Sandy Patrone:”Fisico e morale al 100%”

Pubblicato il Apr 16 2014 - 6:10pm by SDrudi

L’assenza forzata per infortunio di Roberto Corradini ha rilanciato nel ruolo di partente nei Pirati di Rimini Sandy Patrone.

E’ passato qualche tempo dall’ultima volta che sei stato impiegato come pitcher partente, che sensazioni hai provato Sabato scorso?

Beh, mi sono trovato molto bene visto che durante la mia carriera ho sempre fatto il partente. Peccato per il risultato finale potevamo vincerla, penso di aver fatto un buon lavoro sul monte. Sono sempre a disposizione dello staff tecnico e della squadra per me è indifferente fare il partente, il rilievo o il closer.

Hai lanciato 5 riprese di buona qualità (2 valide concesse) contro un avversario di valore come il Parma, soddisfatto della tua prestazione?

Si, sono contento della mia prova. In una partita di baseball bisogna sempre cercare di fare al meglio tutte le fasi di gioco. Gioco in una squadra forte quindi è normale avere grandi aspettative. Mi sono gestito bene sotto l’aspetto fisico e tecnico cercando di non strafare. Dopo l’intervento chirurgico al gomito che subì nell’inverno tra il 2011 e il 2012 è il primo anno che mi sento tornato fisicamente e moralmente al 100%, oltre ad avere lavorato molto sulla meccanica.

Come valuti queste prime 4 partite ufficiali della stagione? Siete preoccupati per questi due pareggi consecutivi? Che umore si respira nello spogliatoio?

Non siamo preoccupati, certo pensavamo sicuramente di far meglio ed ottenere qualche vittoria in più, ma siamo appena all’inizio del campionato. Sono sicuro che dalle prossime partite aumenteremo il ritmo e l’intensità di gioco e vedremo un Rimini diverso.

Visto che sei un veterano dell’Ibl come vedi quest’inizio di stagione? Alla faccia di chi diceva che i due gironi erano scontati? Sei sorpreso dai risultati conseguiti delle altre favorite?

E’ vero c’è stata qualche sorpresa nelle prime partite, questo dimostra che il livello di gioco è buono e appena le cosiddette grandi abbassano la guardia le avversarie sono pronte a farti male. Il Nettuno B.C. ha dimostrato di essere competitivo dimostrando la solita cattiveria agonistica, delle altre mi ha impressionato il Padova, perché ha buoni giocatori in tutti i reparti.

Quali sono i tuoi obiettivi personali? La squadra può raggiungere il massimo degli obiettivi? Come si sono inseriti i nuovi giocatori?

Io come ho detto in precedenza penso solo al bene della squadra, voglio vincere e raggiungere i massimi traguardi insieme ai miei compagni. Suoi nuovi acquisti devo dire che Ekstrom è un ragazzo eccezionale oltre ad essere un grande lanciatore, Salazar sembra che sia qui da sempre, mentre gli altri li conoscevamo già. Siamo un gruppo unito e speriamo di poter dare a tutti delle soddisfazioni, visto che qui non si vince qualcosa d’importante da diversi anni.