MLB, regular season al rush finale ma regna l’incertezza

Pubblicato il Set 8 2018 - 5:37pm by Simone Bacio
Manca meno di un mese alla fine della stagione regolare di Major League e, anche se molte classifiche sembrano indirizzate, ancora non c’è nessuna certezza matematica sulle squadre che parteciperanno alla Post Season.
Due Division nell’American League sono pronte ad emettere i verdetti definitivi, mentre la terza è ancora in bilico tra 2 squadre. La National League ha una situazione simile, ma con classifiche ancora in bilico in 2 casi, mentre la terza division ha una lotta apertissima tra tre squadre. Nel dettaglio:
L’American League East è nelle mani dei Boston Red Sox (94 vittorie, 44 sconfitte) che guidano con il miglior record delle MLB e tengono a distanza i NY Yankees, ora a 7,5 partite. Continua il dilemma di New York visto che vincerebbe in tutte le altre division mentre qui si deve accontentare del secondo posto.
Ancora più marcato il vantaggio dei Cleveland Indians (77 vinte, 59 perse) nella AL Central: a 26 partite dalla fine del campionato mantengono i Minnesota Twins a 14 partite di distanza. Quasi impensabile una rimonta e probabilmente manca solo la matematica a certificare la vittoria degli indiani.
Più complessa la situazione nella AL West con gli Huston Astros (84 vittorie, 53 sconfitte) che ancora guidano ma gli Oakland A’s sono solo a 2,5 partite. Non sono in programma scontri diretti quindi il duello sarà solo a distanza e vedremo chi riuscirà a spuntarla e chi si dovrà accontentare di una possibilità con le Wild Card.
Situazione più delineata nella NL East con gli Atlanta Braves (76 vinte, 60 perse) avanti di 4 partite sui Philadelphia Phillies. Le due squadre si affronteranno ancora per 6 partite, da qui alla fine del campionato: saprà Philadelphia mantenere il distacco per riuscire nel sorpasso negli scontri diretti?
Simile la classifica nella NL Central dove però le squadre interessate sono tre: davanti ci sono i Chicago Cubs (81 vittorie, 55 sconfitte) e i Milwaukee Brewers e i StL Cardinals si trovano rispettivamente a 5 e 5,5 partite di distanza. E le tre squadre si incontreranno ancora diverse volte durante l’ultimo mese di regular season e sembra che saranno gli scontri diretti a decretare i vincitori della division.
Più complessa la situazione nella NL West. Al termine della settimana la classifica è guidata dal LA Dodgers (75 vinte, 62 perse) ma i Colorado Rockies sono a 0,5 partite dalla testa mentre gli Arizona D’Backs sono a 1 partita da Los Angeles. Ed è la squadra di Phoenix che è uscita sconfitta in 3 partite giocate proprio in casa dei Dodgers. Anche qui ci saranno ancora molto scontri diretti tra le pretendenti al titolo di questa division e staremo a vedere quali saranno i verdetti sui campi.
Le lotte per le Wild Card sembrano definite in una lega mentre nell’altra la lotta è ancora aperta a diverse combinazioni.
Nell’American League le due qualificate sarebbero gli Yankees e gli Athletics. Gli unici che sembrano poterli impensierire sarebbero i Seattle Mariners che però si trovano a 5,5 partite da questo traguardo.
Le Wild Card della National League sarebbero dei Brewers e dei Cardinals con i Rockies, i D’Backs e i Phillies rinchiusi in 3,5 partite. Qui le ultime 25 partite saranno determinanti per le ultime due squadre che comporranno le sfide della Post Season.
A livello individuale, i migliori della settimana sono stati Gleyber Torres (NY Yankees) per l’American League e Christian Yelich (Milwaukee Brewers) per la National League.
Per il rookie di New York la settimana si è conclusa con una Media Battuta di .478 (11 su 23) con 3 Punti Segnati, 3 Home Run, 10 Punti Battuti a Casa, 5 Basi Ball e 1 base Rubata. 
Per Torres è il secondo titolo da Player of the Week vinto quest’anno, e naturalmente il secondo in carriera.
Per l’esterno dei Brewers la settimana si è conclusa con una Media Battuta di .444 con 7 Punti Segnati, 1 Doppio, 1 Triplo 4 Fuoricampo, 14 Punti Battuti a Casa e 2 Basi Rubate. Tutto in 6 sole partite. Da notare che nella sfida di mercoledì scorso, contro i Red Sox, Yelich ha battuto 6 su 6 realizzando un Cycle (ovvero un singolo, un doppio, un triplo e un home run nella stessa partita). Nella storia del baseball è solo la 4ª volta che accade.
E ancora un altro rookie si è messo in mostra: Ronald Acuna Jr ha battuto il suo Lead Off Home Run numero 7 di questa stagione, la sua prima in Major League. Con questo Fuoricampo è al secondo posto tra i rookie in questa particolare classifica, e si trova in buona compagnia: Garciaparra fece lo stesso nel 1997 e Hanley Ramirez nel 2006. Il record è di Chris Young con 9 Home Run da Lead Off, risultato ottenuto nel 2007.
Dopo le sensazionali stagioni di Bellinger e Judge come rookie del 2017, questa sembra un’altra annata davvero notevole per i giocatori esordienti che con le loro prestazioni aiutano la propria squadra nella lotta per i Play Off.
WordPress Author Box
Simone Bacio

Milanese, nonostante la carta di identità reciti 1974 come anno di nascita sono ancora un giocatore di baseball, da più di 30 anni. Ancora mi diverto a battere la palla e difendere il sacchetto di Prima Base. Appassionato di sport sono un tifoso interista (poche grandi gioie e interminabili sofferenze). Amo la musica in generale con una preferenza per il rock e la grande passione per gli U2. Seguo da molto vicino la tecnologia e adoro perdermi nel mondo di Hyrule, giocando alla serie “La Leggenda di Zelda" Seguo da vicino il baseball americano grazie al tifo sfegatato per i Los Angeles Dodgers e alle 4 leghe di Fanta-baseball che ogni giorno (meglio dire notte) seguo.