Mercato NPB – Norichika Aoki ritorna in Giappone con gli Swallows! Dragons e Marines in movimento!!

Pubblicato il Gen 30 2018 - 5:54pm by Filippo Coppola

 

Nelle poche mosse di mercato del baseball internazionale, giunge notizia che l’esperto esterno giapponese, Norichika Aoki, ritorna in patria, nel team che lo lanciò in NPB, ossia gli Swallows. Aoki ha firmato un contratto di tre anni, con cifra stimata di un miliardo di ¥, poco più di nove milioni di $.
Dopo sei stagioni in MLB quindi tornerà a giocare in CL con la squadra che lo fece debuttare al professionismo nel 2004 e giocando sempre per gli Swallows dimostrò di essere un ottimo giocatore di talento e caparbio dal box di battuta. Di fatto registrò dal 2004 al 2011 in NPB: 985 G, 1284 H, 192 doppi, 84 HR, 385 rbi, 664 R, 164 SB, AVG .329, OBP .402 e SLG .454. Dopo il suo debutto diventò un titolare in pianta stabile per questa franchigia della CL, giocando con molta regolarità e si mise in mostra già nel 2005, battendo 202 hits, dove il 6 Ottobre di quell’anno pareggiò il record della CL di battute valide stabilito nel 1999 da Robert Rose (192) e cinque giorni dopo toccò quota 200, diventando il secondo giocatore della storia giapponese a raggiungere quella cifra, ovviamente dopo Ichiro Suzuki.
Da lì in poi quindi fu un battitore importante in NPB, dove stabilì la miglior AVG nel 2005 (.344), 2007 (.346) e 2010 (.358) e proprio in quest’anno batté il record personale di valide, ovvero 209 e diventa l’unico giocatore di NPB ad aver battuto in due stagioni diverse 200 o più valide, inoltre è diventato campione con i samurai giapponesi nel 2006 e 2009 al WBC.
Nell’off-season tra il 2011 e 2012 fu ingaggiato dai Brewers in MLB e vi restò per due stagioni, prima di approdare ai Royals, cambiando così Lega, da NL ad AL.
Dopo la stagione a KC passò ai Giants e l’anno seguente ai Mariners, cambiando quindi ancora una volta Lega, poi nel 2017 appena concluso ha addirittura cambiato tre team. Di fatto ha iniziato il campionato con i futuri campioni del mondo, gli Astros, poi per una trade ai Blue Jays, dopodiché la squadra canadese lo rilasciò e fu ingaggiato dai Mets fino a fine RS. In carriera in MLB ha dunque totalizzato: 758 G, 774 H, 135 doppi, 33 HR, 219 rbi, 377 R, 98 SB, AVG .285, OBP .350 e SLG .387.
Ha quindi in carriera battuto poco più di 2000 valide (NPB+MLB) e la num. 2000 fu realizzata l’11 giugno del 2017 in un match contro gli Angels. Vedremo che apportò darà agli Swallows, che da un paio di stagioni stanno facendo difficoltà ad emergere in CL con la sua esperienza di battitore.
Dopo la notizia della partenza di Shohei Ohtani, dai Fighters agli Angels in MLB, in Giappone si hanno avuto pochi movimenti di mercato e tra tutti spiccano più i Dragons, che cercano una rifondazione per poter lottare in CL.
Di fatto non rinnovano tre “gaijin”, i pitchers Jordan Armengot Norberto, Raul Valdes e lo slugger Alex Guerrero, dove il primo dopo due stagioni si accasa agli Swallows (12-10, 195.1 IP, 174 K, 89 BB, ERA 3.50 e WHIP 1.29), mentre Guerrero firma con i Giants per il suo secondo anno in NPB (.279 e 35 HR l’anno scorso).
Ceduti questi i Dragons sono riusciti a portare a casa il catcher, ormai ex Fighters, Shota Ono (2009-17 con la franchigia di Sapporo), con AVG .216, 393 H, 29 HR e 155 rbi. Invece dal mercato internazionale arrivano a dar manforte, i lanciatori Onelki Garcia e Dillon Gee, gli esterno Zoilo Almonte e Steven Moya.
Garcia è un pitcher cubano che ha lanciato per i Dodgers e i Royals negli USA, prevalentemente in minor-league (10-10, 239.0 IP, 242 K, ERA 4.18), mentre Gee ha lanciato in MLB dal 2010, dove esordì con i Mets e nel 2016 passò poi ai Royals, mentre nel 2017 ha indossato le casacche dei Rangers e dei Twins. In carriera ha registrato in MLB: 51-48, 853.2 IP, 619 K, 268 BB, ERA 4.09.
Almonte in MLB ha solo giocato qualche match con gli Yankees e in carriera in minor-league per loro vi ha giocato fino al 2014 (962 G, 1030 H, 199 doppi, 129 HR, 580 rbi, AVG .280, OBP .343 e SLG .451), compreso una parentesi finale con i Braves e nella passata stagione ha giocato in AAA Messicano, per i Sultanes de Monterrey e proviene da 109 G, 157 H, 33 doppi, 15 HR, 70 rbi, AVG .355, OBP .421 e SLG .536.
Invece il portoricano Moya ha sempre giocato per i Tigers fin qui, poche presenze in MLB (AVG .250 e 5 HR) e ha sempre disputato più stagioni nelle minors, totalizzando 808 G, 779 H, 157 doppi, 138 HR, 488 rbi, AVG .249, OBP .292 e SLG .445.

