Gara 2 rinviata a causa del maltempo. Si recupera domani con inizio alle ore 12,00

Pubblicato il Apr 18 2015 - 6:45pm by Flavio Orati

Tutto secondo copione. Dopo una splendida prima partita – anche se non soddisfacente appieno per diverse manifestazioni di ingenuità – che ha visto i padroni di casa del Tommasin superare il Nettuno per 4 a zero, a nulla sono serviti i riti propiziatori di oggi che ciascuno fa scaramanticamente per proprio conto indirizzati al Dio del Baseball proprio per scacciare una pioggia lungamente annunciata e che ha trasformato le aree di posizione che gli atleti prendono per coprire le basi, oltre all’interbase,  in pozzanghere più o meno allargate nel diamante del Plebiscito a Padova. Così dopo un’attesa classica che vede scrutare la porta degli spogliatoti del triumvirato degli umpires, verso le 19 e 30 si era deciso con i manager di entrambe le squadre, decidere inequivocabilmente di rimandare tutto a domani auspicando che l’incessante fitta pioggia quasi invernale, prenda la notte di pausa. Questa la condizione per trovarci all’indomani mattina con la speranza che il diamante non sia diventato nel frattempo una fanghiglia incapace di mantenere salda la presa degli spikes e consentire il gioco proprio per evitare agli atleti di entrambi i roster di incrementare la lista delle rispettive infermerie. A proposito, l’interbase professionista del Nettuno , Luis Nunez è stato dimesso dall’ospedale di Padova per eseguire degli approfonditi accertamenti al ginocchio già liberato dal liquido dovuto al trauma e gli auguriamo quindi tutti una pronta guarigione. Tutti gli altri saranno chiamati a iniziare la partita per la seconda fase della quarta giornata – nonostante sia tornata una media temperature di nuovo rigida attorno agli 8/10 gradi – alle ore 12, mentre saranno in campo a controllare già dalle 9 e trenta per interpretare la praticabilità del terreno di gioco. Tutto rimandato a domani a mezzogiorno, che non sarà un mezzogiorno di fuoco, ma di baseball.

Nella foto di copertina il capitano del Nettuno Alessandro Paoletti con i nettunesi del Padova, Lello Medoro e Luca Martone. Foto di Flavio Orati

WordPress Author Box
Flavio Orati

Flavio Orati sulla soglia dei sessanta - Padova 4/10/55 - ho iniziato come tutti con gli allievi nell'Arcella Padova-baseball che avevo 8 anni. Poi juniores,e la serie C con la squadra dell'oratorio che ci ha accompagnato per molti campionati da eterni secondi in competizione perenne con Verona, storica scuola di riferimento per noi veneti dell'epoca,riuscendo a conquistare in un lontanissimo campionato la possibilità di fare un torneo per passare alla serie maggiore. la gestione ecclesiastica della squadra - i frati di S.Antonio - ha rinunciato alla partecipazione facendo sfumare il nostro sogno rincorso per anni. Sciolta la squadra, abbiamo costruito con le nostre mani in tempo record un campo per farci disputare il campionato autotassandoci - erano tempi duri ma ricchi di solidarietà - tanto che siamo riusciti a creare una società ex novo e disputare almeno tre campionati di C. Nel frattempo uno sponsor quasi vero Bellamio, ha preso in mano il futuro della squadra con molti dissensi che hanno fatto migrare alcuni di noi verso l'altra storica compagine padovana: quella del CUS Padova.Intanto con l'età crescevano anche gli impegni e il nostro baseball spartano e universitario nonostante i campionati di B doveva lasciare il posto alla vita ma fino ai quarant'anni non ho abbandonato se non con qualche rara sosta, la frequentazione dei diamanti. Ed ecco che tornato a Padova ho ripreso a seguire la squadra nella sua performance stupenda della vittoria del campionato A federale e contestualmente anche della coppa Italia: un team che meritava sacrifici ulteriori nonostante la mia BPCO (broncopatia cronica ostruttiva) che non mi fa più respirare tanto bene. Eccomi qua che provo ad interpretare il baseball per le colonne on line di Baseballmania..... secondo la mia pluridecennale esperienza iniziata da esterno centro con l'erba che era più alta di me, per poi giocare in seconda e poi interbase, ma all'occorrenza ho ricoperto tutti i ruoli!!

1 Commento Unisciti anche tu alla conversazione!

  1. derek jeter 19 aprile 2015 at 09:15 -

    Caro Fortini riportiamoli tutti a casa questi ragazzi …. comunque bella realtà il Padova complimenti