Cerimonia per Jeter allo Stadium di New York. Per il National Pastime tutti in rosa nel giorno della Festa della Mamma

Pubblicato il mag 17 2017 - 9:32am by Simone Bacio

Cuciture rosa in MLB per il Mother's Day

E’ passata la metà di maggio anche in Major League. Questo significa che siamo alla metà del secondo mese di Regular Season per tutte le squadre. Durante lo scorso week end, come da tradizione, tutte le squadre hanno giocato con i dettagli delle loro divise in rosa: l’iniziativa che cade nel giorno della Festa della Mamma vuole sensibilizzare, attraverso il National Pastime, la lotta contro il cancro al seno. Tutti i giocatori accettano volentieri di cambiare i loro calzettoni, guantoni, polsini o addirittura le mazze per raccogliere poi fondi destinati alla ricerca. Persino le palline usate durante le partite dello scorso week end non avevano le cuciture rosse ma rosa, proprio per ricordare e diffondere l’iniziativa.

 

Vediamo qual’è la situazione al termine della settimana nelle 6 division:

Nell’American League East guidano ancora i NY Yankees (21 vinte – 13 perse) inseguiti ancora dai Baltimore Orioles con lo stesso distacco della scorsa settimana: 0,5 partite. Poco più staccate troviamo i Boston Red Sox a 4 partite, i Tampa Bay Rays a 5 partite. Si avvicinano di nuovo a queste squadre i Toronto Blue Jays che grazie alle 8 vittorie nelle ultime 10 partite si trovano ancora ultimo, ma ora a 6,5 partite di distanza.

Regna ancora l’equilibrio nell’AL Central. In testa ora troviamo i Minnesota Twins con 19 vittorie e 15 sconfitte. A 1 sola partita di distanza ci sono i Cleveland Indians, mentre inseguono da vicino i Detroit Tigers a 2 partite e i Chicago White Sox a 2,5 partite. Anche in questo caso l’ultima in classifica si riavvicina al gruppo: i KC Royals inseguono ora a 4,5 partite grazie alle 7 vittorie nelle ultime 10 partite giocate.

La fuga continua nella AL West. Gli Huston Astros aumentano il loro vantaggio sulle inseguitrici grazie al miglior record delle Major League (26 vinte – 12 perse). Le distanze iniziano ad essere importanti: i Texas Rangers inseguono a 7,5 partite di distanza, i LA Angels a 8 partite, i Seattle Marines a 9 partite e chiudono gli Oakland A’s con 9,5 partite di distanza. Qui il dubbio inizia ad essere: riuscirà la squadra texana a mantenere questo ritmo per le 120 partite restanti?

 

Situazione simile la troviamo nella National League East: i Washington Nationals (24 vinte-13 perse) allungano ancora. Ora i NY Mets inseguono a 7,5 partite. Già più staccate troviamo i Philadelphia Phillies a 9 partite mentre chiudono questa classifica i Miami Marlins e gli Atlanta Braves a 9,5 partite.

Ancora tanto equilibrio nella NL Central. Ora guidano i StL Cardinals con 21 vittorie e 15 sconfitte. 3 squadre sono molto vicine alla squadra di testa: i Milwaukee Brewers sono a 1 partita di distanza mentre i Cincinnati Reds e i Chicago Cubs sono rispettivamente a 2,5 e 3,5 partite di distanza. Chiudono questa classifica i Pittsburgh Pirates staccati di 6 partite.

La NL West si conferma un affare a tre squadre anche per questo settimana. I Colorado Rockies  (24 vinte-15 perse) sono davanti con 1,5 partite di vantaggio sui LA Dodgers e 3 partite sugli Arizona D’Backs. Chiudono questa division i SF Giants a 9 partite e i SD Padres a 10 partite; queste due squadre hanno al momento i 2 peggiori record delle Major League.

 

A livello individuale, gli onori della settimana vanno a Mookie Betts (Boston Red Sox) per l’American League e ad Alex Wood (LA Dodgers) per la National League.

Per l’esterno di Boston la settimana si è chiusa con una Media Battuta di .375 (9 su 24) e con 8 Punti Segnati, 4 Doppi, 3 Home Run, 11 Punti Battuti a Casa e 1 Base Rubata nelle 6 partite giocate dalla sua squadra. Per Betts è il secondo titolo di giocatore della settimana, dopo quello vinto nel Giugno 2015.

Per il lanciatore di Los Angeles la settimana si è conclusa con 2 vittorie in entrambe le partite lanciate. Durante i suoi 11 Inning di gioco, Alex ha concesso 1 solo punto e ottenuto 21 Strike Out contro le sole 2 Basi Ball e le 7 valide concesse. Per Wood è il primo titolo di Player of the Week.

 

Domenica è stata invece una giornata molto speciale a New York. Allo Yankee Stadium si è svolta la cerimonia per ritirare la divisa numero 2 degli Yankees. Il numero indossato da Derek Jeter durante i suoi 20 anni di carriera.

L’iconico capitano degli Yankees ha esordito nella squadra del Bronx il 29 Maggio 1995 per giocare con la loro divisa la sua intera carriera di Major League, terminata con una valida che ha fatto vincere la sua squadra, il 28 settembre 2014.

Per dare qualche numero della carriera di Jeter potrebbe bastare ricordare che ha una Media Battuta Vita di .310, con un totale di 3.465 valide, di cui 260 Home Run.

Ma nella sua carriera è stato anche: 14 volte un All Star, ha vinto 5 Gold Glove. E’ stato il Rookie of the Year nel 1996. Ma soprattutto ha guidato gli Yankees alla vittoria in 5 World Series.

Nel 2000 ha vinto è stato l’MVP dell’All Star Game (primo e al momento unico Yankee ad vincere questo titolo) e ha vinto il titolo di MVP delle World Series. E’ l’unico giocatore nella storia delle MLB ad aver vinto questi due titoli nella stessa stagione.

Cosa rara nel baseball, è stato nominato Capitano della sua squadra, Capitano degli Yankees, dal 2003 al 2014.

Nell’intervista dopo l’evento, ai giornalisti che gli chiedevano quale fosse la cosa più sensazionale che avesse fatto lui ha candidamente risposto: “Essere stato in grado di giocare sempre per la stessa squadra. Aver fatto parte degli Yankees per tutta la carriera”.

Davvero parole speciali per chi, a metà degli anni ’90, chiese e ottenne di indossare il numero 2 proprio perché era l’ultimo numero a singola cifra ancora disponibile.

Ora invece il numero 2 degli Yankees apparterrà per sempre a Derek Jeter.

WordPress Author Box
Simone Bacio

Milanese, nonostante la carta di identità reciti 1974 come anno di nascita sono ancora un giocatore di baseball, da più di 30 anni. Ancora mi diverto a battere la palla e difendere il sacchetto di Prima Base. Appassionato di sport sono un tifoso interista (poche grandi gioie e interminabili sofferenze). Amo la musica in generale con una preferenza per il rock e la grande passione per gli U2. Seguo da molto vicino la tecnologia e adoro perdermi nel mondo di Hyrule, giocando alla serie “La Leggenda di Zelda" Seguo da vicino il baseball americano grazie al tifo sfegatato per i Los Angeles Dodgers e alle 4 leghe di Fanta-baseball che ogni giorno (meglio dire notte) seguo.