Wilin Rosario dopo aver battuto HR in KBO

Sempre in CL si notano i Tigers che fanno arrivare in Giappone Wilin Rosario, l’ex C e 1B dei Rockies (2011-15, 447 G, 413 H, 71 HR, 241 rbi, AVG .273), che ha fatto ben vedere negli ultimi due anni in Corea del Sud. Di fatto il dominicano ha giocato per gli Eagles in KBO e si è notato per le doti di slugger dal box di battuta, dove ha totalizzato: 246 G, 309 H, 61 doppi, 70 HR, 231 rbi, AVG .330, OBP .390 e SLG .625, con quest’ultimo dato molto impressionante e nel 2017 è risultato lo slugger dell’anno per la KBO.
I Giants dopo aver preso Guerrero per l’attacco dai rivali dei Dragons e perso Miles Mikolas, volato negli USA ai Cardinals, acquistano il pitcher Taylor Jungmann, proveniente dalla franchigia dei Brewers.
Mikolas era diventato un perno importante per la rotazione dei Giants, dove dal 2015 al 2017 aveva registrato: 31-13, 5 CG, 2 SHO, 424.2 IP, 378 K, 69 BB, ERA 2.18 e WHIP 0.99 e Jungmann si dovrà vedere se riuscirà a compensare questa perdita. Questo lanciatore ha esordito da rookie in MLB nel 2015, facendo ben vedere con 9-8, 119.1 IP, 107 K, 47 BB, ERA 3.77 e WHIP 1.28, ma poi negli ultimi due anni ha lanciato molto di più nelle minors e in carriera ha totalizzato: 49-40, 1 CG, 735.0 IP, 600 K, 335 BB, ERA 4.00 e WHIP 1.37.
Oltre ciò riescono ad accaparrarsi dai FA anche il pitcher Ryoma Nogami dai Lions, che dal 2009 ha sempre lanciato per questi ultimi e in PL ha registrato in carriera: 53-56, 2 CG, 1 SHO, 903.0 IP, 538 K, 278 BB, ERA 4.03 e WHIP 1.33, ed è altro possibile elemento che può entrare nella rotazione dei Giants.

