che il nostro sport non venga ulteriormente infangato da altre pagine vergognose.

    • Giovanni Colantuono
      Giovanni Colantuono 16 settembre 2015 at 08:45 -

      A conferma delle parole di Ezio Cardea sottolineo che nelle comunicazioni della COG veniva scritto “Visto il perdurare dell’indisponibilità dello stadio Steno Borghese….” Una premessa che giustificava la svolgimento delle gare del Nettuno BC all’Acqua Acetosa. Ovvio che venendo a mancare quel presupposto non ci sarebbe stato più motivo valido per giocare a Roma, con conseguente ritorno della squadra a giocare a Nettuno. Inoltre ad inizio stagione la dirigenza della squadra nettunese ha inviato comunicazione alla Fibs che come l’impianto tornava disponibile, sin dalla partita in calendario successiva allo sblocco dello stadio si sarebbe tornati a giocare a Nettuno.

  14. robertasca 16 settembre 2015 at 04:43 -

    l’acquacetosa è una una sede provvisoria e peraltro è un campo non uno stadio come lo Steno struttura adeguata per ospitare una finale…mi sarei aspettata di leggere un comunicato del bologna con le ragioni del diniego a giocare a nettuno ma così non è stato. comunque a roma sugli spalti non ci saranno certo tanti tifosi rispetto a quelli che sarebbero venuti allo steno ma il tifo non mancherà…..e cmq la figura barbina il bologna l’ha fatta ugualmente ….andremo anche a bologna a tifare Nettuno bc fino all’ultima palla ….antisportivi e antipatici sti bololgnesi!!

  15. Ruggero Bagialemani 16 settembre 2015 at 05:26 -

    Mi permetto di entrare in questa conversazione perché ieri ero presente allo stadio con la commissione per la verifica delle condizioni dello stadio ed eventuale agibilità,come impiegato comunale (e non come rappresentante della Società),il vero problema non è ne’ di paura,ne’ di impuntatuta da parte del Bologna,premetto che io sono favorevole alla disputa a Nettuno della Finale di Coppa Italia a PRESCINDERE,per me è assurdo tutto quello che è successo,(vorrei ringraziare a tal proposito la dott.ssa Rita Dello Cicchi)che ha fatto tutto il possibile per far si che cio avvenisse, ,il problema come dicevo è che il Bologna non era stato avvertito dell’eventualità dello spostamento della partita e quando ne è venuto a conoscenza aveva gia organizzato la trasferta prenotando Hotel,pasti e quant’altro si deve per una trasferta.
    Un annata da cancellare e ripartire Nettuno città non merita questo.

    • Jesse 16 settembre 2015 at 07:38 -

      A Ruggero eri presente ma mica c’hai capito tutto. Il Bologna era stato avvisato dalla scorsa settimana che forse si giocava a Nettuno e comunque anche se avevano già prenotato a Roma mica ci stanno 500 chilometri tra Roma e Nettuno. I bolognesi sconfitti in tutto se la stanno facendo addosso di perdere pure la coppa Italia, perchè fuori anche dalla coppa campioni ciao ciao Unipol.

  16. armando 16 settembre 2015 at 06:27 -

    Che tristezza vedere la Fortitudo scendere così sportivamente in basso, forse sono proprio alla canna del gas, meriterebbero di perderla questa finale così rimarebbero senza “COPPE, DENARI e BASTONI………

  17. armando 16 settembre 2015 at 06:29 -

    dimenticavo: gli resta la possibilità della fantomatica EBL.

  18. mauro 16 settembre 2015 at 06:45 -

    Ma perche esiste una federazione ? Esistono dei consiglieri federali? Ah vero si sono votati le passate elezioni….

