Neptunus in vetta in Olanda. Fuga Marlins in Spagna e cade il Mainz in Germania

Pubblicato il Giu 4 2014 - 9:44am by Cristiano Corbo

Non si fermano i DOOR Neptunus: è vetta. I ragazzi di Rotterdam, infatti, hanno vinto la loro sedicesima partita e subentrato ai Vaessen Pioneers all’apice della classifica. Gli stessi Pioneers, che erano dati da tutti come favoritissimi, non hanno sfruttato lo scontro diretto contro l’Amsterdam, andando a vincere soltanto una delle due gare. Ora la situazione è molto più intricata: sia questi ultimi, sia i Neptunus, hanno superato i Vaessen. Che ora spara le ultime cartucce domani, ancora contro i DOOR. Per quel primo posto così lontano, ma così vicino.

 

 

SPAGNA, LA FUGA DEI MARLINS È REALTÀ

 

Per i “Canarini” è tutto facile: due partite giocate, e due vittorie. Il Baseball Navarra spazzato via, soprattutto grazie fenomeno Nacar , che con 18 strikeouts agevola decisamente il primo affondo dei padroni di casa.  Nel secondo match, da registrare il dominio di Belmonte, che ha lanciato sette innings, concedendo appena un punto.

Il Barcellona, inoltre, “pareggia” la serie contro gli Astros, mentre “El Lano” vince la prima partita stagionale contro Pamplona, salvo poi uscire sconfitta alla seconda per ben 17-1. Infine, Sant Boi e San Ignazio vincono una partita a testa, perdendo difatti ogni pretesa sulla Liga.

 

GERMANIA, IL MAINZ CADE CLAMOROSAMENTE A STOCCARDA

 

Nella parte “sud” della Bundes, il tuffo nel vuoto del Mainz rimbalza fortemente tra le mille chiacchiere tedesche. Gli Athletics cadono rovinosamente contro il muro formato dai Reds, che vincono la prima 3-2, e si ripetono poco più tardi con il risultato di 5-1.

Storia decisamente diversa per Heidenheim, che vince il primo incontro grazie ad un walk-off da due punti, mentre perde la seconda per il Grande Slam di Mitch Stephan, che firma l’incredibile rimonta. Da 1-8 a 12-9. Insomma: c’è stato materiale per divertirsi.

In fondo alla classifica, da segnalare la vottoria degli Hornets, vittoriosi contro gli Hawks per 10-2, i quali hanno provato di tutto nel secondo match. Ed erano quasi riusciti a vincere, salvo poi esser ripresi da Burkhart: battuta incredibile che vale il 5-4 finale. Anche qui: super baseball.

WordPress Author Box
Cristiano Corbo

Studente diciannovenne in pre-pensionamento. Nasce in quel di Caserta, dove attualmente vive. Ama il baseball, odia il greco antico, gli è indifferente tutto il resto. Diretto, mai preciso. Spontaneo, mai costruito. Pessimo nelle cose semplici, sorprendentemente capace in cose/azioni che richiedono “troppa” applicazione. Sportivo, anche se dalla forma fisica non si direbbe. Stralunato, impacciato, ma grande animatore e discreto showman. Collabora inoltre con SpazioJuve.it, Cronache di Salerno ed ha un blog su fanpage.it.