NPB(CL)-Climax Series St1 g3: Lopez e Wieland trascinano i BayStars al successo! Eliminati i Tigers!

Pubblicato il Ott 17 2017 - 6:12pm by Filippo Coppola

Climax Series Stage 1, Gara 3, Central League

Gara disputata al Koshien Stadium di Nishinomiya, pref. di Hyogo. Match cominciato alle 18.00 locali (11:00 in Italia) e durato 3 ore e 10 minuti, davanti a 46319 spettatori con i seguenti arbitri = HP: Manabe, 1B: Fukuya, 2B: Hara, 3B: Tsuchiyama, LF: Yoshimoto, RF: Kasahara.

Hanshin Tigers  – Yokohama DeNA BayStars  1 – 6  (serie 1 – 2).

Gli YOKOHAMA DeNA BAYSTARS  accedono al 2°  STAGE

 

Per il secondo anno consecutivo si qualificano i BayStars al 2° Stage delle Climax-Series di questa Lega, vincendo come la stagione 2016 per 2-1, da terzi in classifica, quindi giocando sempre in trasferta. L’anno corso furono i Giants ad essere eliminati a domicilio, mentre quest’anno sono i Tigers ed in entrambe le Leghe passano il turno le terze classificate in graduatoria e addirittura in rimonta, dopo aver perso gara 1.
Ora se le vedranno ancora una volta coi Carp al 2° Stage e come la passata stagione con serie che si giocherà al Mazda Stadium di Hiroshima e finì per i primi classificati per 4-1.
I padroni di casa, nonostante in RS hanno sconfitto il team di Yokohama con record 14-10-1, in queste tre gare hanno sofferto non poco dal box di battuta, risultando poco incisivi.
I BayStars già al 1° inn. mettono a referto ben tre punti, con rbi siglati da Jose Lopez (.301 e 30 HR) e il ricevitore Hiroki Minei (.248 e 3 HR), con singolo da due punti a basi piene, colpendo a freddo il partente dei Tigers, il mancino esperto Atsushi Nohmi (6-6, 3.72).
Gli ospiti poi dilagano al 4° inn., quando arriva il singolo-rbi di Takayuki Kajitani (.243 e 21 HR) e il fuoricampo da due punti di Lopez, che fissava il parziale sul 6-0 e match in cassaforte. Il line-up dei Tigers anche oggi in difficoltà e soffriva contro i lanci del partente ospite, Joe Wieland (10-2, 2.98), che teneva a bada gli avversari. I padroni di casa solo al 6° inn. riescono poi a colpirlo, tentando di riaprire il match, con singolo-rbi del rookie Yusuke Oyama (.237 e 7 HR), che porta il parziale sul 6-1, che sarà quindi il risultato finale della partita.
In definitiva l’attacco dei BayStars si è ben svegliato in gara 2 e ha proseguito la sua opera oggi in gara 3, battendo dieci valide, rispetto alle otto dei Tigers, concretizzando quindi molto di più e in totale nei tre match ha conclusa la serie con AVG .318, mentre gli eliminati con AVG .263.
Di fatto il line-up ospite oggi ha battuto in RISP con 4/10, piazzato il lead-off in base in quattro riprese nelle nove giocate e ha lasciato tra le basi sette corridori. Invece i battitori di casa oggi hanno battuto in RISP con 1/7, messo il lead-off in base in tre occasioni, nelle nove giocate e lasciato anche loro sette corridori tra le basi.
Quindi i Tigers anche quest’anno vengono eliminati al 1° Stage e nella loro storia sono riusciti ad accedere al 2° Stage solo nel 2014, battendo i Carp per 1-0-1, nelle sette volte che vi hanno partecipato, mentre i BayStars due volte hanno giocato al 1° Stage e due volte da terzi classificati si qualificano al 1° Stage. In totale nella storia delle Climax-Series è la quarta volta che accade che terze qualificate accedono nello stesso anno al 2° Stage, come Dragons e Fighters nel 2008, Giants e Marines nel 2010, Carp e Marines nel 2013 e quest’anno quindi BayStars e Golden Eagles.

 

Ecco il ruolino completo di line-up di gara 3 :

 

Ecco le stats dei lanciatori:

Note di cronaca.

