Puntualizzazioni di Ezio Cardea sul precedente articolo.

Pubblicato il Set 20 2017 - 2:12pm by Ezio Cardea

L’articolo “LE  “OTTO SORELLE” TRATTANO LA RESA! è provocatorio?

 

Certo, ma non perché si acuisca il contrasto in atto tra IBL e Dirigenza Federale, ma solo perché emerga con tutta evidenza quanto sia surreale questo scontro tra titani dal quale chiunque esca vincitore avrà perso qualcosa.

 

Ed è appunto questo che vorrei si evitasse, con un bel punto e a capo: i “contendenti” ricomincino daccapo e portino avanti i loro punti di vista nell’incontro di domenica prossima e non temano che la riunione possa assomigliare ad un’assemblea condominiale nella quale solitamente ci si accapiglia!  Il rischio potrebbe esserci, ma non credo convenga a nessuno degli intervenuti.

 

Con quell’articolo ho soprattutto voluto prevenire la tentazione di una parte o dell’altra di strumentalizzare l’incontro di domani, cosa che comprometterebbe il buon esito della riunione del 24 che dovrà, invece, sancire l’avvio di una nuova collaborazione che ha per obiettivo il bene del movimento.

 

Il Patron del Novara, Signor Pillisio, mi ha telefonato per esprimermi il suo vivo disappunto per quanto ho scritto. Nel comunque rispettoso e signorile colloquio sono emersi non pochi punti di vista sicuramente conciliabili con gli intenti della nuova dirigenza federale che, come ho annotato in altra occasione, mira a dare più attenzione e più valore a tutti indistintamente i Club, e a rafforzare i veri valori sportivi.

 

Proprio quello che il predetto esponente della società novarese sta facendo in quel territorio, come ho raccontato nell’articolo di cui al seguente link http://www.baseballmania.eu/notizie/news/una-piacevole-serata-allo-stadio-provini/, nel quale ho apprezzato il suo lavoro che lo pone tra quei dirigenti societari che definisco “virtuosi”.

 

Presi singolarmente i vari dirigenti delle societò di IBL, è evidente che il giudizio vari a seconda che il loro comportamento assomigli o meno a quello di Pillisio, ma ovviamente quando ci riferisce ad IBL non si può non generalizzare.

 

Nulla di personale, quindi, e anzi, il colloquio telefonico odierno mi induce a confermare la positiva impressione nei suoi confronti e nella sua attività di valorizzazione dei giovani in tutto il territorio novarese e oltre.

 

Domani, pertanto, nessun vincitore e nessun proclama: Il dialogo aveva preso una brutta piega e si era interrotto? Beh, capita anche nelle migliori famiglie. Domani stringetevi la mano e fate ripartire un dialogo costruttivo per il bene di tutto il movimento.

 

E’ questo che si aspetta il mondo del baseball.

 

WordPress Author Box
Ezio Cardea

Nato a Milano il 9/12/1936, ha svolto attività come giocatore e come tecnico dal 1948 al 1980 partecipando ai campionati di prima serie dal ’55 al ’72, quasi sempre in società milanesi. Abbandonato il campo per impegni di lavoro, ha continuato a collaborare saltuariamente con società milanesi in supporto alle squadre giovanili e all'attività presso le scuole. A contato col baseball praticamente dal dopoguerra ai nostri giorni, ne conosce la sua evoluzione e ne ha evidenziato fin dal 1980 le criticità: prima fra tutte, a suo avviso, quella creatasi a causa della tendenza delle varie amministrazioni federali a potenziare il livello del campionato di punta fino a creare una frattura col resto del movimento, frattura insormontabile se non con l’'ingaggio di una forte percentuale di atleti d’oltre oceano.

4 Commenti Unisciti anche tu alla conversazione!

  1. Giorgio 20 settembre 2017 at 17:01 -

    Infatti parlare di “otto sorelle” mi pare poco ortodosso, di sorelle hanno ben poco a parte il fatto di militare nello stesso campionato. A parte le solite due/tre tutte le altre hanno problemi economici che di anno in anno rischiano di farle sparire dalla prima serie o inventarsi fusioni, cambi di ragione sociale, dilazioni dei debiti e così via…..

  2. alby66 21 settembre 2017 at 07:56 -

    qualcuno mi faccia i nomi di società di a federale veramente interessate alla rivoluzione voluta dal presidente marcon…..almeno che abbia le strutture per farlo….non come imola….secondo me spunta poca roba….saluti…

  3. armando 21 settembre 2017 at 10:26 -

    Penso che la Federazione, se ha questo progetto, abbia contattato le società di A per sapere se erano interessate.
    Avanzo l’ipotesi di Città di Nettuno, Castenaso, B.P. Ronchi dei L., J.R. Grosseto, Fiorentina.

    • alby66 21 settembre 2017 at 14:29 -

      armando erano gli stessi nomi che pensavo io…ronchi ha sempre detto di si e poi….nulla….Grosseto è una grande incognita…e se spuntasse paternò e qualcuno della lombardia?ipotesi fattibile??