ISL, comandano La Loggia e Bussolengo

Pubblicato il Mag 11 2014 - 11:06am by Redazione Baseballmania

Una doppietta del Rhibo La Loggia sul Caronno, con due partite diverse nell’andamento e anche nell’equilibrio in campo, permettono alla formazione campione d’Italia di allungare su Bollate, costretto al pareggio dal Legnano. Pareggio anche tra Caronno e Staranzano che continua nella sua “perfetta” media .500.

Parte forte il Rhibo La Loggia, che vince con grande facilità la prima partita e poi deve combattere un po’ di più, passando addirittura in svantaggio, nella seconda contro il Rheavendors Caronno.

Rovinata, si fa per dire, la no-hit al primo inning, con il Rheavendors che ha lasciato tre corridori sulle basi, il resto della prima partita è stato dominio di Elisa Brandino in pedana e del box di battuta piemontese. Alla fine il divario è nettissimo e il Rhibo conquista una facile vittoria 10-0 (3 punti al primo, 1 al terzo e  6 al quarto) grazie alla straordinaria prestazione di Amanda Fama (2 su 2 – 2 homer, 3 rbi e 3 punti) e ai quattro doppi di squadra: Carlucci(3 su 3), DalbesioAvanzi eNecco.

Gara 2 vede in pedana Lindsey Beisser, all’esordio con la casacca del Rhibo, e Anyibell Ramirez. È un confronto ad armi pari, che perde il suo equilibrio al quinto inning di attacco del Caronno: vantaggio 1-0 grazie a due errori difensivi, alternati a un bunt di sacrificio. La Loggia è come un leone ferito: al cambio campo reagisce immediatamente segna i due punti del sorpasso e della vittoria con un doppio diCamello, singolo di Avanzi e doppio di Amanda Fama che corona così una giornata straordinaria, chiusa con un totale di 3 su 3due fuoricampo un doppio 4 punti battuti a casa. Finisce 2-1 e Bollate adesso è più lontano.

Cecchetti contro Durot, gara 1 del “derbyssimo”  tra Legnano e Bollate è una sfida molto sentita, oltre che tra le due squadre, anche da queste due straordinarie lanciatrici: che non smentiscono le attese. Greta Cecchetti (che in totale subisce 6 valide) rimane in no-hit fino al terzo; Silvia Durot fino alla ripresa successiva. I punti, però, arrivano verso la fine di una partita equilibratissima. Al sesto un potente triplo a sinistra di Ilaria Pino mette Legnano nella condizione favorevole di poter segnare. Sotto pressione, la difesa bollatese concede la base intenzionale a Francesca Rossini, ma sul bunt  di Buscaglia un errore difensivo proprio di Cecchetti porta in vantaggio le biancorosse. Tre out facili per Durot nel sesto attacco e Bollate rimane al palo. Al settimo quattro singoli di WarwickEspositoPino e Verga portano 2 punti e avvicinano Legnano alla vittoria. L’ultimo attacco del Bollate, infatti, riesce a produrre un solo punto (doppio di Costa e singolo di Greta Cecchetti), ma non basta e finisce 3-1 per Legnano.

In gara 2 ancora un sfida italiana in pedana: d’altronde le scelte delle due società a inizio stagione vanno in questa direzione. Ma questa volta non c’è equilibrio e Bollate si riscatta, andando a chiudere con un sonoro8-1 a fine quinto. Decisivo il terzo inning, in cui la squadra di Soldi mette tutta la propria voglia di reagire e con 7 valide produce 5 punti che tagliano le gambe al Legnano. Il singolo di Alice Nicolini, lanciatore vincente e che nel box chiuderà a 3 su 3, che batte a casa due punti a inizio ripresa è fondamentale per dare al resto della squadra la forza per ottenere una vittoria che consente di perdere troppo spazio in classifica rispetto al Rhibo.

La prima partita del tour de force tra Staranzano Stars e Banco di Sardegna Nuoro è una bella affermazione della formazione isolana, che parte subito forte, segnando 3 punti nel primo e terzo inning, e poi resiste al tentativo di rimonta della formazione goriziana, grazie alla grande esperienza di Paola Cavallo. Il pitcher sardo subisce, sì, 12 valide, ma usa tutti i lanci a propria disposizione con grande maestria e non dà spazio alla squadra di casa, lasciando 5 uomini sulle basi nelle ultime due riprese d’attacco. Staranzano, però, oltre alle numerose occasioni di corridori in base non sfruttati, deve rammaricarsi perché queste opportunità sono arrivate grazie a 12 valide (3 in più delle sarde) e per aver commesso 3 errori decisivi.

In gara due si ribalta totalmente lo scenario e le friulane dominano totalmente. Mikayla Endicott subisce una valida (doppio di Amy Moore) al primo inning e poi non dà più alcuna possibilità all’attacco sardo. Pian piano per le Stars arrivano 7 punti: 1 al quarto (singolo di Kusar, che poi ruba la seconda e segna sull’errore di tiro dell’esterno centro e ben 6 alla sesta ripresa, che addirittura si chiude senza che Kori Waugh riesca a fare il terzo eliminato. Tra le 6 valide che valgono il big-inning anche un triplo di Veronica Comar. Si va a riposare, in vista della prosecuzione della sfida, fissata per domenica mattina, con la vittoria delle Stars 7-0. Appuntamento alle 9.30 con il Banco di Sardegna come squadra di casa, per recuperare le partite non giocate alla prima giornata il 5 aprile.

Nel girone B il dominio dello Specchiasol Bussolengo è assoluto, anche se in questa giornata, specialmente nella seconda partita, la formazione di Morabito ha faticato più del solito, L’unica a tenere il passo è Forlì, che ne vince due in casa contro Parma. Pareggio tra Caserta e Collecchio, che riesce a rimanere in una buona posizione di classifica ancora grazie alla sua straniera, Madison Holub, che sembra di un altro pianeta.