Gli ospiti passano subito a condurre nella parte alta del 1° inn., dove contro il partente di casa, il mancino Atsushi Nohmi, il lead-off dei BayStars, Masayuki Kuwahara si guadagna una BB, poi arriva il singolo di Takayuki
Kajitani, creando occasioni con corridori agli angoli. Si presenta nel box di battuta Jose Lopez, che nello sfidare il partente dei Tigers batte il singolo-rbi dell’1-0 per i BayStars e la successiva BB concessa a Yoshitomo Tsutsugo riempie le basi. Toshiro Miyazaki batte in diamante e produce il primo eliminato della ripresa, con corridore più avanzato out a casa-base, poi è il turno del catcher Hiroki Minei che batte un singolo da due rbi, che porta così i suoi sul 3-0 e per terminare la ripresa il manager di casa si affida al rilievo Tsuyoshi Ishizaki, che trova gli altri due out, lanciando con basi cariche, dato che era arrivato anche il singolo Tatsuhiro Shibata.
Al 2° inn. i padroni di casa riescono a battere la prima valida dell’incontro, contro il partente ospite, Joe Wieland, con singolo interno realizzato da Takashi Toritani,nella situazione di un out, ma il pitcher è abile a chiudere indenne la ripresa, facendo battere in doppio-gioco il battitore successivo, ossia Yamato Maeda, per la via 4-6-3.
I BayStars al 4° inn. allungano nel punteggio, dove contro il pitcher di casa, Suguru Iwazaki, arriva il doppio da lead-off di Toshihiko Kuramoto, che avanza di una base per il bunt di sacrificio di Kuwahara. Si presenta nel box di battuta Kajitani, che batte il singolo-rbi del 4-0 per gli ospiti e Iwazaki va in crisi nell’affrontare il battitore seguente, Jose Lopez, che batte il fuoricampo del 6-0 per i BayStars. HR realizzato a sinistra, sul conto pieno e al nono lancio visto. Nella parte bassa i Tigers tentano di reagire contro Wieland, che subisce un singolo da lead-off da Hiroki Uemoto, ma il pitcher è abile a eliminare i successivi due battitori, poi subisce un altro singolo, da Yusuke Oyama, che crea occasione in RISP. Qui il lanciatore riesce a trovare il terzo out e a chiudere indenne l’inning. Anche nella ripresa successiva i padroni di casa piazzano il lead-off in base, con doppio battuto da Kai Ueda, ma Wieland ancora una volta se la cava, eliminando facilmente i successivi tre battitori, facendoli battere male e chiude indenne anche questa ripresa.
I Tigers riescono poi ad accorciare le distanze nella parte bassa del 6° inn., dove il partente ospite va in difficoltà nella situazione di due out, concedendo prima un doppio a Kosuke Fukudome e poi un singolo-rbi a Oyama, che vale il 6-1.
Al cambio di campo i BayStars cercano di creare occasione offensiva e di fatto piazzano il lead-off in base, con singolo battuto da Lopez, contro il rilievo di casa, Shintaro Fujinami, ma il pitcher ben affronta i successivi tre battitori e chiude indenne la ripresa e gli ospiti anche all’8° inn. riescono a battere valido con nessun out, con singolo di Tatsuhiro Shibata, ma sul monte di lancio vi è il rilievo, Akifumi Takahashi. Il corridore per il bunt di sacrificio eseguito da Hiroyasu Tanaka avanza fino in 2ªB, ma il pitcher se la cava trovando gli altri due eliminati della ripresa.
Nella parte bassa anche i Tigers riescono a piazzare il lead-off in base, dove contro il rilievo ospite, Spencer Patton, arriva il singolo di Uemoto, ma i battitori di casa non riescono a concretizzare contro il pitcher e anche questo inning si conclude con nulla di fatto.
Giunge il 9° inn. e i BayStars schierano sul mound il closer Yasuaki Yamasaki, che riesce a chiudere riprese, match e serie in unidi lanci, registrando anche due strike-out, ai danni di Toritani e Masahiro Nakatani, portando quindi i Baystars al 2° Stage.

 

 

 

 

 

Vincente : Wieland (1-0, 1.29); perdente : Nohmi (0-1, 81.00).

Il prossimo match è previsto dopodomani 18/10 e chi vincerà si qualificherà alle Nippon-Series, alle 18:00 locali (11:00 in Italia) al Mazda Stadium, con serie in vantaggio per i Carp sull’1-0, in quanto qualificati per primi in classifica.

