Campusano walk-off homer e grande Estrada! Boer sul 2-0!

Pubblicato il Gen 18 2015 - 11:27am by Giovanni Colantuono

Josè Campusano

In delirio i 19.000 dello stadio Dennis Martinez quando Josè Campusano nel 13° inning ha chiuso gara 2 in favore degli Indios del Boer di Managua. Il secondo match, della serie di finale della Liga Nicaraguense tra, gli uomini di Javier Colina ed i Gigantes de Rivas ha regalato una grande partita di baseball, tra il tatticismo dei due manager e le prodezze in diamante dei grandi protagonisti. Su tutti Josè Campusano, Jesus Valdez con il fuoricampo da due punti che ribaltava il risultato nel 5° inning in favore dei Boer, ed un grande Paul Estrada mandato sulla collinetta da rilievo dal manager Colina che ancora una volta ha scelto la tattica giusta. In vantaggio di un solo punto nel sesto inning, il manager venezuelano dei Boer, non ha esitato ad affidarsi ad una delle sue stelle del monte di lancio, affidando la palla a Paul Estrada. Ha fiutato la vittoria ad un passo, il 2-0 nella serie era vicino, era dunque il momento di Paul Estrada.

Paul Estrada

L’ex Astros rilevava Roger Marin, rilievo del partente Gustavo Martinez, chiudeva senza problemi il sesto attacco dei Gigantes e poi nel settimo inning subiva il punto del 3-3 con un doppio di Ramirez ed il singolo di Ofilio Castro con la complicità di una difesa non perfetta di Jimmy Gonzalez nell’angolo caldo di terza base sulla battuta di Castro. Era quello l’unico acuto dei Gigantes contro i lanci di Estrada che poi faceva battere in doppio gioco Willy Vasquez e tra l’ottavo e il dodicesimo inning lasciava a zero il terribile lineup di Rivas concedendo solo altre due valide. Estrada chiudeva la sua grande serata con 6.1 riprese lanciate, 4 valide concesse e  8 strikeout. I tifosi del Boer gli tributavano la giusta standing ovation quando nel 13° inning lasciava la collinetta al closer Wilber Bucardo.

Gara 2 si era aperta con il duello sul monte di lancio tra Alexis Candelario per Rivas e Gustavo Martinez per i Boer. L’ex pitcher del Parma partiva subendo due valide di Roberto Ramirez e Ofilio Castro, così sul sacrificio di Willy Vasquez i Gigantes andavano in vantaggio per 1-0. Pareggio dei Boer immediato, doppio di Raul Reyes, il singolo di Juan Torres e base per ball a Juan Carlos Urbina, a basi cariche era il sacrificio di Guido Sandor a pareggiare 1-1.

Nel terzo inning Rivas di nuovo avanti. Martinez concedeva una base per ball a Flores, poi su un sacrificio di Ramirez c’era l’errore dello stesso Martinez che decideva per la base intenzionale a Vasquez e caricava le basi. A quel punto manager Colina rilevava il suo partente con Roger Marìn che veniva accolto in partita dal sacrificio di Yurendell De Caster per il 2-1 in favore di Rivas.

La "Tribù" dei Boer di Managua

Il vantaggio veniva gestito bene da Candelario fino al quinto inning quando una valida interna di Guerra e il fuoricampo da due RBI di Jesus Valdez ribaltavano il risultato sul 3-2 in favore di Managua. Candelario usciva poi nel corso del sesto inning dopo 5.2 RL con 7 valide concesse, 3K, 1BB.

A quel punto gara 2 della serie di finale della Liga Nicaraguense diventava la partita di Paul Estrada che conduceva la “Tribu” degli Indios del Boer fino al tredicesimo inning, quando veniva rilevato dal closer Wilber Bucardo. L’ingresso in partita del rilievo dei Boer non era dei migliori, singolo di Castro e colpito Vasquez. Però Darrell Campbell batteva in doppio gioco, e dopo la base intenzionale al pericoloso Wellinton Dotel, il terzo out arrivava su Dwight Britton. Passato il pericolo ci pensava Josè Campusano a chiudere la partita con il walk-off homer che firmava il 4-3 in favore dei Boer e il vantaggio per 2-0 nella serie.

Oggi di nuovo in campo per gara 3 a Rivas.

Foto di Lisandro Roques di ElNuevoDiario.com

WordPress Author Box
Giovanni Colantuono

Nato a Nettuno. Ha iniziato la carriera giornalistica nel 1991 nell’emittenza televisiva privata come autore e conduttore della rubrica settimanale sul baseball Casabase. Allievo del Piccolo Gruppo di Giornalismo Radio-Televisivo di Michele Plastino, ha poi collaborato con il quotidiano Il Tempo e con varie agenzie di stampa. Radiocronista di Idea Radio ed autore di due film reportage sulla Coppa Campioni di Parigi del ’91 e dell’Europeo del ’91. E’ stato per tre anni addetto stampa del Nettuno e collaboratore dei siti BaseballItalia.it e Baseball.it.. Nel marzo del 2012 è cofondatore di BaseballMania.it di cui è l'editore e il Direttore Editoriale.

Like us on Facebook
Giovanni Colantuono

Follow me on Twitter
Follow @https://twitter.com/g_colantuono on Twitter
Giovanni Colantuono