Bussolengo è sempre in controllo e dimostra una straordinaria solidità, sia in pedana, sia in attacco. AliceRonchetti, partente di gara 1, opposta a Luana Luconi, lascia solo 3 valide alla formazione marchigiana, mentre il box di battuta produce 10 valide, di cui 2 fuoricampo: Bruins e Brandi (da 3 al quinto); un doppio diBuila e 7 singoli. Il Dino Bigioni Unione Fermana, invece, non dà mai l’impressione di poter avvicinarsi a segnare (solo de volte arriva in posizione punto) e alla fine si chiude 7-0 prima del limite delle regolari sette riprese.

La seconda partita è l’esatto opposto della prima. Si chiude solamente dopo due riprese supplementari. Va in vantaggio il Dino Bigioni nel secondo attacco: triplo di Pietroni, che spinge a casa Fagioli (pinch runner perMonari, che aveva battuto un singolo). Pareggio al quarto: Villirillo, con un singolo al centro, spinge a casa dalla terza Cecchin (pinch runner per Brandi che aveva ottenuto una base per ball). Dalla situazione di pareggio non si smuove fino al nono:  Brandi in seconda, Bortolomai singolo e Brandi in terza, Buila batte in diamante, ma un errore difensivo consente a Brandi di correre e segnare per la vittoria 2-1; decima affermazione stagionale.

L’inseguimento al Bussolengo del Fiorini Forlì continua e passa attraverso il solito “bombardamento” in attacco. La batteria dei “cannonieri” romagnoli, con Montanari (2 su 4 con 1 fuoricampo e 2 rbi), Gellerman(2 su 3 con 1 fuoricampo da 2 rbi), Zauli (1 su 3) e Cacciamani (1 su 2 con 1 rbi), fa la differenza in gara 1 contro l’Old Parma Taurus. Per Forlì è un crescendo, con il big-inning  da 4 punti che arriva alla quinta ripresa: aperta dal solo-homer  di Montanari, poi singolo di Gellerman, doppio di Cacciamani, singolo diOnofri e doppio di Laghi. Finisce 8-1 al sesto inning per il Fiorini.

Poche valide sono l’ingrediente della seconda partita di Forlì, ma il risultato non cambia. Il Fiorini vince agevolmente 5-0 contro Parma e mantiene il passo. Un triplo di Carlotta Zauli (altra prestazione maiuscola la sua che chiude con 2 su 2 e 2 rbi) con seconda e terza occupate, sblocca subito il risultato. A quel punto la partita è in discesa per le ragazze di Calixto Miyar, che infliggono alla straniera del Parma, Beatriz Parejo Alonso, la quinta sconfitta stagionale. Il punto del 3-0 arriva al secondo inning grazie a un errore, quello del 4-0 al terzo con una volata di sacrificio di Gianferro e infine il quinto punto arriva alla ripresa numero 6: decisive due palle mancate che consentono a Brolli di correre sulle basi.

Un po’ a sorpresa, con Susanna Mancini in pedana, ad affrontare Beatrice Del Rio, il Caserta vince 7-6gara 1 in casa del Labadini Collecchio. Si può, senza ombra di smentita, parlare della sagra dell’errore, ben 8 (5 Collecchio, 3 Caserta) contro le 11 valide (6 Caserta, 5 Collecchio). Non è certo una partita particolarmente spettacolare. Caserta macina punti, sfruttando i molti ball lanciati prima da Del Rio poi da Ablondi e gli errori e si porta addirittura avanti 5-0. La rimonta del Collecchio, che prova la reazione anche grazie ai fuoricampo di Roth (da 1) e Zerbini (da 3), inizia troppo tardi e il finale dice quarta vittoria stagionale della squadra allenata da Armando Aguiar.

Dal tentativo di rimonta abortito ilLabadini riesce a prendere le forze per dominare e vincere gara 2. Lo fa soprattutto Madison Holub, che all’andata era stata capace di lanciare una perfect game. Questa volta non riesce nell’impresa, ma trascina letteralmente la propria squadra alla vittoria. Una sola valida concessa all’attacco del Caserta, 20strike-out  e, all’ultimo respiro, nell’ultima ripresa il triplo, lungo la linea di foul di destra, che spinge a casa il punto della vittoria 1-0, segnato da Elena Chiesa. Ancora una volta la ventiquattrenne del Kansas tiene a galla la squadra di Longagnani, ma dimostra specialmente di essere una fuoriclasse.

Foto Gatti/Oldmanagenzy

1 Commento Unisciti anche tu alla conversazione!

  1. Livio 11 maggio 2014 at 13:45 -

    Senza nulla togliere alle due vittorie del La Loggia sul Caronno ,entrambe vittorie meritate da parte di una squadra oggettivamente più forte ed esperta contro una squadra composta da giovanissime al primo impatto con la serie maggiore,sarebbe utile da parte del vostro sito di dare informazioni corrette che permettano a chi legge almeno di farsi una idea dell’andamento delle partite.
    Nella prima partita il Caronno ha dovuto rinunciare al suo primo lanciatore,Debora Moretto,che nella partita di andata non aveva fatto vedere pallina alle pur brave giocatrici avversarie, che infatti, avevano perso gara 1.
    Nella seconda partita il punto della vittoria è stato ottenuto grazie ad un macroscopico errore della difesa caronnese ( neanche citato in cronaca) che ha sbloccato ,al 7°inning, un incontro sino al quel momento dominato dalle lanciatrici. State svolgendo un lavoro benemerito, fatelo con correttezza evitando commenti di parte, da qualunque parte.