Uniche imbattute della prima settimana di campionato. Già tante emozioni a inizio stagione

Pubblicato il apr 14 2015 - 12:46pm by Simone Bacio
E’ passata solo una settimana dalla prima partita di campionato ed è sicuramente presto per dare giudizi e fare pronostici attendibili dopo sole 6 o 7 partite giocate da ogni squadra. Però c’è già qualcuno che prova a fare la voce grossa e cerca di guadagnarsi da subito la testa della classifica in maniera importante. Delle 30 squadre, solo i Detroit Tigers e i KC Royals sono a punteggio pieno, entrambe con 6 partite giocate e un record di 6 vittorie e 0 sconfitte. Curiosamente le due squadre giocano entrambe nella American League Central. E se queste continueranno di questo passo lasceranno proprio poco spazio alle altre rivali, considerando che le altre tre squadre inseguono a 4 partite di distanza dopo una sola settimana di gioco.
L’unica altra Division dove sembra che una squadra possa imporsi da subito è la National League East dove gli  Atlanta Braves guidano la classifica con 5 vittorie e 1 sconfitta nelle prime 6 partite.
In tutte le altre Division regna l’equilibrio, con le squadre racchiuse in 2 o 3 partite di distanza.
Ma di certo, anche se era solo la prima settimana di gioco, non sono mancate le emozioni su tutti i campi. A dare il via alla nuova stagione ci ha pensato Sonny Gray, lanciatore degli Oakland A’s: il partente ha lanciato una No-Hit per 7 riprese consecutive, concedendo una sola valida al primo uomo affrontato nell’ottava ripresa. Gli A’s hanno vinto la prima partita dell’anno con il risultato di 8-0, con i Texas Rangers capaci di mettere a segno solo quella valida.
Pochi giorni dopo un’impresa simile è riuscita agli Indians: questa volta non è stato un solo il partente ma 4 diversi lanciatori della rotazione di Cleveland. Bauer (6 riprese lanciate), CrocketAtchinson hanno lanciato 8 riprese senza concedere una sola valida dagli Huston Astros padroni di casa. Alla 9ª ripresa il rilievo Hagadone lascia al piatto il primo uomo dell’inning, ma al battitore successivo subisce la prima e unica valida valida per gli Astros: un fuoricampo di Jed Lowrie, fissando il risultato finale sul 5-1 in favore degli indiani.
Parlando di risultati stabiliti da una squadra, i Cincinnati Reds hanno eguagliato un record risalente al 1912: sono riusciti a vincere le prime 4 partite dell’anno sempre all’ultimo attacco. Alla prima di campionato i Reds hanno vinto segnando 3 punti all’ottava ripresa, dopo che la partita era stata pareggiata, sempre all’8º dai Pirates sul 2-2. Nella seconda partita, Joey Votto ha battuto a casa il punto della vittoria all’11ª ripresa con 2 out; nella terza partita Cincinnati ha vinto 3-2 con un errore dell’Esterno Destro alla nona ripresa che ha permesso a Frazier di segnare dalla seconda base il punto della vittoria. Nella 4ª partita Frazier ha spinto a casa Hamilton con una volata di sacrificio per il punto del 5-4 all’8ª ripresa. Due giocatori in evidenza in queste 4 partite: il closer dei Reds, Aroldis Chapman, ha ottenuto 1 Vittoria e 2 Salvezze. L’unica partita che non lo ha visto protagonista è stata la seconda dove ha lanciato la 9ª ripresa della partita, finita poi agli Extra-Inning. L’Esterno Centro, Billy Hamilton, ha invece eguagliato il record di basi rubate nelle prime 4 partite della stagione, rubando 7 basi.
Strano invece parlare della durata di una partita di baseball. Ma di fronte a queste occasioni è doveroso citare la partita tra Boston Red Sox e New York Yankees del 10 Aprile: ci sono volute 6 ore e 49 minuti per giocare 19 riprese e determinare un vincitore. I Red Sox hanno vinto 6-5 con una volata di sacrificio dopo che gli Yankees erano in svantaggio e hanno pareggiato alla 9ª, 16ª e 18ª ripresa. Per gli amanti delle statistiche, questa è la partita più lunga giocata finora nel nuovo Yankee Stadium.
Per parlare nuovamente record personali c’è da segnalare la prestazione di Adrian Gonzalez, Prima Base dei Dodgers: contro la sua ex-squadra, i Padres, ha infatti battuto 3 fuoricampi in una sola partita, e un totale di 5 fuoricampo nelle tre partite della serie. Gonzalez ha chiuso la serie battendo .769 (10 valide su 13 turni). Niente male come inizio di campionato!
Il lanciatore dei Toronto Blue JaysMark Buherle, nella vittoria della sua squadra per 12-5 contro gli Orioles, ha registrato la sua 200ª vittoria in carriera.
Volendo invece sorridere guardando i nostri giocatori preferiti e quello che gira attorno al mondo del baseball ecco che il nuovo rookie degli Oakland A’s, Mark Canha, ha risposto alla sua prima intervista da professionista citando quasi alla lettera una delle famosi frasi fatte che il veterano Crash Davis (interpretato da Kevin Costner) insegnava al nuovo rookie “Nuke” LaLoosh (Tim Robbins) nel celebre film del 1988 “Bull Durham”. La nuova giovane stella di Oakland, dopo una prestazione da 3 su 5 al piatto e 4 Punti Battuti a Casa, ha candidamente risposto ad un’intervista dicendo: “Sono qui per aiutare la squadra e cerco di dare il meglio di me stesso. Con l’aiuto di Dio tutto andrà per il meglio”.
Canha, il giorno seguente, ha candidamente ammesso che, si, effettivamente in quel film c’era qualche buon consiglio. E se li è tenuti per il momento giusto.
Questa è stata solo una piccola parte di quello che è successo nella prima settimana di gioco. Se questo è l’inizio, sembra proprio l’alba di una stagione davvero divertente.
WordPress Author Box
Simone Bacio

Milanese, nonostante la carta di identità reciti 1974 come anno di nascita sono ancora un giocatore di baseball, da più di 30 anni. Ancora mi diverto a battere la palla e difendere il sacchetto di Prima Base. Appassionato di sport sono un tifoso interista (poche grandi gioie e interminabili sofferenze). Amo la musica in generale con una preferenza per il rock e la grande passione per gli U2. Seguo da molto vicino la tecnologia e adoro perdermi nel mondo di Hyrule, giocando alla serie “La Leggenda di Zelda" Seguo da vicino il baseball americano grazie al tifo sfegatato per i Los Angeles Dodgers e alle 4 leghe di Fanta-baseball che ogni giorno (meglio dire notte) seguo.