Samurai giapponesi conquistano l’ENEOS Japan-Series! Sconfitta la selezione “aussie”

Pubblicato il Mar 4 2018 - 7:43pm by Filippo Coppola

I Samurai giapponesi hanno ben sconfitto ieri e oggi la nazionale australiana, con due match vinti con SHO e quindi si aggiudicano questo torneo asiatico in vista dell’inizio di stagione.
Di fatto il monte di lancio dei nipponici è più efficace e in forma di quello australiano e quindi gli asiatici vincono due gare senza affidarsi tanto dal box di battuta.
La selezione giapponese opta per tre partenti nei primi sei inning in entrambe le partite, con condizione fisica ottima per loro e spiccano tra tutti Kodai Senga (Hawks), Takahiro Norimoto (Golden Eagles), Kazuto Taguchi (Giants) e Shota Imanaga (BayStars), che hanno ben figurato nei 2.0 IP effettuati, quando chiamati in causa. Invece dal box di battuta emerge il lead-off giapponese, Shogo Akiyama (Lions), che termina la serie con 6/10 e anche oggi è stato uno dei protagonisti del successo per i suoi.
D’altro canto la selezione dell’Australia non è riuscita ad esprimere alcunché dal box di battuta ed esce da queste due gare contro i giapponesi, senza aver siglato nessun punto e questa selezione è rappresentata da giocatori che hanno partecipato nell’ABL e quindi campionato di winter league. Al contrario dei giapponesi, che hanno preparazione fisica ripresa da massimo un mese, per via dell’inizio degli Spring-training per la NPB.

 

GARA 1

1 2 3 4 5 6 7 8 9 R H E
Australia 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 4 0
Giappone 0 0 0 0 0 2 0 0 x 2 6 2

Nagoya Dome (sp. 33748, dur.:3:08).
W: Nao Higashihama;
L: Steve Kent;
SV: Yasuaki Yamasaki.

Il partente giapponese, Kodai Senga (Hawks) domina il line-up avversario nei 2.0 IP chiamato a lanciare ottenendo ben 6 K di fila. Nella parte bassa del 2° inn. sono i giapponesi a battere per primi valide, contro lo starter dell’Australia, Travis Blackley, con due singoli di fila di Hideto Asamura (Lions) e Shuta Tonosaki
(Lions). Il pitcher però è abile a non subire nulla più e chiude le porte all’attacco di casa, con anche pick-off inflitto ad Asamura in 1B.
Al cambio di campo il line-up australiano tenta di mettere in difficoltà il lanciatore giapponese Shota Imanaga
(BayStars), con arrivo salvo in base con errore difensivo di Logan Wade e singolo di Robbie Glendinning. Il pitcher però reagisce bene ed elimina i successivi tre battitori affrontati, togliendo così le castagne dal fuoco.
Il match prosegue con sostanziale equilibrio con nulla di fatto e i battitori nipponici riescono a sbloccare
il parziale nel corso del 6° inn., quando il rilievo Steve Kent concede una BB da lead-off a Shogo Akiyama (Lions), poi dopo il primo out (bunt di Ryosuke Kikuchi) arriva il singolo-rbi di Yuki Yanagita (Hawks), che porta così il Giappone sull’1-0. Arriva il turno alla battuta di Yoshitomo Tsutsugo (BayStars) che fissa il punteggio sul 2-0 con doppio-rbi!
Dopo due riprese i nipponici tentano di allungare nel parziale, dove con nessun eliminato, il rilievo australiano Todd Van Steensel, concede una BB a Yanagita e poi subisce un doppio da Yanagita, ma poi il line-up giapponese non riesce a capitalizzare.
Giunge il 9° inn. e sale sul monte di lancio come closer Yasuaki Yamasaki (BayStars), che in dieci lanci ottiene i tre out per chiudere ripresa e match in favore dei Samurai giapponesi.

 

GARA 2

1 2 3 4 5 6 7 8 9 R H E
Giappone 1 2 0 1 0 2 0 0 0 6 9 0
Australia 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 3 3

Osaka Dome (sp. 27951, dur.:3:02).
W: Takahiro Norimoto;
L: Tim Atherton.

Il line-ip giapponese riesce a sbloccare la gara già al 1° inn., quando arriva il singolo-rbi di Seiji Uebayashi (Hawks), contro lo starter australiano, Tim Atherton.
Questo subisce ancora i battitori giapponesi nell’inn. successivo, con rbi arrivati dalle mazze di Shogo Akiyama (Lions) e Go Matsumoto (Fighters).
Forte di questo vantaggio inizia molto bene il partente dei nipponici, Takahiro Norimoto (Golden Eagles), che infligge ben 5 K nei 2.0 Ip di lavoro, subendo solo un doppio da Boss Moanaroa.
Al 4° inn. Matsumoto allunga ancora per i suoi colpendo l’rbi del 4-0, facendo subire un altro punto ad Atherton e in questa ripresa entra poi il rilievo australiano Steve Kent, mentre dal monte di lancio per i giapponesi ben gestiva Kazuto Taguchi (Giants).
Dopo altre due riprese il Giappone riesce a marcare altri due punti, colpendo Kent con un out, dove arriva il doppio di Kenta Imamiya (Hawks), che sigla il punto del 5-0 con il triplo-rbi di Akiyama. Il successivo singolo-rbi di Matsumoto porta il parziale sul 6-0 e raggiunto questo vantaggio il match prosegue senza ulteriori emozioni offensive.
Sarà dunque questo il risultato finale dell’incontro, con chiusura effettuata dal rilievo Yuki Matsui (Golden Eagles), che trova i tre out necessari per chiudere ripresa e gara dopo aver subito un doppio da Trent D’Antonio.

WordPress Author Box
Filippo Coppola

Nato a Scafati (SA) nel febbraio del 1986, vive alle falde del Vesuvio, precisamente a Boscotrecase (NA). Laureato prima alla triennale e poi alla magistrale specialistica in Ingegneria Navale alla Federico II di Napoli, appassionato da molti anni al baseball. Passione cresciuta di anno in anno, soprattutto di quello dell'estremo Oriente, in particolare quello giapponese e campionati asiatici (oltre a quello nostrano e Americano MLB), che segue con assiduità. E' tifoso dei Cincinnati Reds della NL in MLB, team storico di questo sport e che segue da quando ho scoperto il baseball. Invece per i team asiatici, non ho alcuna preferenza in assoluto, essendo appassionato di tutti. Ha per come hobby la vela, lo sport in genere e seguire il calcio Napoli, inoltre preferisce analizzare dati statistici e i numeri del baseball, sport dipendente da quest'ultimi, e alla ricerca e scoperta della sabermetrica, ovvero l'analisi del baseball attraverso le statistiche.

Like us on Facebook
on Facebook
Filippo Coppola