OldRags Lodi, si vince anche battendo di meno!

Pubblicato il Lug 28 2020 - 7:06pm by Fabrizio Gatti

La giornata era torrida, il campo di Bergamo una novità, gli avversari un’incognita. Alla fine si è giocato a baseball senza troppi trucchi e ne è venuta fuori una discreta partita.

I lodigiani iniziano subito forte, con ben 4 punti nel primo inning, aiutati dal lanciatore partente, il sedicenne Carnevale, velocissimo ma parecchio scontrollato, che regala qualche base di troppo, che diventano subito punti con le valide di Terzini e Montanari. Dal canto loro i bergamaschi hanno nella prima parte del line up i loro battitori più forti e riducono le distanze con Dall’Agnese e Perez. I primi quattro inning sono la parte migliore della gara, il caldo non ha ancora rallentato i riflessi, Nodari tiene il monte con la solita autorevolezza, arrivano altre valide da entrambe le parti così alla fine del IV il risultato è già definito sul 7-3 per il Lodi.

Entrambe le compagini provvederanno ad un balletto di lanciatori, alla discesa dei partenti: gli Olds mettendoci Montanari (in seguito infortunatosi in una rubata della seconda base), poi la sorpresa Boffelli che ne mette al piatto ben tre in un solo inning ed infine il closer Gremi che chiude gli ultimi due tempi con smalto e due Kappa..

Appunto dal 5° inning in avanti la partita si srotola su un punticino alla volta, rosicchiato dai bergamaschi, così quel primo inning ben fornito dei gialloverdi si rivelerà alla fine determinante, un piccolo distacco dimostratosi incolmabile.

Lo scorer dà numeri piuttosto difficili da interpretare, alla luce del risultato finale, perché il Bergamo batte 10 singoli e 2 doppi a fronte di “solo” 7 singoli degli Old Rags. I quali vinceranno anche la classifica degli errori, con 6 complessivi versus i 2 bergamaschi.

Si potrebbe trovare la spiegazione nelle numerose basi per ball regalate a piene mani dagli avversari per tutta la partita (e due lanci pazzi con l’uomo in terza), anche perché alla fine al piatto rimarranno solo 8 lodigiani contro 14 bergamaschi. Colombi, Dall’Agnese (ex nazionale Under 18), Gibson, Perez e Gnudi (il Bergamo sì che ha i suoi frombolieri oriundi) sono bocche di fuoco: soltanto da loro arriveranno ben 9 delle 12 valide della partita.

Gli Old Rags, a voler essere sinceri, hanno giocato a sprazzi, con alcuni momenti di mollezza estatica ed errori dovuti a superficialità. Non stavano sottovalutando la partita, solamente si prendevano delle libertà di concentrazione che il coach Carini ha subito rinfocolato, ben guidando, anche strategicamente, gli interni e i lanciatori Boffelli e Gremi.

Marco Maglio, che si è alternato con Foglio alla guardia del cuscino di prima base, ha battuto la sua bella validina al 3°, ed è stato protagonista (vecchio gigione!) di un simpatico siparietto con l’arbitro, infastidito da una vespa che il nostro ha bellamente scacciato.  A Bergamo hanno battuto la loro prima valida della stagione anche Terzini, Faraglia e Braho.  Meglio ancora ha fatto Dossena (2 valide e 3 rbi). Quattro ore di partita a luglio, nelle attuali condizioni di limite date dal Corona virus, sono davvero state una dura prova di resistenza per tutti. Hanno vinto gli old Rags, ma di poco, e sempre con il patema di vedersi recuperare l’esiguo vantaggio. Il Bergamo è una squadra molto simile ai gialloverdi, il confronto di domenica 26 luglio doveva servire ai lodigiani per capire di che pasta sono davvero fatti. Un po’ di fortuna li ha anche aiutati. Ci ritroveremo in settembre.

 

OLD RAGS_____4_1_0_2_0_0_0_1_0   totale 8

BERGAMO_____2_0_1_0_0_2_0_1_0   totale 6

 

Valide: Old Rags 7, Bergamo 10 singoli e 2 doppi

Errori: Old Rags  6, Bergamo  2

 

Qui finisce la cronaca. Ora, l’aneddoto.

Oggi il Gatto (il nostro Fabrizio Gatti) era particolarmente emozionato, perché sia gli Old Rags che il Bergamo sono squadre che porta nel cuore.  Una decina di anni fa, proprio dopo aver assistito a Lodi ad una partita di serie C tra Walls e Old Rags il Gatto, ringalluzzito dal livello di gioco “percepito” in quell’occasione, aveva bislaccamente pensato di poter tornare a giocare ed era andato a Begamo a sostenere alcuni allenamenti che lo avevano reso ben accetto come possibile “ultima riserva”, ma ancora in campo a cinquantacinque anni!  Gliene è rimasto un ricordo dolcissimo, come di un’ultima occasione possibile, rinunciata poi per le proposte di una certa squadra biancazzurra. Così il Gatto non ha mai giocato nel Bergamo, ma ne ha fatto idealmente parte per un’intera estate. Con un po’ di fantasia immaginatelo parecchio più giovane di oggi, più scattante, più magro e leggero. Insomma uno che poteva sedersi sull’ultima sedia di un dug out ad aspettare pazientemente una chiamata. Per questo, da Old Rag, amo anche i Walls di Bergamo!

WordPress Author Box
Fabrizio Gatti

Eterno ragazzo, per tutti gli anni settanta ha giocato a baseball come pitcher nella squadra di Cremona - sua città natale - ricoprendo anche incarichi tecnici e direttivi. Con gli Old Rags di Lodi dal 2014, ne è dirigente accompagnatore, perfettamente integrato con lo spirito della società, per la quale ha scritto l’inno “Old Rags song”, in video su Youtube. Esperto di Comunicazione, lavora per una importante casa editrice. E’ soprannominato “Gatto” (e ci tiene).