  19. Ongina 16 settembre 2015 at 07:24 -

    Ho letto l’aggiornamento e, memore delle complicazioni legate alla verifica di un impianto ristrutturato, con o senza chiusura in occasione dei Mondiali del 2009, credo che la possibilità di giocare allo Steno Borghese sia ancora francamente – senza il vaglio della Commissione Spettacoli coordinati dalla Prefettura e formata dai rappresentanti di molti uffici tecnici – una opzione da tenere ancora in sospeso.Senza perdere la fiducia.
    I Vigili del Fuoco sono severissimi sulla osservanza delle misure di sicurezza relative ad impianti ed apparecchi estinguenti, sicurezze di ogni tipo, gli impianti luce devono disporre di un generatore di emergenza per lo sgombero del pubblico a luci almeno sufficienti , in caso di blackout. Vanno rifatte le prove di statica dell’impianto (prendono 4 taniche di plastica da un metro cubo l’una e le riempiono di acqua impilandone due su un gradone e due su un gradone appena superiore per verificare dopo una settimana se vi sono tracce di cedimento o crepe. Vanno eseguite le prove di tenuta alla spinta delle pareti in cima alla tribuna. E potrebbe anche essere diminuita la capienza.
    Questo all’esito di tutte queste verifiche.
    L’esito della riunione di oggi, e ne capite tutti l’importanza, potrebbe essere, in mancanza magari solo parziale delle verifiche predette, una apertura eccezionale dell’impianto con limitazione della capienza per ragioni di sicurezza.
    Sul sito si parla di apertura eccezionale dello Steno Borghese,il che mi porta a pensare che le verifiche , in tutto o in parte, siano ancora da svolgere.
    Auguro che gli sportivi di Nettuno ottengano almeno questo. Se di più, meglio.
    Quanto al fatto di tornare a giocare allo Steno Borghese, la stessa FIBS in un comunicato che copio e incollo, aveva scritto che la C.O.G. aveva comunicato che stante la INDISPONIBILITA’ dello Steno Borghese , Nettuno Parma si sarebbe giocata nell’impianto dell’Acquacetosa.
    Se la Commissione Spettacoli autorizza anche il solo uso provvisorio dello Steno Boghese, il Nettuno dovrà comunicare alla C.O.G. la nuova disponibilità dell’impianto allegando la certificazione della Commissione, la C.O.G. ne prenderà atto, darà comunicazione alla formazione ospite e la Fortitudo Bologna dovrà andare a giocare a Nettuno allo Steno Borghese. Volente o nolente.
    Questo il comunicato pubblicato sul sito FIBS
    Buona giornata a tutti.

    08/04/2015 18.17
    Bookmark and Share
    Città di Nettuno-Parma si giocherà all’Acquacetosa

    Il CPO Giulio Onesti di Roma ospiterà anche la seconda uscita casalinga della squadra guidata da Trinci

    Visto il perdurare dell’indisponibilità dello Steno Borghese di Nettuno, la Commissione Organizzazione Gare ha reso noto che la doppia sfida tra Città di Nettuno e Parma, valevole come terzo turno di andata della IBL, si giocherà sul diamante del CPO CONI dell’Acquacetosa a Roma.

    Le partite sono in calendario alle 20.30 di venerdì 10 e sabato 11 aprile

  20. giancarlo vero nettunese 17 settembre 2015 at 11:07 -

    Ruggero eri un campione di baseball, ora non sei nessuno, solo una bandieruola che cerca di infilarsi nelle società di baseball solo per i tuoi interessi personali. Con queste dichiarazioni stai rinnegando il tuo passato di giocatore nel nettuno B.C.
    Tu sai che al comune di nettuno non sei nessuno.Perciò non dire noi come comune di nettuno, perche la commissione era formata da sole persone qualificate e non da te.

    • daitarn 17 settembre 2015 at 17:33 -

      Ruggero si sta gia’ intercalando nel suo emozionante approdo alla Effe,come si sente in qualche rumor a Bologna

  21. daitarn 17 settembre 2015 at 17:43 -

    Onore al Lider Maximo Ruggero!

  22. daitarn 17 settembre 2015 at 22:02 -

    Il Pantera sarebbe un pallino dell’Unipol,che sarebbe in grado di mandar giu’ un 0 su 3 dalla lunetta(zero tituli),detto in gergo baskettistico,pur di assicurarsi le grandissime qualita’ manageriali e caratteriali di Ruggero.

  23. Markakis 17 settembre 2015 at 22:09 -

    Ma infatti si è capito benissimo da tutte queste cretinate scritte da Bagialemani che si sta preparando la strada per andare a Bologna. Tranquillo Ruggero non ne sentiremo la mancanza.

  24. daitarn 17 settembre 2015 at 22:21 -

    Dovreste comunque avere il massimo rispetto per un Campione che ha dato tutto per la vostra squadra e vi ha fatto vincere tanti titoli,questo il mio parere.

  25. RSM 17 settembre 2015 at 23:16 -

    Intanto bisogna vedere il budget che,eventualmente l’Unipol vi mettera’ a disposizione dopo sta disfatta,perche di questo si tratterebbe,ormai anche la coppetta del nonno e’ volata via,o quasi, diciamo al 75%,non pensate che Bagialemani venga a gratis( come di solito tesserate gli atleti voi) solo per gratitudine ad indossare la maglia Fortitudo…

  26. time out 18 settembre 2015 at 06:24 -

    E’ stato un grande campione, quando è diventato manager s’è rimagnato tutto quanto di buono fatto da giocatore.