Prime fughe importanti in MLB

Pubblicato il Giu 12 2019 - 10:56am by Simone Bacio
Mancano meno di 100 partite alla fine della Regular Season di Major League, ma sembra che ci siano le prime importanti fughe in almeno tre division. E’ sicuramente presto per definire i giochi già decisi, dopo poco più di un terzo di campionato, ma alcune leader di classifica hanno trovato il ritmo giusto per lasciare indietro le avversarie.
L’American League East rappresenta una delle poche division difficili da decifrare fino a questo punto: guidano questa classifica i NY Yankees e i Tampa Bay Rays, entrambe con un record di 40 vittorie e 24 sconfitte. I Boston Red Sox si trovano a 7 partite dalla coppia di testa ma gli attuali Campioni in carica non si arrenderanno dopo un inizio di stagione piuttosto difficoltoso. Chiudono lontanissime i Toronto Blue Jays a 17,5 partite e i Baltimore Orioles a 20,5 partite.
La AL Central è invece una di quelle division dove la leader ha un vantaggio importante: i Minnesota Twins (43 vinte-21 perse) è già staccata di 10,5 partite sui Cleveland Indians e di 12 partite sui Chicago White Sox. Un distacco che sembra già incolmabile per le ultime due franchigie: 18 partite per i Detroit Tigers e 23,5 partite per i KC Royals.
Ancora distanze marcate nella AL West con gli Huston Astros (45 vittorie-22 sconfitte) che staccano i Texas Rangers, ora a 9,5 partite nonostante le 7 vittorie nelle ultime 10 partite. Ancora più ampio il distacco con le altre inseguitrici:  Oakland A’s sono a 11,5 partite, i LA Angels sono a 13,5 partite e chiudono i Seattle Mariners a 18 partite.
In due division della National League troviamo più equilibrio, mentre una sembra già decisa.
Nella NL East troviamo in testa i Philadelphia Phillies con 37 partite vinte e 28 perse, ma gli Atlanta Braves sono staccati di 1 sola partita. Ancora vicini e pronti a riprendere la testa troviamo i NY Mets a 5 partite e i Washington Nationals a 7 partite. Più staccati, con 13 partite di ritardo, chiudono la classifica i Miami Marlins.
Ancora più equilibrata la NL Central: i Chicago Cubs e i Milwaukee Brewers guidano con il record di 37 vittorie e 27 sconfitte mentre le inseguitrici sono ancora vicine: i StL Cardinals (5,5 partite), Pittsburg Pirates (7 partite) e Cincinnati Reds (8 partite) sono ad una distanza che di certo non le esclude ancora dalla lotta per la vetta di questa classifica.
La NL West sta vivendo la fuga da parte dei LA Dodgers che con le sue 45 vittorie e 21 sconfitte è al momento la squadra con il record migliore delle MLB. Tutte le inseguitrici hanno un ritardo di almeno 10 partite: i Colorado Rockies e gli Arizona D’Backs sono a 11 partite, i SD Padres sono a 12 partite e ultimi troviamo i SF Giants a 18 partite dalla testa.
I migliori giocatori della settimana sono stati Marcus Semien (Oakland A’s) per l’American League e Jay Bruce( Philadelphia Phillies) per la National League.
Per l’interbase della squadra californiana la settimana si è chiusa con una Media Battuta di .419 (13 su 31) con 7 Punti Segnati, 2 Home Run e 9 Punti Battuti a Casa. Da notare che Semien, al suo primo titolo come “giocatore della settimana”, ha battuta almeno una valida in tutte le 7 partite giocate durante la scorsa settimana.
Per Bruce, alla sua prima settimana con i Phillies, ha invece battuto .381 (8 su 21) con 6 Punti Segnati, 4 Fuoricampo e 11 Punti Battuti a Casa. Per lui questo è il 6° titolo in carriera come Player of the Week.
E anche questa settimana gli Home Run sono protagonisti, questa volta grazie ai Washington Nationals. Durante la partita contro i Padres di domenica scorsa , durante l’8ª ripresa, la squadra di Washington ha battuto ben 4 Home Run consecutivi grazie a Kendrick, Turner, Eaton e Rendon. Nella storia delle Major League solo 9 volte una squadra ha battuto 4 Home Run consecutivi, e i Nationals sono l’unica squadra della storia ad averlo fatto per ben 2 volte.
Sembra che questo 2019 sia proprio un anno legato alla battuta più spettacolare che possiamo trovare.


Segui live la MLB su DAZN. Attiva subito il tuo mese gratis

WordPress Author Box
Simone Bacio

Milanese, nonostante la carta di identità reciti 1974 come anno di nascita sono ancora un giocatore di baseball, da più di 30 anni. Ancora mi diverto a battere la palla e difendere il sacchetto di Prima Base. Appassionato di sport sono un tifoso interista (poche grandi gioie e interminabili sofferenze). Amo la musica in generale con una preferenza per il rock e la grande passione per gli U2. Seguo da molto vicino la tecnologia e adoro perdermi nel mondo di Hyrule, giocando alla serie “La Leggenda di Zelda" Seguo da vicino il baseball americano grazie al tifo sfegatato per i Los Angeles Dodgers e alle 4 leghe di Fanta-baseball che ogni giorno (meglio dire notte) seguo.

1 Commento Unisciti anche tu alla conversazione!

  1. Daitarn 15 giugno 2019 at 00:49 -

    Gli Yankees hanno 20 sluggers piu’ o meno,non riescono nemmeno a farli giocare tutti,ma alla fine,quando conta,il monte crolla,con il ciccione alcolizzato e il giapponesino che fa quel che puo’,perche’ non prendono dei pitchers dominanti,eppur di soldi ne hanno…