Andando a dare un’occhiata nell’altra Lega, la PL, vediamo che i Fighters dopo aver perso Ohtani hanno firmato il venezuelano Oswaldo Arcia, che esordì in MLB nel 2013 coi Twins, poi nel 2016 cambiò ben tre team, Padres, Marlins e Rays e ha totalizzato quindi in MLB: 288 G, 231 H, 44 HR, 131 rbi e AVG .235. Proviene da un 2017 dove ha giocato solo in minor-league per la franchigia dei D’backs, in prevalenza in AAA per i Reno Aces, dove ha registrato: 93 G, 113 H, 25 doppi, 24 HR, 87 rbi, AVG .326, OBP .410 e SLG .623. Inoltre i Fighters hanno acquistato anche il pitcher Nick Martinez, che in MLB ha sempre lanciato per i Rangers, dal 2014, totalizzando con la casacca di Texas: 17-30, 415.1 IP, 237 K, 148 BB, ERA 4.77 e WHIP 1.45, lanciando in prevalenza da partente ma nella sua carriera è stato impiegato anche come rilievo.
I Fighters inoltre hanno trovato anche il sostituto di Ono nel ruolo di catcher, ossia sempre via FA arriva l’esperto ricevitore Shinya Tsuruoka, proveniente dai campioni in carica degli Hawks.
Per Tsuruoka è un ritorno a Sapporo, siccome vi ha già giocato per i Fighters dal 2005 al 2013, poi nelle ultime tre stagioni ha giocato per il team di Fukuoka. Questo in carriera NPB ha totalizzato: 1053 G, 567 H, 98 doppi, 17 HR, 239 rbi, AVG .236, OBP .271 e SLG .311, certamente giocatore importante in difesa per il ruolo che svolge rispetto a quanto ha fatto vedere con la mazza.
In PL abbastanza attivi anche i Marines, dove firmano ben quattro gaijin, dopo non aver rinnovato Jimmy Paredes (.219 e 10 HR, andato in KBO per i Bears) e Jason Standridge, con quest’ultimo che a 39 anni è FA e ha giocato in NPB dal 2007, tranne che nel 2009.
Nei primi due anni ha lanciato per gli Hawks, poi nel 2009 appunto firmò per i Marlins giocando solo in minor-league e tagliato a seguito di un infortunio. Nel 2010 lo firmarono i Tigers che lo riportarono in NPB e vi rimase fino al 2013, poi da FA nel 2014 tornò a Fukuoka per gli Hawks, fino alla fine del 2015 e nelle ultime due stagioni ha giocato per i Marines. In Giappone ha dunque totalizzato in carriera: 209 G, 75-68, 11 CG, 7 SHO, 1210.2 IP, 844 K, 388 H, ERA 3.31 e WHIP 1.29.
A Chiba in questo inverno dunque arrivano i pitchers Mike Bolsinger, Edgar Olmos e Tanner Scheppers e il battitore Matt Dominguez.
Bolsinger ha giocato da rookie in MLB nel 2014 per i D’backs, poi si è accasato ai Dodgers per il 2015 e 2016 e nella passata stagione a giocato per i Blue Jays, registrando in totale: 8-19, 230.2 IP, 210 K, 98 BB, ERA 4.92 e WHIP 1.51, ma nella sua carriera ha altri numeri nelle minors, giocandoci dal 2010: 43-31, 613.1 IP, 590 K, 212 BB, ERA 3.36 e WHIP 1.29.
Olmos invece ha giocato molto di meno in MLB, esordendo nel 2013 coi Marlins e poi passò ai Mariners, ma parecchio in minor-league: 29-45, 678.25 IP, 602 K, 339 BB, ERA 4.06.
Scheppers d’altro canto ha sempre giocato per i Rangers, dal 2012 e in MLB ha totalizzato: 12-7, 183.0 IP, 148 K, 72 BB, ERA 4.23, lanciando da rilievo.
Dominguez giocatore più esperto ha giocato per vari team dal 2011, per i Marlins, Astros, Blue Jays e Red Sox e in MLB ha totalizzato: 362 G, 294 H, 42 HR, 152 rbi e AVG .231, mentre nelle varie minors americane ha registrato: 953 G, 919 H, 111 HR, 536 rbi, AVG .260.
I Buffaloes dopo aver perso il closer Yoshihisa Hirano, volato via negli USA per i D’backs per via FA internazionale, hanno optato per l’ingaggio del pitcher Hirotoshi Masui, sempre per via FA, proveniente dai Fighters.
Hirano ha sempre giocato per questo team dal 2006, anno in cui ha esordito da rookie in NPB, ben disputando quella stagione, lanciando da partente. In carriera è poi diventato prima un rilievo e poi un closer e soprattutto nelle ultime stagioni ha firmato preziose saves. Di fatto non deluse le aspettative quando nel 2006 firmò ben 4 SHO da rookie (7-10, 3.81) e continuò ad essere membro attivo della rotazione di questo team fino al 2009 e poi a causa di qualche infortunio di troppo è sceso in campo negli ultimi sette anni da rilievo, specializzandosi appunto in closer.
In carriera NPB ha quindi registrato: 48-69, 139 holds, 156 SV, 14 CG, 7 SHO, 974.2 IP, 884 K, 228 BB, ERA 3.10 e WHIP 1.16 e ora vedremo in MLB come sarà impiegato. Masui invece è stato closer per i rivali dei Fighters e ha giocato per la squadra di Sapporo dal 2010.
Otto stagioni in cui è stato prevalentemente rilievo, dopodiché divenuto closer nelle ultime stagioni, è stato anche inserito nella rotazione dei partenti per il campionato del 2016 e in definitiva ha totalizzato in carriera: 33-28, 129 holds, 110 SV, 2 CG, 1 SHO, 500.0 IP, 507 K, 171 BB, ERA 2.70 e WHIP 1.23.

