Asia Professional Baseball Championship: la Korea spreca e vittoria Giappone al tie-break!

Pubblicato il Nov 16 2017 - 7:07pm by Filippo Coppola

Oggi è iniziato questo torneo al Tokyo Dome, denominato Asia Professional Baseball Championship, che vede le nazionali di baseball di Giappone, Corea del Sud e Taiwan partecipare ed è indicato per i maggiori prospetti dei rispettivi paesi. Ovviamente per la nazionale dei samurai giapponesi i convocati sono tutti provenienti dalla NPB, come quella coreana con giocatori che militano in KBO e altrettanto per quella taiwanese con giocatori provenienti dalla CPBL, ma quest’ultima ha convocato alcuni giocatori che militano in NPB.
Manifestazione a tre team quindi, che prevede una fase a girone unico e le prime due classificate accedono poi alla finale e giocando tutti i giorni questa è prevista per domenica prossima, con incontri che appunto si disputano tutti a Tokyo.

PROGRAMMA TORNEO:
gara 1: KOREA @ GIAPPONE   7 – 8  (10° inn.) ore 19.00 locali (11.00 in Italia)
gara 2: TAIWAN @ KOREA; ore 19.00 locali (11.00 in Italia)
gara 3: GIAPPONE @ TAIWAN; ore 18.30 locali (10.30 in Italia)
gara 4: finale tra 1ª e 2ª classificata. ore 18.00 locali (10.00 in Italia)

TABELLINO GARA 1:

TEAM 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 R H E B
0 0 0 4 0 0 0 0 0 3 7 7 1 6
0 0 1 0 0 2 0 0 1 4 8 8 0 5

W: Mizuki Hori (1-0, 0.00); L: Min-ho Lee (0-1, 27.00).

HR: Ha-seong Kim (1, 4° inn. su Yabuta, 0 on, 0 out)          (Corea del Sud)

Hotaka Yamakawa (1, 6° inn. su Chang-mo Koo, 1 on, 0 out), Seiji Uebayashi (1, 10° inn. su Deo-kju Ham, 2 on, 1 out).      (Giappone)

 

Il match si sblocca nella parte bassa del 3° inn., dove l’equilibrio viene spezzato da un errore della difesa coreana, nella situazione di due out, con battuta di Kensuke Kondo (Fighters, .413 e 3 HR) per l’1-0 contro il partente Hyun-shik Jang (Dinos, 9-9, 5.29).
Al cambio di campo va in difficoltà invece lo starter nipponico, Kazuki Yabuta (Carp, 15-3, 2.58), che subisce un big-inning dal line-up coreano, dopo aver ben gestito per tre inning i battitori avversari. Di fatto arriva subito il pareggio con l’HR da lead-off di Ha-seong Kim (Heroes, .302 e 23 HR) e parziale che va sull’1-1. Poi il partente nipponico accusa il colpo e subisce due singoli consecutivi da Won-jun Choi (Tigers, .308 e 3 HR) e Hyun Jung (Wiz, .300 e 6 HR) e poi arriva il primo vantaggio coreano con rbi messo a segno da Ju-suk Ha (Eagles, .285 e 11 HR), per il 2-1. Il massimo vantaggio lo raggiungono nella situazione di due eliminati, con il doppio da due rbi battuto da Jung-hoo Lee (Heroes, .324 e 2 HR), portando così il punteggio sul 4-1 per la Corea del Sud.
I giapponesi reagiscono due inning più tardi, dove riescono a portarsi ad una sola lunghezza marcando due punti nella parte bassa del 6° inn., colpendo il rilievo coreano Chang-mo Koo (Dinos, 7-10, 5.32), dove infatti con nessun eliminato e corridore in base arriva il fuoricampo del 4-3 battuto da Hotaka Yamakawa (Lions, .298 e 23 HR).
Il match prosegue con questo parziale fino al 9° inn., dove per la parte bassa i coreani schierano sul monte di lancio il rilievo Yoon-dong Kim (Tigers, 7-4, 4.59), come closer, ma dopo il primo out va in difficoltà riempiendo le basi, concedendo prima due BB di fila a Ryoma Nishikawa (Carp, .275 e 5 HR) e Tatsuhiro Tamura (Marines, .248 e 3 HR) e poi subisce un singolo da Masayuki Kuwahara (BayStars, .269 e 13 HR). Arriva il turno alla battuta di Yota Kyoda (Dragons, .264 e 4 HR) che guadagna una BB ed è da rbi per il 4-4!
Si va così agli extra-inning e con la regola del tie-break, con due corridori in base e i coreani riescono a colpire i lanciatori giapponesi, con Katsuki Matayoshi che subisce ben tre punti, per il 7-4 per gli ospiti, complice errore della difesa giapponese e gli rbi sono arrivati da Ji-hyuk Ryu (Bears, .259 e 3 HR) e da Ju-suk Ha.
Al cambio di campo i samurai si riscattano e con corridori in base i coreani schierano sul monte di lancio come rilievo ancora Deok-ju Ham (Bears, 9-8, 3.67), che aveva chiuso la precedente ripresa e trovato il primo out del 10° inn. subisce poi il fuoricampo da tre punti del nuovo pareggio sul 7-7 da Seiji Uebayashi (Hawks, .260 e 13 HR). Esce il pitcher ed entra così Min-ho Lee (Dinos, 5-1, 4.06) che trova subito il secondo eliminato della ripresa con strike-out inflitto a Shuta Tonosaki (Lions, .258 e 10 HR), ma poi arriva il singolo di Ryoma Nishikawa. Con Tatsuhiro Tamura nel box di battuta il corridore riesce a rubare la 2ªB e il catcher con occasione ghiotta di RISP batte il doppio-rbi dell’8-7 e vittoria Giappone su walk-off!

WordPress Author Box
Filippo Coppola

Vive alle falde del Vesuvio, a Boscotrecase (NA), laureato in Ing. Navale alla Federico II di Napoli è appassionato da tanti anni al grande gioco del baseball. Passione cresciuta di anno in anno, soprattutto di quello dell'estremo Oriente e in particolare quello giapponese e campionati asiatici (oltre a quello nostrano e Americano MLB), che segue con assiduità. E' tifoso dei Cincinnati Reds della NL in MLB, team storico di questo sport e che segue da quando ha scoperto il baseball. Invece per i team asiatici, non ha alcuna preferenza in assoluto, essendo appassionato di tutti. Primo in Europa a scrivere del baseball giapponese, coreano e taiwanese, direttamente da siti specializzati di quei paesi. Ha aperto la coach-convention del 2016 della FIBS a Roma, presentando il baseball del Giappone, descrivendo storia e particolarità dello "yakyu". Ha per come hobby la vela, lo sport in genere e seguire il calcio Napoli, inoltre preferisce analizzare dati statistici e i numeri del baseball, sport dipendente da quest'ultimi, e alla ricerca e scoperta della sabermetrica, ovvero l'analisi del baseball attraverso le statistiche.

Like us on Facebook
on Facebook
Filippo Coppola