MLB, Yankees e Red Sox duello a suon di vittorie

Pubblicato il Mag 16 2018 - 8:06pm by Simone Bacio
Siamo a metà maggio e le 30 squadre hanno quasi tutte giocato 40 partite: siamo ad un quarto delle 162 partite di Stagione Regolare. Vediamo come in alcune division ci sia un forte equilibrio mentre in altre i primi tentativi di fuga non vanno a buon fine anche se le classifiche iniziano ad allungarsi.
Vediamo in dettaglio la situazione partendo proprio dal duello che potrebbe essere più appassionante per l’intera stagione 2018.
Nell’American League East abbiamo i Boston Red Sox e i NY Yankees in testa a pari merito, con il miglior record delle Major League, 28 vittorie e 12 sconfitte. La squadra di New York aggancia i rivali vincendo 8 delle ultime 10 partite. E arriva proprio nella settimana dell’annuncio da parte della lega che 2 partite di questa sfida centenaria si giocheranno in Europa, a Londra, nella stagione 2019. Le altre squadre non sembrano riuscire a tenere il passo. I Toronto Blue Jays  scivolano a 7,5 partite mentre i Tamba Bay Rays sono ora a 11 partite dalla testa; i Baltimore Orioles chiudo questa classifica con un distacco di 15,5 partite.
Nell’AL Central guidano sempre i Cleveland Indians (20 vinte-19 perse) con i Minnesota Twins a sole 1,5 partite con ben 3 partite da recuperare. Ancora vicini alla testa i Detroit Tigers a 3 partite mentre i KC Royals e i Chicago White Sox fanno più fatica e si ritrovano rispettivamente a 7,5 e 9 partite dalla vetta.
Gli attuali Campioni in carica, gli Huston Astros, guidano la AL West con 26 vittorie e 16 sconfitte. Ad una sola partita (e con 2 partite da recuperare) ci sono i LA Angels mentre i Seattle Mariners rimangono attaccati alla testa, con un ritardo di sole 2,5 partite. Più indietro ci sono gli Oakland A’s (6 partite) mentre chiudono la classifica i Texas Rangers a 10 partite.
Nella National League regna ancora un buon equilibrio tra le squadre, anche se alcune franchigie iniziano a perdere terreno rendendo difficile la loro corsa verso il titolo di division.
Nel dettaglio: nella NL East guidano gli Atlanta Braves (24 vittorie e 15 sconfitte), con i Philadelphia Phillies a 1 partita e i Washington Nationals a 1,5 partite. Ancora vicini i NY Mets con un ritardo di 4 partite mentre si complica la posizione dei Miami Marlins a 10,5 partite dalla vetta.
Situazione ancora più intricata nella NL Central: guidano al momento i Milwaukee Brewers con 24 vinte e 17 perse, ma i StL Cardinals e i Pittsburgh Pirates inseguono entrambe a 0,5 partite e i Chicago Cubs a 1 partita. Anche qui l’ultima in classifica sembra in una situazione difficile: i Cincinnati Reds infatti chiudono questa classifica con 10 partite di distacco.
La NL West sembra al momento avere la situazione più delineata: in testa abbiamo gli Arizona D’Backs con 24 vittorie e 16 sconfitte, ma sembra che abbiano rallentato la loro corsa, avendo vinto solo 3 delle ultime 10 partite giocate. I Colorado Rockies hanno adesso un distacco di 2,5 partite mentre i SF Giants sono a 4,5 partite. Più in difficoltà sicuramente i LA Dodgers e i SD Padres che si trovano a 8 e 9 partite rispettivamente dalla quadra di testa.
Sono 3 i giocatori nominati come migliori della settimana, 2 per l’American League, James Paxton (Seattle Marines) e Francisco Lindor (Cleveland Indians) e 1 per la National League, Scooter Gennett (Cincinnati Reds).
Paxton, lanciatore partente dei Mariners, al terzo titolo di Giocatore della settimana, ha lanciato una No-Hit contro i Toronto Blue Jays, a casa loro, concedendo solo 3 Basi Ball e realizzando 7 Strike Out, facendo solo 99 lanci. E’ la prima volta che un lanciatore canadese ottime una No-Hit nella propria terra di origine. 
Per Lindor, alla seconda nomina in due settimane consecutive, ha chiuso la settimana con una Media Battuta di .600, con 5 Doppi, 4 Home Run, 8 Punti Segnati e 5 Punti Battuti a Casa. Numeri decisamente importanti per non essere considerati al pari di una prestazione come quella del partente di Seattle.
Scooter Gennett, alla sua seconda nomina come Player of the Week, la scorsa settimana ha ottenuto una Media Battuta di .591, con 2 Doppi, 4 Home Run 7 Punti Segnati e 10 Punti Battuti a Casa. Sperando che la prestazione della scorsa settimana aiuti la sua squadra a risalire dopo un difficile inizio di stagione.
WordPress Author Box
Simone Bacio

Milanese, nonostante la carta di identità reciti 1974 come anno di nascita sono ancora un giocatore di baseball, da più di 30 anni. Ancora mi diverto a battere la palla e difendere il sacchetto di Prima Base. Appassionato di sport sono un tifoso interista (poche grandi gioie e interminabili sofferenze). Amo la musica in generale con una preferenza per il rock e la grande passione per gli U2. Seguo da molto vicino la tecnologia e adoro perdermi nel mondo di Hyrule, giocando alla serie “La Leggenda di Zelda" Seguo da vicino il baseball americano grazie al tifo sfegatato per i Los Angeles Dodgers e alle 4 leghe di Fanta-baseball che ogni giorno (meglio dire notte) seguo.