Il pitcher submarine Makita, mentre lancia con la nazionale dei Samurai

Anche un altro pitcher è stato ingaggiato da squadra americana, ovvero Kazuhisa Makita che ha firmato per i Padres, coi Lions che dopo Nogami hanno perso un altro tassello del loro bull-pen.
Makita, pitcher che ha stile di lancio sub-marine, ha costruito un’egregia carriera in questo modo coi Lions, squadra che lo ha fatto esordire in Giappone nel 2011.
Questo nel suo anno da rookie iniziò bene come closer firmando 22 salvezze, ma lanciò anche come partente, trovando una SHO. Da lì in poi fu impiegato e inserito in maniera fissa nella rotazione dei Lions e negli ultimi anni spostato nel bull-pen, o anche schierato come rilievo lungo. In carriera NPB ha quindi totalizzato: 53-49, 54 holds, 25 SV, 9 CG, 3 SHO, 921.1 IP, 514 K, 206 BB, ERA 2.83 e WHIP 1.17.
I Lions nella trade per Nogami sono riusciti a portare a casa Hayato Takagi dai Giants, per trade compensation e questo lanciatore ha sempre giocato per il team della CL dal 2015, anno in cui ha esordito da rookie e fece ben vedere dal monte di lancio.
Nell’ultima stagione ha giocato di meno e proviene da qualche acciacco, inoltre in carriera NPB ha fin qui totalizzato: 15-21, 1 hold, 1 CG, 1 SHO, 308.0 IP, 237 K, 88 BB, ERA 3.56 e WHIP 1.21.

 

 

Ecco tutti i movimenti di mercato della CL al 30/01/2018 (clicca sull’immagine per ingrandirla):

Ecco tutti i movimenti di mercato della PL al 30/01/2018 (clicca sull’immagine per ingrandirla):

WordPress Author Box
Filippo Coppola

Nato a Scafati (SA) nel febbraio del 1986, vive alle falde del Vesuvio, precisamente a Boscotrecase (NA). Laureato prima alla triennale e poi alla magistrale specialistica in Ingegneria Navale alla Federico II di Napoli, appassionato da molti anni al baseball. Passione cresciuta di anno in anno, soprattutto di quello dell'estremo Oriente, in particolare quello giapponese e campionati asiatici (oltre a quello nostrano e Americano MLB), che seguo con assiduità. Sono tifoso dei Cincinnati Reds della NL in MLB, team storico di questo sport e che seguo da quando ho scoperto il baseball. Invece per i team asiatici, non ho alcuna preferenza in assoluto, essendomi appassionato di tutti. Ho per come hobby la vela, lo sport in genere e seguire il calcio Napoli, inoltre preferisce analizzare dati statistici e i numeri del baseball, sport dipendente da quest'ultimi, e alla ricerca e scoperta della sabermetrica, ovvero l'analisi del baseball attraverso le statistiche.

Like us on Facebook
on Facebook
Filippo Coppola