 

MVP del match: Jose Lopez (’83), l’interno che Yomiuri Giants, che sta in NPB dal 2013, oggi è stato decisivo per i suoi, siglando ben tre rbi, quello che ha sbloccato il match al 1° inn. e il fuoricampo da due punti che ha affossato i Tigers e oggi ha battuto 3/5.

 

 

Aggiornamento completo box-score:

R H E
BayStars 3 0 0 3 0 0 0 0 0 6 10 0
Tigers 0 0 0 0 0 1 0 0 0 1 8 0
WP : Wieland ( 1 – 0 )
LP : Nomi ( 0 – 1 )
HR : [DB] Lopez ( 1, 4th inn. off Iwazaki, 1 on )
DeNA
Hanshin
AB H RBI BB HP SO
Kuwahara, CF 3 0 0 1 0 1
Kajitani, RF 4 2 1 1 0 1
Lopez, 1B 5 3 3 0 0 1
Tsutsugo, LF 4 0 0 1 0 1
Miyazaki, 3B 4 0 0 0 0 0
Minei, C 4 1 2 0 0 3
Shibata, 2B 4 3 0 0 0 0
Wieland, P 3 0 0 0 0 2
H.Tanaka, PH 0 0 0 0 0 0
Patton, P 0 0 0 0 0 0
Yamasaki, P 0 0 0 0 0 0
Kuramoto, SS 4 1 0 0 0 2
AB H RBI BB HP SO
S.Fujikawa, CF 4 0 0 0 0 0
Uemoto, 2B 4 2 0 0 0 0
Itoi, RF 3 0 0 1 0 0
Fukudome, LF 4 1 0 0 0 2
Oyama, 1B 4 2 1 0 0 0
Toritani, 3B 4 1 0 0 0 1
Maeda, SS 1 0 0 0 0 0
Iwazaki, P 0 0 0 0 0 0
K.Fujikawa, P 0 0 0 0 0 0
Ueda, PH 1 1 0 0 0 0
Fujinami, P 0 0 0 0 0 0
Egoshi, PH 1 0 0 0 0 1
Takahashi, P 0 0 0 0 0 0
Dolis, P 0 0 0 0 0 0
Takayama, PH 1 0 0 0 0 0
Sakamoto, C 3 0 0 0 0 1
Nakatani, PH 1 0 0 0 0 1
Nomi, P 0 0 0 0 0 0
Ishizaki, P 0 0 0 0 0 0
Itohara, PH-SS 3 1 0 0 0 0
IP BF H BB HB SO ER
Wieland, (W) 7 28 7 1 0 3 1
Patton 1 4 1 0 0 1 0
Yamasaki 1 3 0 0 0 2 0
IP BF H BB HB SO ER
Nomi, (L) 0 .1 7 4 2 0 0 3
Ishizaki 2 .2 10 1 1 0 3 0
Iwazaki 1 6 3 0 0 0 3
K.Fujikawa 1 3 0 0 0 2 0
Fujinami 2 7 1 0 0 2 0
Takahashi 1 4 1 0 0 2 0
Dolis 1 3 0 0 0 2 0

 

Clicca su link interessato:

CS_ST1_G1_CL

CS_ST1_G1_PL

CS_ST1_G2_CL

CS_ST1_G2_PL

CS_ST1_G3_PL

WordPress Author Box
Filippo Coppola

Nato a Scafati (SA) nel febbraio del 1986, vive alle falde del Vesuvio, precisamente a Boscotrecase (NA). Laureato prima alla triennale e poi alla magistrale specialistica in Ingegneria Navale alla Federico II di Napoli, appassionato da molti anni al baseball. Passione cresciuta di anno in anno, soprattutto di quello dell'estremo Oriente, in particolare quello giapponese e campionati asiatici (oltre a quello nostrano e Americano MLB), che seguo con assiduità. Sono tifoso dei Cincinnati Reds della NL in MLB, team storico di questo sport e che seguo da quando ho scoperto il baseball. Invece per i team asiatici, non ho alcuna preferenza in assoluto, essendomi appassionato di tutti. Ho per come hobby la vela, lo sport in genere e seguire il calcio Napoli, inoltre preferisce analizzare dati statistici e i numeri del baseball, sport dipendente da quest'ultimi, e alla ricerca e scoperta della sabermetrica, ovvero l'analisi del baseball attraverso le statistiche.

Like us on Facebook
on Facebook
Filippo Coppola